Dove eravamo rimasti

Nel­la bol­la social poli­ti­ciz­za­ta e di sini­stra, quel­la di ieri è sta­ta la gior­na­ta del­le pri­ma­rie del Pd, per chi ne è mili­tan­te o elet­to­re, ma anche per chi c’è anda­to pur non essen­do­lo più ma vole­va dare un segna­le, e per­si­no per chi non ci è anda­to, ma ha fini­to comun­que per par­lar­ne. Que­sto qual­co­sa vor­rà pur dire, anche se non è det­to che voglia dire tutto.

Vale la pena, per que­sto moti­vo, riav­vol­ge­re il nastro e ricor­da­re cosa è suc­ces­so in que­sti ulti­mi anni, in par­ti­co­la­re dal 2013 in poi. Per­ché se poli­ti­ca­men­te le cose nel e per il Pd han­no ini­zia­to a cam­bia­re nel 2011 con il soste­gno al gover­no Mon­ti e alle misu­re “sal­va Ita­lia”, e poi con l’i­ni­zio del­le lar­ghe inte­se, è pur vero che all’e­po­ca il dan­no fu giu­sti­fi­ca­to da ragio­ni di respon­sa­bi­li­tà (anche se agli elet­to­ri non bastò, come giu­sti­fi­ca­zio­ne). È dal 2013, inve­ce, che quel­lo sche­ma poli­ti­co si è tra­sfor­ma­to da neces­si­tà a dise­gno, anzi a pro­gram­ma — mai discus­so né vota­to, peral­tro — pre­ci­so e volu­to. E quel dise­gno ha avu­to innan­zi­tut­to un nome, quel­lo di Mat­teo Ren­zi. È lui che per pri­mo ha rot­to il cen­tro­si­ni­stra, per­ché lo rite­ne­va uno sche­ma supe­ra­to, è lui che ha inse­gui­to il voto mode­ra­to con misu­re libe­ri­ste, ed è lui che, per buo­na misu­ra, ha anche caval­ca­to per pri­mo l’on­da popu­li­sta con­tro cui oggi tan­to si sca­glia, per meto­do e lin­guag­gio. Ed è anco­ra lui, con i suoi soda­li, per­si­no dopo le cla­mo­ro­se scon­fit­te, che con­ti­nua a riven­di­ca­re e ad auspi­ca­re quel­lo stes­so schema.

Comun­que la si pen­si sul­l’e­si­to di que­ste pri­ma­rie, quin­di, è indub­bio che abbia vin­to il can­di­da­to e l’op­zio­ne a quel­lo sche­ma in asso­lu­to più lon­ta­no, men­tre quel­lo che gli è più vici­no in purez­za è arri­va­to ter­zo, con per­cen­tua­li mar­gi­na­li. I più atten­ti e cri­ti­ci fan­no nota­re che è un po’ dif­fi­ci­le attri­bui­re a Zin­ga­ret­ti que­sta discon­ti­nui­tà, essen­do­si schie­ra­ti con lui mol­ti tra colo­ro che nel­la sta­gio­ne del ren­zi­smo han­no avu­to ruo­li fon­da­men­ta­li, nel par­ti­to e nel gover­no del Pae­se, da Gen­ti­lo­ni a Min­ni­ti pas­san­do per l’im­ma­nen­te Fran­ce­schi­ni. Ciò nono­stan­te, i votan­ti di ieri sem­bra­no voler dare cre­di­to, alme­no momen­ta­nea­men­te, a quel­la discon­ti­nui­tà, ed è una pro­mes­sa que­sta a cui Zin­ga­ret­ti in un modo o nel­l’al­tro dovrà tro­va­re il modo di rispon­de­re, a pre­scin­de­re dai suoi allea­ti con­gres­sua­li. Anche le pro­por­zio­ni del­la vit­to­ria lo dico­no: quel­le del 2017 furo­no pri­ma­rie vin­te da Ren­zi con 1,8 milio­ni di par­te­ci­pan­ti, in gran­de ribas­so rispet­to al con­gres­so pre­ce­den­te, pri­ma­rie stan­che che Ren­zi stra­vin­se sen­za nem­me­no dover gio­ca­re sul serio. A que­ste per ora se ne con­ta­no 1,7 — il dato non è defi­ni­ti­vo — ma stan­te la stes­sa stan­chez­za che le ha un po’ eclis­sa­te nel­le set­ti­ma­ne pre­ce­den­ti, nel­la man­ca­ta pre­sen­za, alme­no rispet­to al tem­po che fu, nel dibat­ti­to pub­bli­co, il risul­ta­to si con­si­de­ra comun­que posi­ti­vo, giac­ché la sen­sa­zio­ne è che potes­se anda­re peg­gio. E, se il risul­ta­to è posi­ti­vo, è per­ché la rispo­sta è arri­va­ta da un elet­to­ra­to di sini­stra che ha rispo­sto alla chia­ma­ta, e che ha volu­to cre­de­re in un cam­bio di rot­ta. Che ha volu­to insom­ma, per sin­te­tiz­za­re, pre­mia­re il can­di­da­to più diver­so dal Pd di que­sti ulti­mi anni.

