“E allora i Rom?”

Nel­le set­ti­ma­ne scor­se Sal­vi­ni e il suo sosia Di Maio han­no dichia­ra­to ai quat­tro ven­ti che il cosid­det­to red­di­to di cit­ta­di­nan­za sareb­be anda­to solo agli ita­lia­ni e non agli stra­nie­ri.

Ma que­ste dichia­ra­zio­ni, per quan­to asso­lu­ta­men­te in linea con l’orientamento poli­ti­co pale­se­men­te discri­mi­na­to­rio dei due pre­mier occul­ti di que­sto gover­no simu­la­to, sono sta­te pre­se con le mol­le pri­ma di tut­to dal­la stes­sa destra.

Il Tem­po, gior­na­le dichia­ra­ta­men­te schie­ra­to su quel­le posi­zio­ni, scri­ve tur­ba­to il 23 set­tem­bre: non si può mica non dar­lo agli stra­nie­ri, il red­di­to di cit­ta­di­nan­za, un sac­co di loro sono già tra noi.

In par­ti­co­la­re, il pez­zo a fir­ma del qua­si omo­ni­mo Alber­to Di Majo, rile­va con orro­re (defi­nen­do­la una “bef­fa”) l’esistenza di oltre 1.500.000 cit­ta­di­ni comu­ni­ta­ri, in lar­ga par­te rume­ni, che vivo­no nel nostro Pae­se e di un sac­co di altri stra­nie­ri che pro­ven­go­no da Pae­si con i qua­li l’I­ta­lia ha sti­pu­la­to con­ven­zio­ni bila­te­ra­li di sicu­rez­za sociale.

La pla­tea inte­res­sa­ta, che secon­do i pro­cla­mi dove­va esse­re esclu­sa, fra cit­ta­di­ni comu­ni­ta­ri e stra­nie­ri pro­ve­nien­ti da Sta­ti che han­no sot­to­scrit­to accor­di di reci­pro­ci­tà ammon­te­reb­be a cir­ca 2 milio­ni di persone.

Esclu­der­li dal prov­ve­di­men­to vio­le­reb­be il prin­ci­pio di discri­mi­na­zio­ne in base alla nazio­na­li­tà (art. 18 del trat­ta­to di fun­zio­na­men­to dell’UE, riba­di­to dall’art. 21 com­ma 2 del­la Car­ta dei Dirit­ti fon­da­men­ta­li dell’UE).

I dati pub­bli­ca­ti da Il Tem­po, a dire il vero, appa­io­no copia­ti e incol­la­ti da un arti­co­lo di fact chec­king del 22 set­tem­bre dell’agenzia AGI, che tito­la­va “Ma si può dare il red­di­to di cit­ta­di­nan­za solo ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni?

La rispo­sta, ovvia­men­te, con gran­de scon­cer­to a destra, è no.

Di ieri il ten­ta­ti­vo di ridur­re gli effet­ti di que­sti obbli­ghi inse­ren­do il requi­si­to del­la resi­den­za da oltre 10 anni da par­te del­lo stra­nie­ro, ma dif­fi­cil­men­te funzionerà.

Sem­pre ieri, inve­ce, è Libe­ro a sca­te­na­re il pani­co nel cam­po leghi­sta, dan­do in pri­ma pagi­na l’ulteriore fera­le (per loro) noti­zia: il red­di­to di cit­ta­di­nan­za andrà anche ai Rom.

Con una sofi­sti­ca­ta inda­gi­ne degna del Puli­tzer, il quo­ti­dia­no in que­stio­ne ha “sco­per­to” che pri­ma anco­ra dei cit­ta­di­ni comu­ni­ta­ri ed extra­co­mu­ni­ta­ri che non piac­cio­no a Sal­vi­ni e a Di Maio esi­ste un altro grup­po di per­so­ne nel miri­no, su base etni­ca, di Sal­vi­ni, rice­ven­do espo­sti e denun­ce per isti­ga­zio­ne all’odio raz­zia­le, che frui­rà del­la misura.

Si trat­ta dei Rom, dei Sin­ti e dei Caminanti.

Gli stes­si Rom di cui Sal­vi­ni, ema­nan­do il Decre­to Sicu­rez­za e Immi­gra­zio­ne, ave­va pro­mes­so, o meglio minac­cia­to, di “occu­par­si” dopo i migranti.

