Un’altra Costituzione è possibile

Ci scrive il professore Gianfranco Pasquino, elencando dieci ragioni per dire "no" a una riforma costituzionale pensata male e costruita peggio.

Rice­via­mo dal pro­fes­so­re Gian­fran­co Pasqui­no e mol­to volen­tie­ri pubblichiamo:

 

10 Ragio­ni per chi vuo­le rifor­me ragio­na­te e non plebiscitate

“Noi cre­dia­mo pro­fon­da­men­te in una demo­cra­zia così inte­sa, e noi ci bat­te­re­mo per que­sta demo­cra­zia. Ma se altri grup­pi avva­len­do­si, come dice­vo in prin­ci­pio, di esi­gue ed effi­me­re mag­gio­ran­ze, voles­se­ro far trion­fa­re dei prin­cì­pi di par­te, voles­se­ro dar­ci una Costi­tu­zio­ne che non rispec­chias­se quel­la che è la pro­fon­da aspi­ra­zio­ne del­la gran­de mag­gio­ran­za degli ita­lia­ni, che ama­no come noi la liber­tà e come noi ama­no la giu­sti­zia socia­le, se voles­se­ro fare una Costi­tu­zio­ne che fos­se in un cer­to qual modo una Costi­tu­zio­ne di par­te, allo­ra avre­te scrit­to sul­la sab­bia la vostra Costi­tu­zio­ne ed il ven­to disper­de­rà la vostra inu­ti­le fati­ca” (Lelio Bas­so, 6 mar­zo 1947, in Assem­blea Costi­tuen­te). 

  1. Il NO non signi­fi­ca immo­bi­li­smo costi­tu­zio­na­le. Non signi­fi­ca oppo­si­zio­ne a qual­sia­si rifor­ma del­la Costi­tu­zio­ne che, anche se non è la più bel­la mon­do, sicu­ra­men­te è una otti­ma Costi­tu­zio­ne. È dura­ta settant’anni. Ha obbli­ga­to con suc­ces­so tut­ti gli atto­ri poli­ti­ci a rispet­tar­la. Ha fat­to cam­bia­re sia i comu­ni­sti sia i fasci­sti. Ha resi­sti­to alle scom­po­ste e disor­ga­ni­che spal­la­te ber­lu­sco­nia­ne. Ha accom­pa­gna­to la cre­sci­ta dell’Italia da pae­se scon­fit­to, pove­ro e semi-anal­fa­be­ta a una del­le otto poten­ze indu­stria­li del mon­do. Non pochi espo­nen­ti del NO han­no com­bat­tu­to mol­te bat­ta­glie rifor­mi­ste e alcu­ne le han­no vin­te (leg­ge elet­to­ra­le, leg­ge sui sin­da­ci, abo­li­zio­ne di mini­ste­ri, eli­mi­na­zio­ne del finan­zia­men­to sta­ta­le dei par­ti­ti). Non pochi espo­nen­ti del NO desi­de­ra­no rifor­me miglio­ri e le han­no ripe­tu­ta­men­te for­mu­la­te. Le rifor­me del gover­no sono sba­glia­te nel meto­do e nel meri­to. Non è neces­sa­rio fare rifor­me con­di­vi­se se si ha un pro­get­to demo­cra­ti­co e lo si argo­men­ta in Par­la­men­to e agli elet­to­ri. Non si deb­bo­no, però, fare rifor­me con accor­di sot­to­ban­co, appro­va­te con poco più del 55% dei voti, pre­sen­ta­te come ulti­ma spiag­gia, impo­ste con ricat­ti, con­fu­se e pastic­cia­te, simi­li a quel­le fat­te dal gover­no Ber­lu­sco­ni nel 2005 e respin­te con refe­ren­dum dal cen­tro-sini­stra. Noi non abbia­mo cam­bia­to idea. Rifor­me miglio­ri sono pos­si­bi­li. Il meto­do da spa­val­di rot­ta­ma­to­ri isti­tu­zio­na­li ha inqui­na­to tut­to il pro­ce­di­men­to rifor­ma­to­re e tra­vol­to quel pat­to costi­tu­zio­na­le nel qua­le tut­ti i cit­ta­di­ni ita­lia­ni ave­va­no impa­ra­to a riconoscersi.