Que­sto è ovvia­men­te inte­res­san­te per chi, come mol­ti di noi, il Pd lo ha lascia­to — o ha smes­so di allear­ci­si — dal 2013 in poi. Quan­do il ren­zi­smo era al suo api­ce, vola­va nei con­sen­si e oppor­si ad esso signi­fi­ca­va met­ter­si con­tro tut­ti i media che lo ado­ra­va­no, e un elet­to­ra­to — tal­men­te vasto da arri­va­re fino a For­za Ita­lia — che ne era sta­to con­qui­sta­to. Del perio­do fre­ne­ti­co — e che in modo altret­tan­to rapi­do si è bru­cia­to — in cui la mac­chi­na ren­zia­na pro­ce­de­va come una schiac­cia­sas­si, pun­ta­ta più ver­so gli allea­ti che ver­so gli avver­sa­ri, vale la pena ricor­da­re il filot­to di rifor­me e prov­ve­di­men­ti a cui ci oppo­nem­mo: dal­la nasci­ta del­l’en­ne­si­mo gover­no di legi­sla­tu­ra nato a tavo­li­no e com­po­sto da una mag­gio­ran­za inna­tu­ra­le e rac­co­gli­tic­cia (vedi Alfa­no, per chi se lo ricor­da), alle tri­vel­la­zio­ni libe­re del­lo Sbloc­ca Ita­lia, dal­la pes­si­ma Buo­na Scuo­la alla can­cel­la­zio­ne dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri del Jobs Act, fino alla disa­stro­sa e sui­ci­da rifor­ma costi­tu­zio­na­le. Ma non per­ché il pro­ble­ma fos­se sem­pli­ce­men­te Ren­zi in quan­to tale, ed è per que­sto che non basta libe­rar­si di lui per risol­ver­lo, ma per­ché lo era quel­lo sche­ma poli­ti­co, che infat­ti ha poi tro­va­to in Gen­ti­lo­ni un inter­pre­te più gar­ba­to e meno ingom­bran­te, ma non cer­to capa­ce di discon­ti­nui­tà, anzi: era nel suo gover­no Min­ni­ti, che sul­l’im­mi­gra­zio­ne ha fat­to di peg­gio e ha crea­to il ter­re­no idea­le per il suc­ces­so di Sal­vi­ni, ed è di quel gover­no la cer­vel­lo­ti­ca e demen­zia­le leg­ge elet­to­ra­le, di cui curio­sa­men­te nes­su­no par­la più.

A distan­za di qual­che anno, pos­sia­mo dire che su quel­le que­stio­ni ave­va­mo ragio­ne, dopo­tut­to (pur non essen­do sta­ti bra­vi a spie­gar­lo all’e­let­to­ra­to), e for­se è pro­prio il voto di ieri a Zin­ga­ret­ti a dimo­strar­lo, e chi lo ha vota­to pen­sa le stes­se cose. Chi lo sostie­ne, tra gli espo­nen­ti di pun­ta del Pd, ha nel frat­tem­po cam­bia­to idea? Da recen­ti dichia­ra­zio­ni di alcu­ni di loro, in pri­mis Gen­ti­lo­ni, non pare, ma in ogni caso lo vedre­mo con il pas­sa­re del­le set­ti­ma­ne. Toc­che­rà anche a Zin­ga­ret­ti stes­so chia­ri­re il suo pro­get­to, che nel­la cam­pa­gna con­gres­sua­le, fat­ta ecce­zio­ne alcu­ni pun­ti del­la sua mozio­ne, è sta­to abba­stan­za coper­to. Anche per com­pren­si­bi­li ragio­ni tat­ti­che, pro­ba­bil­men­te. Qua­li saran­no le pro­po­ste del suo Pd è un argo­men­to di inte­res­se per tut­ti, diret­ta­men­te o meno, ma al momen­to è anche una doman­da aper­ta. Per cita­re un esem­pio, a vit­to­ria acqui­si­ta, la sua dedi­ca a Gre­ta Thun­berg indi­ca una sen­si­bi­li­tà al tema ambien­ta­le che in que­sti anni non è cer­to sta­ta al cen­tro, e nem­me­no nel­la peri­fe­ria, del­la pro­po­sta del Pd. Lo stes­so Zin­ga­ret­ti è avver­sa­to da sini­stra, nel­la sua regio­ne, pro­prio su un tema green qua­le la tute­la dei par­chi, oltre che su altri capi­to­li riguar­dan­ti ad esem­pio la sani­tà pri­va­ta. Ma è anche vero che è sta­to l’u­ni­co espo­nen­te del cen­tro­si­ni­stra, in que­sta sta­gio­ne ini­zia­ta il 4 mar­zo del 2018, a ricon­fer­mar­si e a vin­ce­re un’e­le­zio­ne, che di que­sti tem­pi non è poco.