Fac­cia­mo un pas­so indietro.

Il 18 giu­gno 2018 pro­prio Sal­vi­ni annun­cia­va in un pro­gram­ma tele­vi­si­vo la pre­pa­ra­zio­ne, al Mini­ste­ro di “un dos­sier sul­la situa­zio­ne Rom in Ita­lia” o meglio “…una rico­gni­zio­ne del­la situa­zio­ne Rom in giro per l’Italia per vede­re di capi­re chi, come, quan­ti..” insom­ma quel­lo che all’epoca di Maro­ni “…ven­ne chia­ma­to cen­si­men­to, apri­ti cie­lo, chia­mia­mo­la ana­gra­fe, chia­mia­mo­la una situa­zio­ne, una foto­gra­fia per capi­re di che cosa stia­mo parlando”.

Ma subi­to dopo, affron­tan­do l’argomento del­le espul­sio­ni di dete­nu­ti stra­nie­ri, affermava

Poi i Rom ita­lia­ni pur­trop­po te li devi tene­re in Ita­lia, per­ché non li puoi espel­le­re.

E devi cor­ri­spon­de­re anche a loro il red­di­to di cit­ta­di­nan­za, sco­pre Libe­ro con orro­re.

Scen­den­do anche qui nel par­ti­co­la­re, secon­do i rap­por­ti ISTAT del 2017 rea­liz­za­ti insie­me all’Ufficio nazio­na­le anti­di­scri­mi­na­zio­ni raz­zia­li e all’Anci e a quel­li annua­li dell’Associazione 21 luglio, in Ita­lia vivo­no sta­bil­men­te tra le 110mila e le 170mila per­so­ne che si iden­ti­fi­ca­no come Rom, Sin­ti o Cami­nan­ti, tre sot­to­grup­pi uni­ti dal fat­to di par­la­re una del­le varie ver­sio­ne del­la lin­gua romaní.

Cir­ca 70 mila tra loro sono di nazio­na­li­tà ita­lia­na, in mag­gio­ran­za discen­den­ti di fami­glie rom arri­va­te in Ita­lia nel Medioe­vo, men­tre gli altri pro­ven­go­no qua­si tut­ti dall’Europa dell’est, soprat­tut­to dal­la Roma­nia, con sta­tus quin­di di comunitari.

Qua­si tut­te que­ste per­so­ne non solo potran­no frui­re del red­di­to di cit­ta­di­nan­za in ragio­ne del­le loro con­di­zio­ni di vita e red­di­tua­li, ma potreb­be esse­re dav­ve­ro una misu­ra uti­le per far usci­re dai cir­cui­ti dell’illegalità e del­la micro­cri­mi­na­li­tà quel­li che pur­trop­po ne sono parte.

Resta da vede­re se i mini­stri del­la discri­mi­na­zio­ne ne sia­no con­sa­pe­vo­li e cosa cer­che­ran­no di esco­gi­ta­re per impe­di­re que­sto effet­to, con­se­guen­za per loro nefa­sta del fami­ge­ra­to art. 3 del­la nostra Costi­tu­zio­ne che sta­bi­li­sce il prin­ci­pio di uguaglianza.

Ma le cro­na­che di que­sti gior­ni di discri­mi­na­zio­ni annun­cia­te han­no por­ta­to anche una noti­zia di segno oppo­sto, nel sen­so dei sog­get­ti discri­mi­na­ti (per­ché le discri­mi­na­zio­ni, si sa, sono sem­pre sog­get­ti­ve e discre­zio­na­li e chi le annun­cia le aspetti).

In mol­ti, infat­ti, si sono indi­gna­ti per­ché pare­va che gli ita­lia­ni in Ger­ma­nia potes­se­ro vede­re ridi­men­sio­na­te le loro pre­ro­ga­ti­ve per quan­to riguar­da il sus­si­dio di disoc­cu­pa­zio­ne.

Come è noto, o meglio come avreb­be dovu­to esse­re noto ma non lo era pri­ma dell’allar­me in que­stio­ne, in Ger­ma­nia (cioè il Pae­se cui vie­ne rin­fac­cia­to di dover fare più acco­glien­za, e che nel 2017 ha accol­to 325.370 richie­den­ti asi­lo, con­tro i 35.130 dell’ Ita­lia, con qua­si 800.000 cit­ta­di­ni ita­lia­ni resi­den­ti), a par­ti­re dai pri­mi anni 2000 esi­ste il sus­si­dio Alg II, cioè un red­di­to di disoc­cu­pa­zio­ne a tem­po inde­ter­mi­na­to a cui ha dirit­to chi non è mai entra­to nel mon­do del lavo­ro e chi esau­ri­sce il sus­si­dio di disoc­cu­pa­zio­ne.