  1. NO, non è vero che la rifor­ma del Sena­to nasce dal­la neces­si­tà di velo­ciz­za­re il pro­ce­di­men­to di appro­va­zio­ne del­le leg­gi. La rifor­ma del Sena­to nasce per­ché la leg­ge elet­to­ra­le det­ta Por­ceI­lum ha pro­dot­to per ben due vol­te un Sena­to ingo­ver­na­bi­le. Era suf­fi­cien­te cam­bia­re in meglio, non in un por­cel­li­num, la leg­ge elet­to­ra­le. Il bica­me­ra­li­smo ita­lia­no ha sem­pre pro­dot­to mol­te leg­gi, più dei bica­me­ra­li­smi dif­fe­ren­zia­ti di Ger­ma­nia e Gran Bre­ta­gna, più del­la Fran­cia semi­pre­si­den­zia­le e del­la Sve­zia mono­ca­me­ra­le. Pra­ti­ca­men­te tut­ti i gover­ni ita­lia­ni sono sem­pre riu­sci­ti ad ave­re le leg­gi che vole­va­no e, quan­do le loro mag­gio­ran­ze era­no inquie­te, divi­se e liti­gio­se e i loro dise­gni di leg­ge era­no impor­tan­ti e face­va­no par­te dell’attuazione del pro­gram­ma di gover­no, ne otte­ne­va­no rego­lar­men­te l’approvazione in tem­pi bre­vi. NO, non è vero che il Sena­to era respon­sa­bi­le dei ritar­di e del­le lun­gag­gi­ni. Nes­su­no ha sapu­to por­ta­re esem­pi con­cre­ti a con­fer­ma di que­sta accu­sa per­ché non esi­sto­no. Napo­li­ta­no, depu­ta­to di lun­go cor­so, Pre­si­den­te del­la Came­ra e poi Sena­to­re a vita, dovreb­be saper­lo meglio di altri. Piut­to­sto, il luo­go dell’intoppo era pro­prio la Came­ra dei depu­ta­ti. Ritar­di e lun­gag­gi­ni con­ti­nue­ran­no sia per le dop­pie let­tu­re even­tua­li sia per le pre­ve­di­bi­li con­fu­sio­ni e ten­sio­ni fra Sena­to­ri che vor­ran­no affer­ma­re il loro ruo­lo e la loro rile­van­za e Depu­ta­ti che vor­ran­no impor­re il loro vole­re di rap­pre­sen­tan­ti elet­ti dal popo­lo. No, non è vero che gli espo­nen­ti del NO sono favo­re­vo­li al man­te­ni­men­to del bica­me­ra­li­smo. Anzi, alcu­ni vor­reb­be­ro l’abolizione del Sena­to, quin­di il pas­sag­gio, chia­ro e lim­pi­do, al mono­ca­ne­ra­li­smo; altri ne vor­reb­be­ro una tra­sfor­ma­zio­ne pro­fon­da. La stra­da giu­sta era quel­la del model­lo Bun­de­srat non quel­la del model­lo misto fran­ce­se o simil-austria­co (che han­no dimo­stra­to di fun­zio­na­re male) peg­gio­ra­to dal­la assur­da aggiun­ta di cin­que Sena­to­ri nomi­na­ti dal Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca (imma­gi­nia­mo per pre­sun­ti dif­fi­cil­men­te accer­ta­bi­li meri­ti auto­no­mi­sti, regio­na­li­sti, fede­ra­li­sti). Ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni non è anco­ra dato cono­sce­re, nel con­cre­to, qua­le tipo di Sena­to sal­te­rà fuo­ri da una rifor­ma incer­ta, che riman­da a suc­ces­si­ve leg­gi ordi­na­rie o rego­la­men­ti attua­ti­vi mate­rie fon­da­men­ta­li che riguar­da­no la sua natu­ra e, soprat­tut­to, la sua defi­ni­ti­va com­po­si­zio­ne. Il gover­no pre­ten­de una sor­ta di voto in bian­co su un Sena­to imma­gi­na­rio che è un sal­to nel vuo­to. Per di più e del tut­to ino­pi­na­ta­men­te, a 100 Sena­to­ri varia­men­te desi­gna­ti, nes­su­no elet­to, si attri­bui­sce addi­rit­tu­ra il com­pi­to di eleg­ge­re due giu­di­ci costi­tu­zio­na­li, men­tre 630 Depu­ta­ti ne eleg­ge­ran­no tre. È uno squi­li­brio isti­tu­zio­na­le intollerabile.
