Dovrebbero essere tutti femministi

Dovrebbero essere tutti femministi, non sessisti, o spiegazionisti, per dire così, di come dovremmo vivere noi, quanti figli fare, come vestirci, in quale stanza della casa stare, comprese quelle case chiuse che per qualcuno sono un modello, per me un’aberrazione. Bisogna liberare le persone, le donne, prima di tutto. Tutto il resto è un disegno che conosciamo già, perché ha imperato per migliaia di anni. Anche basta.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Da gior­ni sto leg­gen­do di que­sta fami­glia di 11 figli e del­la loro mam­ma che pen­sa già ai pros­si­mi. Se lo fac­cia per fede neo­ca­te­cu­me­na­le o per amo­re di fami­glie nume­ro­se lo igno­ro, non mi sono docu­men­ta­ta e non mi inte­res­sa. E se insie­me al mari­to rie­sco­no a cre­sce­re ed assi­ste­re tut­ti i figli, se sono feli­ci loro ed è feli­ce lei, anche io sono feli­ce per loro.

Quel­lo che non tol­le­ro è che ven­ga pre­sa a esem­pio, come model­lo di don­na rea­liz­za­ta e gene­ro­sa per­ché gene­ra un figlio all’anno.

Sono stan­ca dei mes­sag­gi sem­pre meno subli­mi­na­li che con­ti­nua­no a pro­pi­nar­ci che vedo­no nel bino­mio don­na-mam­ma il model­lo di don­na su cui pla­sma­re la con­si­de­ra­zio­ne socia­le, secon­do il qua­le tut­to il resto è una copia sbia­di­ta o non com­ple­ta. Da bia­si­ma­re o com­pa­ti­re a secon­da del­le occasioni.

Sono stan­ca degli sguar­di di ripro­va­zio­ne quan­do una don­na dice che non vuo­le figli e sta bene così. Quan­do dice che ha abor­ti­to e sta bene così. Quan­do ritie­ne la sua car­rie­ra e la sua rea­liz­za­zio­ne impor­tan­te quan­to la fami­glia e a vol­te anche più importante.

E sono stan­ca di que­sto con­ti­nuo bana­liz­za­re e usa­re stru­men­tal­men­te le que­stio­ni che riguar­da­no la fami­glia e il calo del­la nata­li­tà.

Sono don­na e mam­ma. Sono cre­sciu­ta con l’idea di ave­re una fami­glia enor­me e una spic­ca­ta incli­na­zio­ne alla mater­ni­tà. Cosa in par­te vera, ma che ha poi coz­za­to con la real­tà. Ho fat­to due figli e mil­le lavo­ri. Ho visto che gli uomi­ni era­no più paga­ti di me. Sem­pre. Ho visto don­ne feli­ci e don­ne infe­li­ci, ami­che vio­la­te e pic­chia­te. Ho visto mam­me ango­scia­te. Non è que­stio­ne di nume­ri, è que­stio­ne di qua­li­tà del­la vita. E anche di tan­ta soli­tu­di­ne. Per­ché la mater­ni­tà non è sem­pre la favo­la che ti rac­con­ta­no, può esse­re fero­ce e distrut­ti­va. E qua­si mai il soste­gno è ade­gua­to. Non sia­mo for­ni, non sia­mo ancel­le, ci sarem­mo anche rot­te l’anima di tut­to que­sto pater­na­li­smo, di sta­ti­sti­che da Guin­ness dei pri­ma­ti (e i pri­ma­ti sap­pia­mo chi sono) che nascon­do­no i nume­ri veri, del­la quo­ti­dia­ni­tà, del lavo­ro, del­la fatica.

Dovreb­be­ro esse­re tut­ti fem­mi­ni­sti, non ses­si­sti, o spie­ga­zio­ni­sti, per dire così, di come dovrem­mo vive­re noi, quan­ti figli fare, come vestir­ci, in qua­le stan­za del­la casa sta­re, com­pre­se quel­le case chiu­se che per qual­cu­no sono un model­lo, per me un’aberrazione. Biso­gna libe­ra­re le per­so­ne, le don­ne, pri­ma di tut­to. Tut­to il resto è un dise­gno che cono­scia­mo già, per­ché ha impe­ra­to per miglia­ia di anni. Anche basta.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?