Cultura, diritti, solidarietà: sabato 7 maggio a Roma

È di nuovo il momento di inventarsi le forme e le pratiche per innescare un processo ricostituente, con la pretesa di trasformare città, vite, istituzioni a partire da un atteggiamento pragmatico di invenzione sociale, economica e istituzionale.

In occa­sio­ne del­la mani­fe­sta­zio­ne di saba­to 7 mag­gio a Roma, Emer­gen­za Cul­tu­ra in dife­sa del­l’Ar­ti­co­lo 9 del­la Costi­tu­zio­ne, pub­bli­chia­mo l’ap­pel­lo di Giu­sep­pe Alle­gri, ricer­ca­to­re e for­ma­to­re free­lan­ce, docen­te dell’Uni­ver­si­tà Sapien­za di Roma.

Era di oltre die­ci anni fa, inver­no 2004, la lot­ta fran­ce­se alla “guer­ra con­tro le intel­li­gen­ze e la cul­tu­ra”, che ebbe una vasta eco in tut­ta Euro­pa e attra­ver­sò anche i pre­ca­ri movi­men­ti del­l’On­da stu­den­te­sca e del­le uni­ver­si­tà, le mobi­li­ta­zio­ne di precari‑e del­le gran­di cate­ne di distri­bu­zio­ne, come dei ser­vi­zi alle per­so­ne (call cen­ter e non solo), per arri­va­re alle inter­mit­ten­ti del­lo spet­ta­co­lo e del lavo­ro cul­tu­ra­le che nei pri­mi anni Die­ci si ripre­se­ro tea­tri, spa­zi pub­bli­ci, sale cine­ma­to­gra­fi­che in dismis­sio­ne. Era la sta­gio­ne del­le mobi­li­ta­zio­ni euro­pee per affer­ma­re una nuo­va idea di socie­tà e di atti­vi­tà ope­ro­se, che per­met­tes­se di sfug­gi­re ai ricat­ti del lavo­ro pove­ro, a par­ti­re dal­la valo­riz­za­zio­ne di cono­scen­ze e sape­ri mes­si in condivisione.

Per un nuovo Welfare

Per­ché nel lun­go ven­ten­nio che vor­rem­mo lasciar­ci alle spal­le il nostro Pae­se ha cono­sciu­to un’e­spo­nen­zia­le fram­men­ta­zio­ne con­trat­tua­le del lavo­ro, in assen­za di qual­sia­si digni­to­sa pos­si­bi­li­tà di scel­ta. E para­dig­ma­ti­co è il peso sop­por­ta­to dal­le don­ne nel mer­ca­to del lavo­ro, aggra­va­to dal­la tra­di­zio­na­le impo­sta­zio­ne “fami­li­sta” e “pater­na­li­sta” del nostro siste­ma di Wel­fa­re che anco­ra non cono­sce garan­zie uni­ver­sa­li, a par­ti­re da una qual­che for­ma di red­di­to di base. Nel­lo stes­so ven­ten­nio è sta­ta sca­te­na­ta una scien­ti­fi­ca e bipar­ti­san guer­ra alle intel­li­gen­ze indi­pen­den­ti, let­te­ral­men­te disprez­zan­do il lavo­ro del­la cono­scen­za, pro­prio men­tre capi­ta­le e socie­tà del­lo spet­ta­co­lo met­te­va­no al lavo­ro le qua­li­tà rela­zio­na­li, cogni­ti­ve, comu­ni­ca­ti­ve del­le per­so­ne sem­pre più spes­so costret­te al lavo­ro gra­tui­to, sen­za alcu­na garan­zia: in un ospe­da­le, come nel­la reda­zio­ne di un giornale.

Contro il corporativismo

Dinan­zi a que­sto sce­na­rio di vero e pro­prio sac­cheg­gio del lavo­ro cul­tu­ra­le e di rela­zio­ne appa­re del tut­to inu­ti­le, quan­do non stra­te­gi­ca­men­te peri­co­lo­so, rin­ser­ra­re le fila del cor­po­ra­ti­vi­smo: che sia quel­lo auto­re­fe­ren­zia­le e bizan­ti­no del­l’Ac­ca­de­mia, quel­lo pro­fes­sio­na­le del­l’im­ma­gi­na­rio impren­di­to­re di se stes­so, o quel­lo del pic­co­lo orti­cel­lo sin­da­ca­le, sem­pre più impo­ve­ri­to e insi­cu­ro. E non basta riven­di­ca­re mag­gio­ri inve­sti­men­ti pub­bli­ci, se que­sti saran­no ammi­ni­stra­ti dal­le soli­te oli­gar­chie, baro­nìe e con­gre­ghe che han­no con­tri­bui­to all’at­tua­le situa­zio­ne. Come non basta difen­de­re il carat­te­re pub­bli­co del­l’i­stru­zio­ne, ma occor­re affer­ma­re l’ur­gen­za di una scuo­la pub­bli­ca di qua­li­tà, come han­no sem­pre fat­to i movi­men­ti mon­tes­so­ria­ni.