  1. NO, non è vero che è tut­to da but­ta­re. Alcu­ni di noi han­no pro­po­sto da tem­po l’abolizione del CNEL. Que­sta abo­li­zio­ne dovreb­be esse­re spac­chet­ta­ta per con­sen­ti­re agli ita­lia­ni di non fare, né a favo­re del SÌ né a favo­re del NO, di tut­ta l’erba un fascio. Però no, non si può chie­de­re agli ita­lia­ni di vota­re in bloc­co tut­ta la brut­ta rifor­ma sol­tan­to per eli­mi­na­re il CNEL o abo­li­re defi­ni­ti­va­men­te le pro­vin­ce. Alcu­ne par­te del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le si “ten­go­no” assie­me, men­tre altre pos­so­no esse­re tem­pe­sti­va­men­te spac­chet­ta­te e pre­sen­ta­te omo­ge­nea­men­te agli elet­to­ri, che così potran­no espri­mer­si sul meri­to degli inter­ven­ti alla Costi­tu­zio­ne, sen­za dover­si tro­va­re di fron­te all’alternativa net­ta tra pren­de­re o lascia­re un pac­chet­to di modi­fi­che costi­tu­zio­na­li incer­te e inconcludenti.
  1. Alcu­ni di noi sono sta­ti atti­vis­si­mi refe­ren­da­ri. Non se ne pen­to­no anche per­ché pos­so­no riven­di­ca­re suc­ces­si di qual­che impor­tan­za. Abbia­mo da tem­po pro­po­sto una miglio­re rego­la­men­ta­zio­ne dei refe­ren­dum abro­ga­ti­vi e l’introduzione di nuo­vi tipi di refe­ren­dum e di nuo­ve moda­li­tà di par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni. La rifor­ma del gover­no rece­pi­sce poco o nul­la di tut­ta que­sta vasta ela­bo­ra­zio­ne. Si limi­ta a pic­co­li pal­lia­ti­vi, tal­vol­ta peg­gio­ra­ti­vi o restrit­ti­vi, rispet­to alla situa­zio­ne attua­le. NO, la rifor­ma non è affat­to inte­res­sa­ta a pre­di­spor­re cana­li e mec­ca­ni­smi per una più ampia e inten­sa par­te­ci­pa­zio­ne degli ita­lia­ni tut­ti (anzi, abbia­mo dovu­to regi­stra­re con scon­for­to l’appello del Pre­si­den­te del Con­si­glio all’astensione nel refe­ren­dum sul­le tri­vel­la­zio­ni), ma in par­ti­co­la­re di quel­li più inte­res­sa­ti alla politica.
  1. NO, non è cre­di­bi­le che con la cat­ti­va tra­sfor­ma­zio­ne del Sena­to, il gover­no sarà più for­te e fun­zio­ne­rà meglio non doven­do rice­ve­re la fidu­cia dei Sena­to­ri e con­fron­tar­si con loro. Piut­to­sto, sarà più dif­fi­ci­le per tut­ti cor­reg­ge­re gli erro­ri legi­sla­ti­vi. Per la mag­gio­ran­za dei dise­gni di leg­ge, non ci sarà nes­su­na secon­da let­tu­ra, nes­su­na pos­si­bi­li­tà di fecon­di ripen­sa­men­ti. NO, il fumo­so pro­ces­so legi­sla­ti­vo che emer­ge­rà dal­la rifor­ma, reso ancor più com­pli­ca­to da una sud­di­vi­sio­ne per mate­ria tra le due Came­re che ha già dato pro­va di non fun­zio­na­re in pas­sa­to, non tra­sfor­me­rà l’Italia in una demo­cra­zia deci­den­te. Piut­to­sto, avre­mo una demo­cra­zia non-deci­den­te e appe­na decen­te, inde­ci­sa sul­le attri­bu­zio­ni legi­sla­ti­ve, pie­na di ricor­si alle Cor­te costi­tu­zio­na­le e inca­pa­ce di adot­ta­re ampie e coe­ren­ti poli­ti­che pub­bli­che. Il gover­no fini­rà per accen­tua­re le sue pro­pen­sio­ni alla decre­ta­zio­ne per pro­cu­ra­ta urgen­za. Impe­di­rà con ripe­tu­te richie­ste di voti di fidu­cia per­si­no ai suoi par­la­men­ta­ri di dis­sen­ti­re. Decre­ti e fidu­cia dove­va­no, deb­bo­no costi­tui­re l’oggetto di rifor­me per un buon­go­ver­no. Pur­trop­po, l’Ita­li­cum non sele­zio­ne­rà una clas­se poli­ti­ca miglio­re, ma con­sen­ti­rà ai capi dei par­ti­ti di pre­mia­re la fedel­tà che non fa qua­si mai rima con capacità.
