Di cosa parlano quando parlano di “mafia nigeriana” — #Antivirus

In principio fu l'Uomo Nero. Poi, nel 2011, il ruolo di spauracchio del popolo toccò allo spread (ora citato solo saltuariamente) per ri-tornare nuovamente all'Uomo Nero, con l'aggiunta, negli ultimi tempi, della mafia nigeriana.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]In prin­ci­pio fu l’Uo­mo Nero. Poi, nel 2011, il ruo­lo di spau­rac­chio del popo­lo toc­cò allo spread (ora cita­to solo sal­tua­ria­men­te) per ri-tor­na­re nuo­va­men­te all’Uo­mo Nero, con l’ag­giun­ta, negli ulti­mi tem­pi, del­la mafia nige­ria­na.

Alcu­ni poli­ti­ci, gli stes­si che parla(va)no di ‘inva­sio­ne’, ‘sosti­tu­zio­ne etni­ca’, di por­ti chiu­si e/o bloc­chi nava­li, han­no ini­zia­to a par­la­re di mafia nige­ria­na con una cer­ta assi­dui­tà, così come alcu­ni quo­ti­dia­ni sovra­ni­sti. Ne par­la­no col­le­gan­do spes­so e volen­tie­ri a que­sto tema quel­lo del­l’im­mi­gra­zio­ne: un col­le­ga­men­to che non si basa su dati ogget­ti­vi, come cer­che­rò di spiegare.

Nel­l’ulti­mo rap­por­to seme­stra­le del­la DIA, la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta stra­nie­ra in Ita­lia vie­ne così descritta: 

Lo sce­na­rio cri­mi­na­le evi­den­zia, anche nel seme­stre in rife­ri­men­to, una for­te e con­ti­nua inte­ra­zio­ne tra i soda­li­zi nazio­na­li e quel­li di matri­ce stra­nie­ra. Infat­ti, in par­ti­co­lar modo nel sud del pae­se, i grup­pi stra­nie­ri ten­do­no ad agi­re con l’assenso del­le orga­niz­za­zio­ni mafio­se, men­tre nel­le restan­ti regio­ni ten­do­no ad agi­re autonomamente.

Il traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti, quel­lo del­le armi, non­ché i rea­ti con­cer­nen­ti l’immigrazione clan­de­sti­na e la trat­ta di per­so­ne da avvia­re alla pro­sti­tu­zio­ne e al lavo­ro nero — attra­ver­so il feno­me­no del “capo­ra­la­to” — la con­traf­fa­zio­ne, i rea­ti con­tro il patri­mo­nio, i fur­ti di rame, sono solo alcu­ni dei set­to­ri dell’illecito mag­gior­men­te rap­pre­sen­ta­ti­vi dell’operatività del­la cri­mi­na­li­tà stra­nie­ra in Italia.

La cri­mi­na­li­tà nige­ria­na cen­si­ta nel rap­por­to (che ne trac­cia un’a­na­li­si e un pro­fi­lo evo­lu­ti­vo) rap­pre­sen­ta solo una pic­co­la por­zio­ne del­la cri­mi­na­li­tà pre­sen­te in Ita­lia, costi­tui­ta dal­le mafie autoc­to­ne, oltre a quel­la alba­ne­se, cine­se, rome­na, suda­me­ri­ca­na, nor­da­fri­ca­na e dei Pae­si ex-URSS. Occu­pa solo tre del­le 518 pagi­ne del­la rela­zio­ne seme­stra­le al Par­la­men­to del­la DIA. 

Que­sto non signi­fi­ca che la mafia nige­ria­na non esi­sta, ma che già sia una ten­den­za di alcu­ni a sovra­di­men­sio­na­re volu­ta­men­te que­sta spe­ci­fi­ca cri­mi­na­li­tà, cer­ta­men­te peri­co­lo­sa, atti­va su deter­mi­na­te tipo­lo­gie di ille­ci­to appal­ta­te­le dal­la cri­mi­na­li­tà loca­le (basti pen­sa­re al soda­li­zio sul traf­fi­co degli stu­pe­fa­cen­ti di cui la mafia nige­ria­na detie­ne la gestio­ne dell”’ultimo miglio” qua­si ovunque).

Per que­sto, inve­ce di chie­de­re (e otte­ne­re) l’invio del­l’e­ser­ci­to a Castel Vol­tur­no, come ha fat­to Gior­gia Melo­ni, per ”sman­tel­la­re la mafia nige­ria­na’’, o di pro­spet­ta­re l’a­do­zio­ne del cen­si­men­to degli immi­gra­ti e dei luo­ghi di ritro­vo degli extra­co­mu­ni­ta­ri, sareb­be sta­to più uti­le segui­re le indi­ca­zio­ni del­la DIA e uti­liz­za­re stru­men­ti di con­tra­sto diver­si e anche mol­to pro­fi­cui come la coo­pe­ra­zio­ne fra Pae­si.

