Per il diritto alla casa, dalla parte del “Residence Sociale Aldo Dice 26x1”

Un immobile in disuso è diventato un residence sociale, che accoglie da mesi oltre duecento persone che hanno diritto a un alloggio popolare non ancora assegnato. Ora queste famiglie rischiano di rimanere al freddo.

Il Resi­den­ce Socia­le Aldo Dice 26x1, in via Oglio 8, era uno sta­bi­le come tan­ti altri a Mila­no, in sta­to di abban­do­no da otto anni, uti­liz­za­to al più come piaz­za di spac­cio, pro­va evi­den­te di come gli immo­bi­li vuo­ti pos­sa­no por­ta­re degra­do in una zona.

A par­ti­re dal 16 apri­le 2016, gra­zie a Clo­chard alla riscos­sa e Unio­ne Inqui­li­ni Mila­no, quel­le mura di cemen­to han­no pre­so vita e sono diven­ta­te la casa di qua­si due­cen­to per­so­ne cui non è anco­ra sta­to asse­gna­to un allog­gio popo­la­re, pur aven­do­ne pie­no dirit­to, visto che sono tut­ti inse­ri­ti nel­le gra­dua­to­rie per l’edilizia resi­den­zia­le pub­bli­ca. Cia­scu­na fami­glia ospi­ta­ta nel resi­den­ce ha a dispo­si­zio­ne una o due stan­ze con bagno adia­cen­te, è dispo­ni­bi­le un ser­vi­zio di lavan­de­ria, una trat­to­ria socia­le con annes­so salo­ne comu­ne, con libri, gio­chi per bam­bi­ni e una stru­men­ta­zio­ne di tut­to rispet­to che garan­ti­sce con­cer­ti di qua­li­tà, gra­zie anche ai tan­ti musi­ci­sti che pas­sa­no da quel­le par­ti. Gli inqui­li­ni cal­co­la­no che l’ente pub­bli­co, non facen­do­si cari­co del­la siste­ma­zio­ne del­le fami­glie ospi­ta­te in via Oglio, rispar­mia cir­ca 5 milio­ni di euro l’anno.

I bam­bi­ni van­no a scuo­la, gli adul­ti lavo­ra­no o sono alla ricer­ca di un impie­go, le rego­le del­la casa sono con­di­vi­se e rispet­ta­te e da que­sto inver­no, ogni sera, ven­go­no accol­ti al nono pia­no una ven­ti­na di sen­za­tet­to, in col­la­bo­ra­zio­ne con il pia­no fred­do del comu­ne di Mila­no, sen­za che l’amministrazione deb­ba spen­de­re un euro.

Digni­tà, socia­li­tà, dirit­ti. Da Aldo Dice 26x1 sono abi­tua­ti a far fron­te alle dif­fi­col­tà: gen­te che lot­ta, ma che sa ride­re e scher­za­re e che, nei fat­ti, sta riqua­li­fi­can­do la zona. Il pro­get­to offre un con­te­sto con­for­te­vo­le e sti­mo­lan­te tra lo sfrat­to e l’assegnazione di un allog­gio, dan­do un’opportunità di riscat­to a chi nel­la vita ha avu­to fin trop­pe dif­fi­col­tà. Pas­sa­re lì qual­che sera­ta è dav­ve­ro pia­ce­vo­le e costi­tui­sce un’occasione per apri­re gli occhi su una real­tà che spes­so, da pri­vi­le­gia­ti, sce­glia­mo di non vedere.

Mer­co­le­dì si è fat­to festa per i tre anni di auto­ge­stio­ne (il pri­mo sta­bi­le occu­pa­to fu l’ex sede Impre­gi­lo, a Sesto San Gio­van­ni) con cibo da tut­to il mon­do e tan­ta musi­ca, ma una noti­zia ha un po’ tur­ba­to gli ani­mi degli inqui­li­ni. Il pro­prie­ta­rio dell’immobile ha infat­ti disdet­to il con­trat­to con A2A e l’azienda, par­te­ci­pa­ta del comu­ne di Mila­no che, assie­me a Bre­scia, ne detie­ne il 50% del­le azio­ni, ha comu­ni­ca­to, dopo un pri­mo ten­ta­ti­vo di distac­co il 9 mat­ti­na, che il 14 feb­bra­io inter­rom­pe­rà l’erogazione di ener­gia elet­tri­ca, che per­met­te il riscal­da­men­to dell’acqua e dei loca­li del residence.

Come Pos­si­bi­le denun­cia­mo la disu­ma­ni­tà di un prov­ve­di­men­to del gene­re: non è pen­sa­bi­le il fat­to di lascia­re al fred­do e sen­za acqua cal­da due­cen­to per­so­ne, peral­tro in pie­no inver­no. Chie­dia­mo fer­ma­men­te che il comu­ne di Mila­no tro­vi al più pre­sto una solu­zio­ne a que­sto pro­ble­ma, con­si­de­ra­to tra l’altro il fat­to che A2A è un’azienda pub­bli­ca, per­ché il resi­den­ce rispon­de ad un gigan­te­sco biso­gno socia­le sen­za alcun costo per la collettività.

Casa per tut­ti, mise­ria per nessuno.

Noi stia­mo con Aldo dice 26X1!

Pos­si­bi­le Milano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.