Inol­tre, Zin­ga­ret­ti non può non sape­re che il Pd da solo non basta, per atti­ra­re o ricon­qui­sta­re a sé ciò che si muo­ve nel popo­lo dif­fu­so che si oppo­ne alla deri­va di que­sto gover­no. Lo dimo­stra­no esem­pi recen­tis­si­mi: la mani­fe­sta­zio­ne mila­ne­se di saba­to, per sta­re alla strin­gen­te attua­li­tà, cer­to ave­va den­tro anche il Pd, oltre ai vari par­ti­ti del­la sini­stra, e ai sin­da­ca­ti, ma anche mol­ti altri che al momen­to non han­no casa poli­ti­ca, e non la tro­va­no nel­l’of­fer­ta esi­sten­te: han­no però le nostre stes­se pre­oc­cu­pa­zio­ni per quan­to suc­ce­de nel Pae­se, ed è for­se per que­sto che ieri alcu­ni di loro sono anda­ti a vota­re, e quin­di è fon­da­men­ta­le dare loro una rispo­sta, una rispo­sta che con­sen­ta loro di sta­re insie­me anche alle ele­zio­ni e non solo in piaz­za. Lo stes­so vale per le recen­ti regio­na­li in Abruz­zo e Sar­de­gna, in cui pur nel­la scon­fit­ta uno sche­ma lar­go e aper­to ha per­mes­so di rag­giun­ge­re un risul­ta­to meno nega­ti­vo che alle ele­zio­ni poli­ti­che di un anno fa, e che supe­ra di die­ci o più pun­ti quan­to il Pd potreb­be raci­mo­la­re da solo in una com­pe­ti­zio­ne nazio­na­le. E che la sola aggiun­ta di Calen­da di cui tan­to si discu­te — le cui pro­po­ste più con­cre­te ricor­da­no mol­to da vici­no, nel meri­to oltre che nel­lo sti­le, lo sche­ma pre­ce­den­te — non sem­bra poter col­ma­re e di cer­to non va nel­la dire­zio­ne del­la discon­ti­nui­tà che il voto di ieri ha indicato.

Il tem­po non è mol­to, anzi è a dire il vero pochis­si­mo: baste­reb­be un risul­ta­to poco inco­rag­gian­te alle euro­pee, fra soli tre mesi, per dare l’oc­ca­sio­ne ai tut­t’o­ra vivi e vege­ti pro­ta­go­ni­sti del­lo sche­ma poli­ti­co pre­ce­den­te di ripren­de­re vigo­re e met­te­re Zin­ga­ret­ti già sot­to pro­ces­so. Moti­vo per cui ser­ve resta­re vigi­li ed è pre­ma­tu­ro festeg­giar­ne l’ar­chi­via­zio­ne. In più, i nodi da scio­glie­re sono nume­ro­si, pie­ni di con­trad­di­zio­ni. Il nuo­vo Segre­ta­rio del Pd sem­bra ave­re un carat­te­re più dia­lo­gan­te, rispet­to a chi lo ha pre­ce­du­to, e que­sto è inco­rag­gian­te. Se si apris­se dav­ve­ro una nuo­va sta­gio­ne, ser­vi­reb­be pro­ba­bil­men­te un can­tie­re lar­go, in gra­do di discu­te­re tut­to — e di met­te­re in discus­sio­ne tut­to, soprat­tut­to — il cui esi­to può esse­re incer­to ma alme­no è pro­met­ten­te. Richie­de­reb­be tem­po, ma potreb­be dare qual­che segna­le posi­ti­vo già a par­ti­re dal­le sue pri­me fasi. Anche per­ché, del resto, di alter­na­ti­ve più con­vin­cen­ti al momen­to non se ne vedo­no mol­te.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?