Deportazioni collettive: tutte le norme violate dal governo

Tutte le norme che sono state violate e tutti i diritti non rispettati con la deportazione di 48 cittadini sudanesi avvenuta ieri. Il Governo dovrà spiegare e documentare.

Arti­co­lo 4 del IV Pro­to­col­lo addi­zio­na­le alla CEDU (Con­ven­zio­ne euro­pea per la sal­va­guar­dia dei dirit­ti del­l’uo­mo e del­le liber­tà fon­da­men­ta­li): «Le espul­sio­ni col­let­ti­ve di stra­nie­ri sono vietate». 

Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951: «lo sta­tus di rifu­gia­to è rico­no­sciu­to a chi abbia subi­to la vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni fon­da­men­ta­li o abbia il fon­da­to timo­re di esse­re per­se­gui­ta­to nel pae­se d’o­ri­gi­ne; il richie­den­te asi­lo non può esse­re allon­ta­na­to e rim­pa­tria­to» (prin­ci­pio di non refou­le­ment).

Arti­co­lo 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na: «Lo stra­nie­ro, al qua­le sia impe­di­to nel suo pae­se l’ef­fet­ti­vo eser­ci­zio del­le liber­tà demo­cra­ti­che garan­ti­te dal­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na, ha dirit­to d’a­si­lo nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca, secon­do le con­di­zio­ni sta­bi­li­te dal­la legge».

La leg­ge, il Testo Uni­co sul­l’Im­mi­gra­zio­ne (D.Lgs. 286/98), sta­bi­li­sce che:

  • «Allo stra­nie­ro comun­que pre­sen­te alla fron­tie­ra o nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to sono rico­no­sciu­ti i dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na uma­na pre­vi­sti dal­le nor­me di dirit­to inter­no, dal­le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li in vigo­re e dai prin­ci­pi di dirit­to inter­na­zio­na­le gene­ral­men­te rico­no­sciu­ti». (art. 2)
  • Il respin­gi­men­to alla fron­tie­ra non si appli­ca «nei casi pre­vi­sti dal­le dispo­si­zio­ni vigen­ti che disci­pli­na­no l’a­si­lo poli­ti­co, il rico­no­sci­men­to del­lo sta­tus di rifu­gia­to ovve­ro l’a­do­zio­ne di misu­re di pro­te­zio­ne tem­po­ra­nea per moti­vi uma­ni­ta­ri». (art. 10)
  • «L’e­spul­sio­ne è dispo­sta dal pre­fet­to, caso per caso. […] La que­stu­ra prov­ve­de a dare ade­gua­ta infor­ma­zio­ne allo stra­nie­ro del­la facol­tà di richie­de­re un ter­mi­ne per la par­ten­za volon­ta­ria, median­te sche­de infor­ma­ti­ve plu­ri­lin­gue». Il decre­to di respin­gi­men­to (alla fron­tie­ra) o di espul­sio­ne (dal ter­ri­to­rio nazio­na­le) è sot­to­po­sto al Giu­di­ce di Pace per la con­va­li­da. Lo stra­nie­ro ha dirit­to di esse­re sen­ti­to dal Giu­di­ce e deve esse­re assi­sti­to da un avvo­ca­to. Il prov­ve­di­men­to di con­va­li­da deve esse­re moti­va­to (art. 13).
  • «In nes­sun caso può dispor­si l’e­spul­sio­ne o il respin­gi­men­to ver­so uno Sta­to in cui lo stra­nie­ro pos­sa esse­re ogget­to di per­se­cu­zio­ne per moti­vi di raz­za, di ses­so, di lin­gua, di cit­ta­di­nan­za, di reli­gio­ne, di opi­nio­ni poli­ti­che, di con­di­zio­ni per­so­na­li o socia­li, ovve­ro pos­sa rischia­re di esse­re rin­via­to ver­so un altro Sta­to nel qua­le non sia pro­tet­to dal­la per­se­cu­zio­ne». (art. 19 comma1)

L’e­sa­me del­la doman­da di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le è effet­tua­to su base indi­vi­dua­le (art. 3 com­ma 3 DLgs. 251/2007).

Le auto­ri­tà com­pe­ten­ti all’e­sa­me del­le doman­de di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le sono le com­mis­sio­ni ter­ri­to­ria­li per il rico­no­sci­men­to del­la pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le (art. 3 DLgs. 25/2008).

Il richie­den­te è auto­riz­za­to a rima­ne­re nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to, ai fini esclu­si­vi del­la pro­ce­du­ra, fino alla deci­sio­ne del­la com­mis­sio­ne ter­ri­to­ria­le (art. 7 DLgs. 25/2008).