Si par­te da una base di 800 euro per i sin­gle, che aumen­ta in modo pro­gres­si­vo in pro­por­zio­ne alle dimen­sio­ni del nucleo fami­lia­re, desti­na­to anche ai cit­ta­di­ni stra­nie­ri resi­den­ti in Ger­ma­nia, che rap­pre­sen­ta­no cir­ca un quin­to del tota­le dei beneficiari.

La noti­zia è ini­zial­men­te usci­ta in modo sobrio, più o meno come “La Mer­kel cac­cia gli ita­lia­ni indi­gen­ti” e face­va rife­ri­men­to ad un ser­vi­zio radio­fo­ni­co che rac­con­ta­va di una let­te­ra rice­vu­ta da un cen­ti­na­io (que­sta la pla­tea che ha deter­mi­na­to l’allarme socia­le) di ita­lia­ni resi­den­ti in Ger­ma­nia in cui si con­si­glia­va, let­te­ral­men­te, di lascia­re il Pae­se ove aves­se­ro esau­ri­to il dirit­to a rice­ve­re sus­si­di socia­li e aves­se­ro anche smes­so di cer­ca­re un lavoro.

Una rapi­da veri­fi­ca ha per­mes­so di accer­ta­re la veri­tà dei fat­ti, anche da par­te del­le mag­gio­ri testa­te come Repub­bli­ca che scri­ve “una vol­ta per­so il lavo­ro, una vol­ta esau­ri­to il dirit­to al sus­si­dio di disoc­cu­pa­zio­ne (sei mesi) e, suc­ces­si­va­men­te, all’as­se­gno socia­le (altri sei mesi), se non si risie­de in Ger­ma­nia da cin­que anni (cau­sa leg­ge Nahles), non si pos­so­no più chie­de­re aiu­ti. A quel pun­to può acca­de­re, ma non è auto­ma­ti­co, e sem­pre che se non si dimo­stri alme­no che si stia ten­tan­do di cer­ca­re un lavo­ro, che i Comu­ni sug­ge­ri­sca­no — esat­ta­men­te come fan­no con qual­sia­si altro cit­ta­di­no euro­peo, dun­que con bul­ga­ri, fran­ce­si, olan­de­si o gre­ci — di lascia­re il Pae­se.

La vera noti­zia, infat­ti, è che dei qua­si 800.000 ita­lia­ni resi­den­ti in Ger­ma­nia, cir­ca 70.000 per­ce­pi­sco­no in modo pie­no e legit­ti­mo un sus­si­dio sociale.

E que­sto per i moti­vi già ricor­da­ti, per­ché sus­si­ste un trat­ta­to di reci­pro­ci­tà e per­ché esi­sto­no ita­lia­ni pove­ri che il sus­si­dio lo pren­do­no già all’estero, dove sono migra­ti in cer­ca di con­di­zio­ni miglio­ri di vita, man­te­nen­do la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na.

Così il cer­chio si chiude.

Così si dovreb­be final­men­te com­pren­de­re in modo più net­to che chi si spo­sta, per guer­ra ma anche per fame o sola­men­te per cer­ca­re con­di­zio­ni di vita miglio­ri, lo può fare in modo one­sto sen­za delin­que­re, come han­no fat­to tan­ti nostri con­na­zio­na­li (per­ché c’è chi delin­que, ma è mino­ran­za), che ven­go­no aiu­ta­ti eco­no­mi­ca­men­te da Sta­ti stra­nie­ri esat­ta­men­te come è tenu­to a fare il nostro a pari­tà di condizioni.

L’ulteriore con­se­guen­za è che se vale per “noi”, allo­ra dovreb­be vale­re per tut­ti, anche per quel­li che ven­go­no da più lon­ta­no, diver­si solo per il colo­re del­la pel­le, cioè esat­ta­men­te l’opposto di quan­to pre­fi­gu­ra­to dall’emanando decre­to sull’immigrazione.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.