Dichiararsi antifascisti sta diventando un problema?

Si avvicina il 25 aprile e quest'anno sembra, come mai prima d'ora, una festa che divide il paese. Si approfondisce, in questo senso, anche il solco tra associazioni antifasciste e i rappresentanti pro tempore di diverse istituzioni locali.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Si avvi­ci­na il 25 apri­le e que­st’an­no sem­bra, come mai pri­ma d’o­ra, una festa che divi­de il pae­se. Si appro­fon­di­sce, in que­sto sen­so, anche il sol­co tra asso­cia­zio­ni anti­fa­sci­ste e i rap­pre­sen­tan­ti pro tem­po­re di diver­se isti­tu­zio­ni loca­li. Il ritor­nel­lo, uti­liz­za­to dai rap­pre­sen­tan­ti isti­tu­zio­na­li, è che la sto­ria «deve esse­re rac­con­ta­ta tut­ta» e in nome di que­sto ritor­nel­lo si con­ce­de spa­zio a rie­vo­ca­zio­ni e cele­bra­zio­ni aper­ta­men­te e dichia­ra­ta­men­te nazi­fa­sci­ste, men­tre si toglie spa­zio e agi­bi­li­tà all’As­so­cia­zio­ne Nazio­na­le Par­ti­gia­ni d’I­ta­lia. I due fron­ti sem­bra­no ricom­por­si, alla vigi­lia di que­sta festa del­la Liberazione.

In Lom­bar­dia ne sap­pia­mo qual­co­sa. A Colo­gno Mon­ze­se, il grup­po 36 Fusi­lier Kom­pa­nie — un’as­so­cia­zio­ne mili­ta­re com­me­mo­ra­ti­va che sfog­gia aper­ta­men­te inse­gne nazi­ste — ha pro­po­sto di alle­sti­re un cam­po mili­ta­re tede­sco di fron­te al muni­ci­pio. E il muni­ci­pio — a gui­da leghi­sta — non solo accon­sen­te, ma addi­rit­tu­ra con­ce­de il patro­ci­nio all’i­ni­zia­ti­va. Di fron­te all’in­di­gna­zio­ne di mol­ti, la mani­fe­sta­zio­ne non vie­ne annul­la­ta, ma sola­men­te riman­da­ta (e per que­sto abbia­mo lan­cia­to una peti­zio­ne: per­ché sia annullata).

A Gal­la­ra­te (Vare­se), sem­pre un’am­mi­ni­stra­zio­ne leghi­sta, vie­ta le ora­zio­ni di fron­te al monu­men­to alla Resi­sten­za, inter­rom­pen­do una con­so­li­da­ta tra­di­zio­ne. Le ragio­ni, secon­do La Pre­al­pi­na, sareb­be­ro da ricer­car­si nel fat­to che il sin­da­co teme «il bis del­le con­te­sta­zio­ni rice­vu­te l’an­no scor­so, quan­do dal pal­co dis­se, gros­so­mo­do, che non sem­pre è vera la sto­ria scrit­ta dai vin­ci­to­ri».

Cor­tei, con­tro­cor­tei, ten­sio­ni tra Anpi e ammi­ni­stra­zio­ni loca­li anche a Saron­no, comu­ne ammi­ni­stra­to dal­la Lega, dove l’An­pi orga­niz­ze­rà pro­pri appun­ta­men­ti: «non c’è la par­te­ci­pa­zio­ne dell’Amministrazione per­ché non si può orga­niz­za­re qual­co­sa con chi rifiu­ta il con­fron­tospie­ga Clau­dio Casti­glio­ni di Anpi – abbia­mo pro­to­col­la­to a feb­bra­io la richie­sta di un momen­to di incon­tro pre­sen­ta­ta all’Amministrazione comu­na­le ma non abbia­mo mai avu­to rispo­sta. qual­che set­ti­ma­na fa è arri­va­to il pro­gram­ma del­le cele­bra­zio­ni (al momen­to non anco­ra reso noto ne con mani­fe­sti ne sul sito comu­na­le) per la Festa del­la Libe­ra­zio­ne orga­niz­za­te dal Comu­ne a cui veni­va invi­ta­ta Anpi».

Anche a Gaz­za­da Schian­no (Vare­se), l’An­pi denun­cia: «Il sin­da­co ci ha nega­to, sen­za moti­vo, il cor­teo con comi­zio per il 25 apri­le». Da que­ste par­ti non sareb­be nem­me­no una noti­zia, dato che la sin­da­ca Cri­sti­na Ber­tu­let­ti, in occa­sio­ne del Gior­no del­la Memo­ria, scris­se «E’ il gior­no del­la memo­ria, ricor­da­te­vi di anda­re a pijar­lo n’cu­lo».

A Sol­bia­te Olo­na (Vare­se), comu­ne di cui sono Con­si­glie­re comu­na­le, è sta­to lo stes­so sin­da­co a inne­sca­re la pole­mi­ca, can­cel­lan­do il nome del sot­to­scrit­to dal pro­gram­ma pro­po­sto da Anpi, soste­nen­do che «è il Comu­ne che orga­niz­za e pren­de qual­sia­si deci­sio­ne a riguar­do del­le pub­bli­che mani­fe­sta­zio­ni. […] Peral­tro, pro­prio in quan­to “festa di tut­ti”, il 25 apri­le non si deve pre­sta­re a inter­ven­ti che non sia­no quel­li dei rap­pre­sen­tan­ti isti­tu­zio­na­li del­l’AN­PI». Come se mi fos­se mai pas­sa­to per la testa di fare pole­mi­ca poli­ti­ca o ammi­ni­stra­ti­va il 25 aprile.

A que­ste lati­tu­di­ni, sem­pre in pro­vin­cia di Vare­se, abbia­mo anche la cele­bra­zio­ne nazi­fa­sci­sta del 25 apri­le, orga­niz­za­ta dal­la Comu­ni­tà mili­tan­te dei dodi­ci rag­gi, un’or­ga­niz­za­zio­ne di stam­po dichia­ra­ta­men­te nazi­sta, che vede nel 25 apri­le la data d’i­ni­zio «del­l’oc­cu­pa­zio­ne anglo-ame­ri­ca­na» e che por­te­rà omag­gio agli «eroi vare­si­ni tru­ci­da­ti dal­le bri­ga­te par­ti­gia­ne loca­li», facen­do tap­pa al cimi­te­ro di Bel­for­te, a quel­lo di San­t’Am­bro­gio e a quel­lo di Sol­bia­te Arno.

Spo­stan­do­si più a sud, a Todi, la giun­ta gui­da­ta dal sin­da­co Anto­ni­no Rug­gia­no (For­za Ita­lia, soste­nu­to da Casa Pound) ha nega­to il patro­ci­nio per la pri­ma vol­ta alle mani­fe­sta­zio­ni orga­niz­za­te da Anpi, dichia­ran­do che la loro orga­niz­za­zio­ne del­l’e­ven­to sareb­be di par­te, men­tre il 25 apri­le è di tut­ti. Lo stes­so iden­ti­co argo­men­to già sen­ti­to poco sopra.

Un argo­men­to al con­tra­rio, che in nome del­la demo­cra­zia esclu­de e limi­ta lo spa­zio alle asso­cia­zio­ni anti­fa­sci­ste e ten­de a met­te­re sul­lo stes­so pia­no fasci­smo e anti­fa­sci­smo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.