Infi­ne, è que­sta, secon­do il Mini­ste­ro degli Este­ri, la situa­zio­ne del Sudan: «In tut­to il Pae­se per­si­ste un gene­ra­le cli­ma di ten­sio­ne. Lo sta­to di emer­gen­za vige in tut­ta la regio­ne del Dar­fur e negli Sta­ti del Sud Kor­do­fan e del Blue Nile. La regio­ne di con­fi­ne tra Sudan e Sud Sudan, spe­cial­men­te negli Sta­ti del Sud Kor­do­fan e del Blue Nile, è infat­ti anco­ra insta­bi­le e con­ti­nua­no a regi­strar­si scon­tri tra le For­ze gover­na­ti­ve ed grup­pi affi­lia­ti al “Sudan People’s Libe­ra­tion Move­ment-North (SPLM‑N)”. In con­si­de­ra­zio­ne del per­ma­ne­re del­la situa­zio­ne di cri­si e del­la con­se­guen­te pre­ca­ria situa­zio­ne del­la sicu­rez­za nell’ovest del Pae­se (Dar­fur), sono scon­si­glia­ti viag­gi  a qual­sia­si tito­lo in que­sta regio­ne. Il ban­di­ti­smo con­trad­di­stin­gue tut­to il ter­ri­to­rio del Dar­fur, ivi com­pre­se le aree urba­ne, e non rispar­mia nean­che gli ope­ra­to­ri uma­ni­ta­ri. E’ inol­tre ele­va­to il rischio di scon­tri tra grup­pi arma­ti e for­ze gover­na­ti­ve. Si segna­la che negli ulti­mi anni si sono inol­tre veri­fi­ca­ti nume­ro­si casi di seque­stro di per­so­na, anche a dan­no di ope­ra­to­ri uma­ni­ta­ri. Si fa infi­ne pre­sen­te che sono neces­sa­rie auto­riz­za­zio­ni spe­cia­li, anche per il per­so­na­le diplo­ma­ti­co e gli ope­ra­to­ri uma­ni­ta­ri, per recar­si nel­la regio­ne. Sono  inol­tre a for­te rischio le aree di Abyei, anco­ra ogget­to di con­te­sa tra Sudan e Sud Sudan, Sud Kor­do­fan e Blue Nile».

Se que­sto è il qua­dro giu­ri­di­co e fat­tua­le in cui si col­lo­ca la depor­ta­zio­ne di 48 cit­ta­di­ni suda­ne­si avve­nu­ta ieri, le vio­la­zio­ni sono gra­vi, plu­ri­me ed ogget­ti­ve. Il Gover­no dovrà spie­ga­re e docu­men­ta­re per­ché non sia­no sta­ti rispet­ta­ti i prin­ci­pi di tute­la qui ricor­da­ti, per­ché a que­ste per­so­ne non sia sta­to garan­ti­to l’ac­ces­so alle pro­ce­du­re di asi­lo, per­ché sia­no sta­te espul­se o respin­te col­let­ti­va­men­te, come sia sta­to pos­si­bi­le otte­ne­re la con­va­li­da con­te­stua­le di 48 per­so­ne con prov­ve­di­men­to indi­vi­dua­le e motivato.

Gli strap­pi e le vio­la­zio­ni sui dirit­ti uma­ni riguar­da­no tut­ti, cit­ta­di­ni ita­lia­ni e stra­nie­ri, per­ché sono la car­ti­na di tor­na­so­le del livel­lo di civil­tà di un pae­se. E quan­do non si rispet­ta­no le nor­me e le pro­ce­du­re per i più debo­li, si apro­no dero­ghe e pre­ce­den­ti peri­co­lo­si per qua­lun­que cit­ta­di­no, per­ché le isti­tu­zio­ni fini­sco­no per mostra­re il loro vol­to autoritario.

Bat­ter­si per i dirit­ti uma­ni signi­fi­ca bat­ter­si per noi stes­si, per i nostri figli, per il nostro vacil­lan­te pre­sen­te e per il nostro incer­tis­si­mo futu­ro. Come pos­sia­mo con­fron­tar­ci con l’E­git­to che nascon­de la veri­tà sul­l’as­sas­si­nio di Giu­lio Rege­ni, se anche noi ini­zia­mo a met­ter­ci sot­to i pie­di il rispet­to dei dirit­ti fon­da­men­ta­li del­le per­so­ne? Chie­dia­mo imme­dia­te spie­ga­zio­ni uffi­cia­li ad Alfa­no e non esi­te­re­mo a denun­cia­re chiun­que abbia vio­la­to le leg­gi vigenti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.