  1. NO, la rifor­ma non inter­vie­ne affat­to sul gover­no e sul­le cau­se del­la sua pre­sun­ta debo­lez­za. Non ten­ta nep­pu­re mini­ma­men­te di affron­ta­re il pro­ble­ma di un even­tua­le cam­bia­men­to del­la for­ma di gover­no. Tar­di­vi e impre­pa­ra­ti com­men­ta­to­ri han­no sco­per­to che il voto di sfi­du­cia costrut­ti­vo esi­sten­te in Ger­ma­nia e impor­ta­to dai Costi­tuen­ti spa­gno­li è un poten­te stru­men­to di sta­bi­liz­za­zio­ne dei gover­ni, anzi, dei loro capi. Han­no dimen­ti­ca­to di dire che: 1) è un deter­ren­te con­tro i pro­dut­to­ri di cri­si gover­na­ti­ve per inte­res­si par­ti­gia­ni o per­so­na­li (per inten­der­ci: non sareb­be sta­to faci­le sosti­tui­re Let­ta con Ren­zi se fos­se esi­sti­to il voto di sfi­du­cia costrut­ti­vo); 2) si accom­pa­gna a siste­mi elet­to­ra­li pro­por­zio­na­li non a siste­mi elet­to­ra­li, come l’Ita­li­cum, che inse­dia­no al gover­no il capo del par­ti­to che ha otte­nu­to più voti ed è sta­to ingras­sa­to di seg­gi gra­zie al pre­mio di maggioranza.
  1. I soste­ni­to­ri del NO voglio­no sot­to­li­nea­re che la rifor­ma costi­tu­zio­na­le va let­ta, ana­liz­za­ta e boc­cia­ta insie­me alla rifor­ma del siste­ma elet­to­ra­le. Infat­ti, l’Ita­li­cum squi­li­bra tut­to il siste­ma poli­ti­co a favo­re del capo del gover­no. Toglie al Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca il pote­re rea­le (non quel­lo for­ma­le) di nomi­na­re il Pre­si­den­te del Con­si­glio. Gli toglie anche, con buo­na pace di Scal­fa­ro e di Napo­li­ta­no che ne fece­ro uso ampio ed effi­ca­ce, il pote­re di non scio­glie­re il Par­la­men­to, ovve­ro la Came­ra dei depu­ta­ti, nel­la qua­le sarà la mag­gio­ran­za di gover­no, ovve­ro il suo capo, a sta­bi­li­re se, quan­do e come scio­glier­si e comu­ni­car­lo al Pre­si­den­te del­la Repubblica.