Nel com­po­si­to mosai­co del­la cri­mi­na­li­tà di matri­ce etni­ca emer­ge, a fat­tor comu­ne, come i soda­li­zi stra­nie­ri rap­pre­sen­ti­no, da un lato, la diret­ta pro­ma­na­zio­ne di più arti­co­la­te e vaste orga­niz­za­zio­ni trans­na­zio­na­li, dall’altro l’espressione di una pre­sen­za sul ter­ri­to­rio nazio­na­le con­so­li­da­ta­si nel cor­so del tem­po. In tale qua­dro, si avver­te sem­pre di più l’esigenza di una pro­fi­cua coo­pe­ra­zio­ne tra i Pae­si inte­res­sa­ti, attra­ver­so l’utilizzo di stru­men­ti di con­tra­sto comu­ni, che pos­sa ren­de­re più omo­ge­nea ed effi­ca­ce l’azione di con­tra­sto alla cri­mi­na­li­tà trans­na­zio­na­le. L’esperienza matu­ra­ta con la men­zio­na­ta inchie­sta “She­fi” del­la DIA di Bari, resa pos­si­bi­le gra­zie alla mes­sa in cam­po di una Squa­dra Inve­sti­ga­ti­va Comu­ne italo/albanese, rap­pre­sen­ta, sicu­ra­men­te, un esem­pio vir­tuo­so da replicare.

Come per altri temi di gran­de impor­tan­za, che l’Eu­ro­pa può gesti­re se adot­ta poli­ti­che comu­ni, dal­l’e­va­sio­ne ed elu­sio­ne, al feno­me­no migra­to­rio fino a quel­lo dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, anche quel­lo del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta è un feno­me­no trans­na­zio­na­le ed è fon­da­men­ta­le la col­la­bo­ra­zio­ne fra gli sta­ti euro­pei e i pae­si d’o­ri­gi­ne del­le mafie.

Per con­tra­sta­re macro­fe­no­me­ni di que­sta por­ta­ta, che per loro stes­sa natu­ra pro­du­co­no effet­ti in più Sta­ti, appa­re ine­lu­di­bi­le, tra l’altro, lo svi­lup­po di uno spa­zio euro­peo comu­ne, di sicu­rez­za e di giu­sti­zia, depu­ta­to all’accertamento e all’applicazione di san­zio­ni pre­vi­ste da una legi­sla­zio­ne comu­ni­ta­ria armo­niz­za­ta. In det­ta dire­zio­ne, si inne­sta anche

l’introduzione del­la con­fi­sca obbli­ga­to­ria in ambi­to U.E., in vigo­re dal 24 novem­bre 2016, per i rea­ti, tra gli altri, di asso­cia­zio­ne mafio­sa, traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti, ter­ro­ri­smo, trat­ta degli esse­ri uma­ni, rici­clag­gio e corruzione.

Su que­sta con­vin­zio­ne si basa l’iniziativa del­la D.I.A. deno­mi­na­ta “Rete Anti­ma­fia Ope­ra­tio­nal Network-@ON”, la cui ope­ra­ti­vi­tà è sta­ta poten­zia­ta negli anni nel­la pro­spet­ti­va di inter­cet­ta­re più effi­ca­ce­men­te le pro­ie­zio­ni cri­mi­na­li ed eco­no­mi­co-finan­zia­rie del­le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li trans­na­zio­na­li. Uno dei pun­ti di for­za è l’infor­ma­li­tà del­lo stru­men­to che, attra­ver­so il cana­le SIENA, con­sen­te di dia­lo­ga­re diret­ta­men­te tra Uni­tà Inve­sti­ga­ti­ve Spe­cia­liz­za­te nel­la lot­ta alla cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta in ambi­to euro­peo, secon­do uno stan­dard det­ta­to da EUROPOL con del­le appo­si­te Linee Gui­da. Impor­tan­te anche la pos­si­bi­li­tà di esten­de­re la Rete@ON a Pae­si Ter­zi come USA, Cana­da e Giap­po­ne, che han­no sti­pu­la­to accor­di stra­te­gi­ci od ope­ra­ti­vi con l’Agenzia EUROPOL, allo sco­po di meglio con­tra­sta­re il feno­me­no del­le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li trans­na­zio­na­li (TOC, Trans­na­tio­nal Orga­ni­zed Cri­me), con­di­vi­den­do meto­do­lo­gie ed effi­ca­ci stru­men­ti di collaborazione.