Sorellanza di sperimentazioni, dimenticate

Per que­sto var­reb­be la pena tor­na­re con la men­te a cen­to anni fa, quan­do una sorel­lan­za di vedu­te tra le intui­zio­ni di Maria Mon­tes­so­ri e il soste­gno di Vir­gi­nia Mie­li, moglie di Erne­sto Nathan, allo­ra Sin­da­co di Roma (1907–1913), gene­rò quel gran­de spa­zio di spe­ri­men­ta­zio­ne inno­va­ti­va del­l’i­stru­zio­ne pub­bli­ca per i bim­bi, par­ten­do dal quar­tie­re popo­la­re di San Loren­zo, per poi dif­fon­der­si in tut­to il mon­do. E oggi qua­si tor­nan­do a dimen­ti­ca­re tut­to que­sto, qui a Roma, in Ita­lia, quan­do mise­re clas­si diri­gen­ti di ogni colo­re e tipo pre­ten­do­no di can­di­dar­si al gover­no sen­za nean­che ricor­da­re e valo­riz­za­re que­sta irri­du­ci­bi­le tra­di­zio­ne di sape­ri vivi. Mam­ma Roma addio.

Dentro l’economia sociale e collaborativa

Den­tro le gran­di tra­sfor­ma­zio­ni del­l’e­co­no­mia col­la­bo­ra­ti­va è inve­ce il momen­to di crea­re spa­zi in cui spe­ri­men­ta­re incon­tri pro­dut­ti­vi tra nuo­ve impre­se socia­li, indi­pen­den­ti lavo­ra­to­ri auto­no­mi di secon­da e ter­za gene­ra­zio­ne e tut­te le diver­se for­me di lavo­ri del­la cono­scen­za, che ora­mai riguar­da­no ampi seg­men­ti di tut­to il mon­do del lavo­ro un tem­po rite­nu­to tra­di­zio­na­le, dove l’in­no­va­zio­ne tec­no­lo­gi­ca impo­ne la for­ma­zio­ne, con­di­vi­sio­ne e dif­fu­sio­ne di vec­chi e nuo­vi sape­ri. Si trat­ta di inve­sti­re risor­se pub­bli­che e pri­va­te per con­di­vi­de­re una nuo­va cas­set­ta degli attrez­zi con­cet­tua­li e prag­ma­ti­ci per ribal­ta­re la subor­di­na­zio­ne, tan­to al coman­do del lavo­ro, ora­mai qua­si gra­tui­to – a pre­sta­zio­ne mai retri­bui­ta – quan­to alle reto­ri­che tec­no­cra­ti­che e fal­sa­men­te meri­to­cra­ti­che. Sarà un’al­lean­za neces­sa­ria­men­te affol­la­ta, inter­ge­ne­ra­zio­na­le, plu­ra­le e mol­te­pli­ce. Ci si rico­no­sce­rà nel­la comu­ne insod­di­sfa­zio­ne rispet­to agli imma­gi­na­ri esi­sten­ti: quel­li del­l’im­po­ve­ri­men­to cul­tu­ra­le gene­ra­liz­za­to, del­l’in­tol­le­ran­te qua­lun­qui­smo paro­la­io, quin­di di una malin­co­ni­ca poli­ti­ca sem­pre più auto­re­fe­ren­zia­le, den­tro i suoi cli­ché ideologici.

Come è capi­ta­to di soste­ne­re già in già in pas­sa­to è di nuo­vo il momen­to di inven­tar­si le for­me e le pra­ti­che per inne­sca­re un pro­ces­so rico­sti­tuen­te, con la pre­te­sa di tra­sfor­ma­re cit­tà, vite, isti­tu­zio­ni a par­ti­re da un atteg­gia­men­to prag­ma­ti­co di inven­zio­ne socia­le, eco­no­mi­ca e isti­tu­zio­na­le, per una nuo­va idea di cul­tu­ra e cit­ta­di­nan­za socia­le, che sap­pia garan­ti­re indi­pen­den­za indi­vi­dua­le e soli­da­rie­tà collettiva.

Pep­pe Allegri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.