Di rappresentanti (poco) permanenti a Bruxelles

Non più di tre mesi e mezzo fa, la scelta di Renzi di nominare a Capo della Rappresentanza permanente a Bruxelles un politico, l'allora viceministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, fece molto discutere e sollevò non poche critiche e malumori.
Calenda-Renzi

Non più di tre mesi e mez­zo fa, la scel­ta di Ren­zi di nomi­na­re a Capo del­la Rap­pre­sen­tan­za per­ma­nen­te a Bru­xel­les un poli­ti­co, l’al­lo­ra vice­mi­ni­stro allo Svi­lup­po eco­no­mi­co Car­lo Calen­da, fece mol­to discu­te­re e sol­le­vò non poche cri­ti­che e malu­mo­ri. Non suc­ce­de­va da ses­san­t’an­ni che l’in­te­ro cor­po diplo­ma­ti­co fos­se sca­val­ca­to da una nomi­na poli­ti­ca, crean­do un pre­ce­den­te rischio­so, e tale da atti­ra­re le pesan­ti cri­ti­che del Sin­da­ca­to dei diplo­ma­ti­ci e di figu­re di spic­co del­la Far­ne­si­na, non­ché di 230 gio­va­ni diplo­ma­ti­ci che, in una let­te­ra al Pre­si­den­te del Con­si­glio, si dis­se­ro “diso­rien­ta­ti” da que­sta “scel­ta pre­oc­cu­pan­te”, ricor­dan­do­gli che “non ci s’ improv­vi­sa Amba­scia­to­ri. Si diven­ta diplo­ma­ti­ci non solo col supe­ra­men­to di un con­cor­so pub­bli­co tra i più selet­ti­vi, ma soprat­tut­to attra­ver­so un per­cor­so di pro­fes­sio­na­li­tà, respon­sa­bi­li­tà, con­ti­nue valutazioni”.

Secon­do le rico­stru­zio­ni gior­na­li­sti­che quel­la scel­ta si inse­ri­va nel con­te­sto del­le rea­zio­ni alle cri­ti­che tra­pe­la­te del­la Com­mis­sio­ne sul­l’as­sen­za di un’in­ter­lo­cu­to­re del gover­no ita­lia­no a Bru­xel­les. Ruo­lo che sareb­be spet­ta­to natu­ral­men­te alla figu­ra del­l’ex-Amba­scia­to­re Ste­fa­no San­ni­no, diplo­ma­ti­co di gran­de espe­rien­za, se solo il pre­mier non lo con­si­de­ras­se, sem­pre secon­do le rico­stru­zio­ni gior­na­li­sti­che, “trop­po vici­no alla Com­mis­sio­ne” o “ai buro­cra­ti di Bru­xel­les”, oppu­re a Pro­di e a Let­ta, e comun­que trop­po estra­neo al ren­zi­smo nel­lo sti­le e nel meto­do.

Eppu­re, dopo tut­to il pol­ve­ro­ne sol­le­va­to, il nuo­vo Amba­scia­to­re all’UE Calen­da non ha fat­to nem­me­no in tem­po ad entra­re in ser­vi­zio (il 21 mar­zo), che già vie­ne richia­ma­to a Roma per sosti­tui­re il mini­stro Gui­di allo Svi­lup­po Economico.

Buf­fo che pro­prio una set­ti­ma­na fa un arti­co­lo su Repub­bli­ca ci spie­gas­se le ragio­ni di fon­do di quel­la scel­ta, inte­sa come inve­sti­men­to poli­ti­co sul ver­san­te euro­peo, come pun­to di svol­ta nei meto­di di lavo­ro ita­lia­ni a Bru­xel­les. Evi­den­te­men­te c’è sta­to un ripen­sa­men­to. Resta il fat­to che pare poco serio man­da­re un rap­pre­sen­tan­te a Bru­xel­les e riti­rar­lo dopo set­te set­ti­ma­ne (47 gior­ni). Evi­den­te­men­te per il Gover­no Ren­zi c’è sem­pre qual­co­sa di più impor­tan­te da fare in Ita­lia che pre­si­dia­re le isti­tu­zio­ni euro­pee. Che star­ci con due pie­di, a segui­re i dos­sier legi­sla­ti­vi pri­ma, e non dopo, aver sco­per­to che cosa con­ten­go­no e in che modo inci­do­no sul nostro Pae­se. E maga­ri lamen­tar­se­ne pure, a poste­rio­ri, caval­can­do il faci­le popu­li­smo del buro­cra­te sen­za fac­cia che sce­glie per noi, in qual­che gri­gio palaz­zo di Bru­xel­les. Cer­to, si dirà, Ren­zi non pote­va mica sape­re che si sareb­be libe­ra­to un posto di gover­no. Il che non è un buon argo­men­to, visto il caso che ha ori­gi­na­to la vacan­za, per­ché maga­ri dovreb­be impa­ra­re a sce­glier­li meglio da prin­ci­pio.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.