  1. NO, quel­lo che è sta­to mala­men­te chie­sto non è un refe­ren­dum con­fer­ma­ti­vo (agget­ti­vo che non esi­ste da nes­su­na par­te nel­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na), ma un ple­bi­sci­to sul­la per­so­na del capo del gover­no. Fin dall’inizio il capo del gover­no ha usa­to la cla­va del­le rifor­me come stru­men­to di una legit­ti­ma­zio­ne elet­to­ra­le di cui non dispo­ne e di cui, dovreb­be sape­re, nep­pu­re ha biso­gno. Nel­le demo­cra­zie par­la­men­ta­ri la legit­ti­ma­zio­ne di cia­scu­no e di tut­ti i gover­ni arri­va dal voto di fidu­cia (o dal rap­por­to di fidu­cia) del Par­la­men­to e se ne va for­mal­men­te o infor­mal­men­te con la per­di­ta di quel­la fidu­cia. Il capo del gover­no ha rilan­cia­to. Vuo­le più del­la fidu­cia. Vuo­le l’acclamazione del popo­lo. Ci “ha mes­so la fac­cia” (noi ci met­tia­mo la testa: le nostre accer­ta­bi­li com­pe­ten­ze, la nostra bio­gra­fia per­so­na­le e pro­fes­sio­na­le, se del caso, anche l’esperienza che vie­ne con l’età ben vis­su­ta) sul refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le (che dove­va lascia­re chie­de­re agli oppo­si­to­ri). Il refe­ren­dum va dun­que defi­ni­to oppo­si­ti­vo: si oppo­ne alle rifor­me fat­te, le vuo­le vani­fi­ca­re. Lo ha tra­sfor­ma­to in un mal­po­sto giu­di­zio sul­la sua per­so­na. Ne ha fat­to un ple­bi­sci­to accom­pa­gna­to dal ricat­to: “se per­do me ne vado”.
  1. Le rifor­me costi­tu­zio­na­li sono più impor­tan­ti di qual­sia­si gover­no. Dura­no di più. Se abbor­rac­cia­te sen­za visio­ne, sono dif­fi­ci­li da cam­bia­re. Sono rego­le del gio­co che influen­za­no tut­ti gli atto­ri, gene­ra­zio­ni di atto­ri. Cadu­to un gover­no se ne fa un altro. Sol­tan­to chi ha poca fidu­cia nell’Italia e negli ita­lia­ni può pen­sa­re che que­sta sia l’ultima chia­ma­ta per chi inten­de ren­de­re il nostro siste­ma poli­ti­co più for­te e meglio gover­na­bi­le. La gran­de fles­si­bi­li­tà e dut­ti­li­tà del­le demo­cra­zie par­la­men­ta­ri non tra­sfor­ma mai una cri­si poli­ti­ca in una cri­si isti­tu­zio­na­le. Rifor­me costi­tu­zio­na­li mal fat­te e squi­li­bra­tri­ci sono sem­pre l’anticamera di pos­si­bi­li distor­sio­ni e stra­vol­gi­men­ti isti­tu­zio­na­li. Il ricat­to ple­bi­sci­ta­rio del Pre­si­den­te del Con­si­glio va, mol­to sere­na­men­te e mol­to paca­ta­men­te, respinto.
  1. Quel­lo che sta pas­san­do non è affat­to l’ultimo tre­no del­le rifor­me. Mol­ti, pur­trop­po non tut­ti, han­no impa­ra­to qual­co­sa in cor­so d’opera. Non è dif­fi­ci­le fare nuo­va­men­te appro­va­re l’abolizione del CNEL o del­le pro­vin­ce, e lo si può fare rapi­da­men­te. Non è dif­fi­ci­le ritor­na­re sul­la rifor­ma del Sena­to e abo­lir­lo del tut­to (ma allo­ra andrà pre­sta­ta enor­me atten­zio­ne alla leg­ge elet­to­ra­le) oppu­re tra­sfor­mar­lo in Bun­de­srat, una secon­da came­ra real­men­te capa­ce di rap­pre­sen­ta­re le auto­no­mie ter­ri­to­ria­li. Altre rifor­me ver­ran­no e han­no alte pro­ba­bi­li­tà di esse­re pre­fe­ri­bi­li e di gran lun­ga miglio­ri del pastic­ciac­cio brut­to ren­zian-boschia­no. NO, non ci sono rifor­ma­to­ri da una par­te e immo­bi­li­sti dall’altra. Ci sono cat­ti­vi rifor­ma­to­ri da super­mer­ca­ti­no del­le pul­ci, da una par­te, e pro­get­ta­to­ri con­sa­pe­vo­li e siste­mi­ci, dall’altra. Il NO chiu­de la por­ta ai pri­mi; la spa­lan­ca ai secon­di e alle loro pro­po­ste da tem­po scrit­te e disponibili.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.