Ad oggi l’Italia, la Ger­ma­nia, la Fran­cia e la Spa­gna sono mem­bri del Core Group del­la Rete@ON. Dal giu­gno del 2017, il Bel­gio e i Pae­si Bas­si han­no avvia­to la pro­ce­du­ra di ade­sio­ne in qua­li­tà di part­ner. Sareb­be uti­le che anche gli altri pae­si UE ade­ren­ti alla Rete aumen­ti­no ulte­rior­men­te per­ché come det­to in pre­ce­den­za, que­stio­ni di dimen­sio­ne euro­pea se non glo­ba­le van­no affron­ta­te su sca­la euro­pea e globale.

Per quan­to riguar­da il tema del lega­me tra cri­mi­na­li­tà e immi­gra­zio­ne, sem­pre nel­la rela­zio­ne D.I.A. tro­via­mo scritto:

Negli ulti­mi anni è emer­so, altre­sì, come il traf­fi­co degli esse­ri uma­ni sia diven­ta­to un ulte­rio­re, impor­tan­te cana­le di finan­zia­men­to del­la cri­mi­na­li­tà stra­nie­ra ope­ran­te a livel­lo inter­na­zio­na­le, per la cui rea­liz­za­zio­ne ver­reb­be­ro uti­liz­za­te le mede­si­me diret­tri­ci del con­trab­ban­do e del traf­fi­co di mer­ci illegali.

L’elevata remu­ne­ra­ti­vi­tà del set­to­re indu­ce mol­ti sog­get­ti, anche di ori­gi­ne comu­ni­ta­ria, ad inse­rir­si nel­la gestio­ne dei flus­si migra­to­ri. Non di rado, infat­ti, accan­to agli immi­gra­ti clan­de­sti­ni ven­go­no fer­ma­ti geor­gia­ni, ucrai­ni, tur­chi, gre­ci e ita­lia­ni che par­te­ci­pa­no alle atti­vi­tà del­le orga­niz­za­zio­ni come scafisti.

Le gene­ra­liz­za­zio­ni che Nico­la Por­ro ha fat­to sul­le pagi­na de Il Gior­na­le (in un arti­co­lo del 5 apri­le ha scrit­to che la “Mafia nige­ria­na arri­va in Ita­lia con i bar­co­ni”) mira­no ad eli­mi­na­re le tan­te sfu­ma­tu­re del feno­me­no ridu­cen­do il tut­to a due tona­li­tà cro­ma­ti­che: il bian­co e il nero.

L’andamento gene­ra­le dei flus­si migra­to­ri evi­den­zia come, per mol­ti migran­ti, il ter­ri­to­rio ita­lia­no rap­pre­sen­ti esclu­si­va­men­te un luo­go di tran­si­to — gene­ral­men­te attra­ver­sa­to da sud a nord — con la spe­ran­za di rag­giun­ge­re Pae­si come la Ger­ma­nia, la Dani­mar­ca, il Bel­gio, l’Olanda, la Nor­ve­gia e la Sve­zia, dove ricon­giun­ger­si con i parenti.

For­ma­zio­ni cri­mi­na­li strut­tu­ra­te, facen­do leva su que­sto sta­to di biso­gno, sono risul­ta­te par­ti­co­lar­men­te atti­ve nel tra­spor­ta­re i clan­de­sti­ni oltre­con­fi­ne, anche a bor­do di autovetture.

La con­se­guen­te disper­sio­ne dei migran­ti sul ter­ri­to­rio e il suc­ces­si­vo pas­sag­gio alla con­di­zio­ne di clan­de­sti­ni­tà avreb­be­ro accen­tua­to il rischio di una loro coop­ta­zio­ne nei cir­cui­ti delin­quen­zia­li, com­pre­so quel­lo del “capo­ra­la­to”.

Riguar­do a quest’ultimo aspet­to, dall’analisi di alcu­ne atti­vi­tà inve­sti­ga­ti­ve si evin­ce il radi­ca­men­to di un siste­ma ille­ci­to fina­liz­za­to allo sfrut­ta­men­to lavo­ra­ti­vo di migran­ti con il con­cor­so di fun­zio­na­ri del­la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne e libe­ri pro­fes­sio­ni­sti.

I bra­vi che han­no sco­per­to la mafia nige­ria­na solo negli ulti­mi anni dovreb­be­ro sape­re che la pre­sen­za di comu­ni­tà nige­ria­ne risa­le agli anni ’80, spe­cial­men­te nel nord Ita­lia, in Pie­mon­te, con Tori­no in testa, in Lom­bar­dia, in Vene­to e Emi­lia Roma­gna. In con­co­mi­tan­za, anche le pri­me espres­sio­ni cri­mi­na­li sono ricon­du­ci­bi­li allo stes­so perio­do, quan­do ven­ne­ro inter­cet­ta­ti i pri­mi  “cor­rie­ri” di dro­ga: in Ita­lia, il pri­mo arre­sto di un nige­ria­no nar­co­traf­fi­can­te risa­le al 1987 (!!!). [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.