Per il diritto alla casa, dalla parte del “Residence Sociale Aldo Dice 26x1”

Un immobile in disuso è diventato un residence sociale, che accoglie da mesi oltre duecento persone che hanno diritto a un alloggio popolare non ancora assegnato. Ora queste famiglie rischiano di rimanere al freddo.

Il Resi­den­ce Socia­le Aldo Dice 26x1, in via Oglio 8, era uno sta­bi­le come tan­ti altri a Mila­no, in sta­to di abban­do­no da otto anni, uti­liz­za­to al più come piaz­za di spac­cio, pro­va evi­den­te di come gli immo­bi­li vuo­ti pos­sa­no por­ta­re degra­do in una zona.

A par­ti­re dal 16 apri­le 2016, gra­zie a Clo­chard alla riscos­sa e Unio­ne Inqui­li­ni Mila­no, quel­le mura di cemen­to han­no pre­so vita e sono diven­ta­te la casa di qua­si due­cen­to per­so­ne cui non è anco­ra sta­to asse­gna­to un allog­gio popo­la­re, pur aven­do­ne pie­no dirit­to, visto che sono tut­ti inse­ri­ti nel­le gra­dua­to­rie per l’edilizia resi­den­zia­le pub­bli­ca. Cia­scu­na fami­glia ospi­ta­ta nel resi­den­ce ha a dispo­si­zio­ne una o due stan­ze con bagno adia­cen­te, è dispo­ni­bi­le un ser­vi­zio di lavan­de­ria, una trat­to­ria socia­le con annes­so salo­ne comu­ne, con libri, gio­chi per bam­bi­ni e una stru­men­ta­zio­ne di tut­to rispet­to che garan­ti­sce con­cer­ti di qua­li­tà, gra­zie anche ai tan­ti musi­ci­sti che pas­sa­no da quel­le par­ti. Gli inqui­li­ni cal­co­la­no che l’ente pub­bli­co, non facen­do­si cari­co del­la siste­ma­zio­ne del­le fami­glie ospi­ta­te in via Oglio, rispar­mia cir­ca 5 milio­ni di euro l’anno.

I bam­bi­ni van­no a scuo­la, gli adul­ti lavo­ra­no o sono alla ricer­ca di un impie­go, le rego­le del­la casa sono con­di­vi­se e rispet­ta­te e da que­sto inver­no, ogni sera, ven­go­no accol­ti al nono pia­no una ven­ti­na di sen­za­tet­to, in col­la­bo­ra­zio­ne con il pia­no fred­do del comu­ne di Mila­no, sen­za che l’amministrazione deb­ba spen­de­re un euro.

Digni­tà, socia­li­tà, dirit­ti. Da Aldo Dice 26x1 sono abi­tua­ti a far fron­te alle dif­fi­col­tà: gen­te che lot­ta, ma che sa ride­re e scher­za­re e che, nei fat­ti, sta riqua­li­fi­can­do la zona. Il pro­get­to offre un con­te­sto con­for­te­vo­le e sti­mo­lan­te tra lo sfrat­to e l’assegnazione di un allog­gio, dan­do un’opportunità di riscat­to a chi nel­la vita ha avu­to fin trop­pe dif­fi­col­tà. Pas­sa­re lì qual­che sera­ta è dav­ve­ro pia­ce­vo­le e costi­tui­sce un’occasione per apri­re gli occhi su una real­tà che spes­so, da pri­vi­le­gia­ti, sce­glia­mo di non vedere.

Mer­co­le­dì si è fat­to festa per i tre anni di auto­ge­stio­ne (il pri­mo sta­bi­le occu­pa­to fu l’ex sede Impre­gi­lo, a Sesto San Gio­van­ni) con cibo da tut­to il mon­do e tan­ta musi­ca, ma una noti­zia ha un po’ tur­ba­to gli ani­mi degli inqui­li­ni. Il pro­prie­ta­rio dell’immobile ha infat­ti disdet­to il con­trat­to con A2A e l’azienda, par­te­ci­pa­ta del comu­ne di Mila­no che, assie­me a Bre­scia, ne detie­ne il 50% del­le azio­ni, ha comu­ni­ca­to, dopo un pri­mo ten­ta­ti­vo di distac­co il 9 mat­ti­na, che il 14 feb­bra­io inter­rom­pe­rà l’erogazione di ener­gia elet­tri­ca, che per­met­te il riscal­da­men­to dell’acqua e dei loca­li del residence.

Come Pos­si­bi­le denun­cia­mo la disu­ma­ni­tà di un prov­ve­di­men­to del gene­re: non è pen­sa­bi­le il fat­to di lascia­re al fred­do e sen­za acqua cal­da due­cen­to per­so­ne, peral­tro in pie­no inver­no. Chie­dia­mo fer­ma­men­te che il comu­ne di Mila­no tro­vi al più pre­sto una solu­zio­ne a que­sto pro­ble­ma, con­si­de­ra­to tra l’altro il fat­to che A2A è un’azienda pub­bli­ca, per­ché il resi­den­ce rispon­de ad un gigan­te­sco biso­gno socia­le sen­za alcun costo per la collettività.

Casa per tut­ti, mise­ria per nessuno.

Noi stia­mo con Aldo dice 26X1!

Pos­si­bi­le Milano

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?