Dovrebbero essere tutti femministi

Dovrebbero essere tutti femministi, non sessisti, o spiegazionisti, per dire così, di come dovremmo vivere noi, quanti figli fare, come vestirci, in quale stanza della casa stare, comprese quelle case chiuse che per qualcuno sono un modello, per me un’aberrazione. Bisogna liberare le persone, le donne, prima di tutto. Tutto il resto è un disegno che conosciamo già, perché ha imperato per migliaia di anni. Anche basta.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Da gior­ni sto leg­gen­do di que­sta fami­glia di 11 figli e del­la loro mam­ma che pen­sa già ai pros­si­mi. Se lo fac­cia per fede neo­ca­te­cu­me­na­le o per amo­re di fami­glie nume­ro­se lo igno­ro, non mi sono docu­men­ta­ta e non mi inte­res­sa. E se insie­me al mari­to rie­sco­no a cre­sce­re ed assi­ste­re tut­ti i figli, se sono feli­ci loro ed è feli­ce lei, anche io sono feli­ce per loro.

Quel­lo che non tol­le­ro è che ven­ga pre­sa a esem­pio, come model­lo di don­na rea­liz­za­ta e gene­ro­sa per­ché gene­ra un figlio all’anno.

Sono stan­ca dei mes­sag­gi sem­pre meno subli­mi­na­li che con­ti­nua­no a pro­pi­nar­ci che vedo­no nel bino­mio don­na-mam­ma il model­lo di don­na su cui pla­sma­re la con­si­de­ra­zio­ne socia­le, secon­do il qua­le tut­to il resto è una copia sbia­di­ta o non com­ple­ta. Da bia­si­ma­re o com­pa­ti­re a secon­da del­le occasioni.

Sono stan­ca degli sguar­di di ripro­va­zio­ne quan­do una don­na dice che non vuo­le figli e sta bene così. Quan­do dice che ha abor­ti­to e sta bene così. Quan­do ritie­ne la sua car­rie­ra e la sua rea­liz­za­zio­ne impor­tan­te quan­to la fami­glia e a vol­te anche più importante.

E sono stan­ca di que­sto con­ti­nuo bana­liz­za­re e usa­re stru­men­tal­men­te le que­stio­ni che riguar­da­no la fami­glia e il calo del­la nata­li­tà.

Sono don­na e mam­ma. Sono cre­sciu­ta con l’idea di ave­re una fami­glia enor­me e una spic­ca­ta incli­na­zio­ne alla mater­ni­tà. Cosa in par­te vera, ma che ha poi coz­za­to con la real­tà. Ho fat­to due figli e mil­le lavo­ri. Ho visto che gli uomi­ni era­no più paga­ti di me. Sem­pre. Ho visto don­ne feli­ci e don­ne infe­li­ci, ami­che vio­la­te e pic­chia­te. Ho visto mam­me ango­scia­te. Non è que­stio­ne di nume­ri, è que­stio­ne di qua­li­tà del­la vita. E anche di tan­ta soli­tu­di­ne. Per­ché la mater­ni­tà non è sem­pre la favo­la che ti rac­con­ta­no, può esse­re fero­ce e distrut­ti­va. E qua­si mai il soste­gno è ade­gua­to. Non sia­mo for­ni, non sia­mo ancel­le, ci sarem­mo anche rot­te l’anima di tut­to que­sto pater­na­li­smo, di sta­ti­sti­che da Guin­ness dei pri­ma­ti (e i pri­ma­ti sap­pia­mo chi sono) che nascon­do­no i nume­ri veri, del­la quo­ti­dia­ni­tà, del lavo­ro, del­la fatica.

Dovreb­be­ro esse­re tut­ti fem­mi­ni­sti, non ses­si­sti, o spie­ga­zio­ni­sti, per dire così, di come dovrem­mo vive­re noi, quan­ti figli fare, come vestir­ci, in qua­le stan­za del­la casa sta­re, com­pre­se quel­le case chiu­se che per qual­cu­no sono un model­lo, per me un’aberrazione. Biso­gna libe­ra­re le per­so­ne, le don­ne, pri­ma di tut­to. Tut­to il resto è un dise­gno che cono­scia­mo già, per­ché ha impe­ra­to per miglia­ia di anni. Anche basta.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.