Dall’Africa a Como: la politica chiude le frontiere, i migranti aprono altre rotte

Liber­tà, l’ho vista dormire
nei cam­pi coltivati,
a cie­lo e denaro,
a cie­lo ed amore,
pro­tet­ta da un filo spinato.

IMG_1393
Sta­zio­ne di Como. Un tre­no vuo­to obbli­ga ad usa­re il sot­to­pas­sag­gio per rag­giun­ge­re il bina­rio al qua­le fer­me­rà il tre­no per la Svizzera.

La depor­ta­zio­ne col­let­ti­va di 48 cit­ta­di­ni suda­ne­si, avve­nu­ta nel­le scor­se ore, non è sola­men­te un gra­ve atto di vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni: è soprat­tut­to il frut­to di una stra­te­gia ben pre­ci­sa che ha come fine ulti­mo il con­tra­sto del­le rot­te migra­to­rie attra­ver­so la chiu­su­ra dei con­fi­ni e il rim­pa­trio del­le per­so­ne, anche quan­do que­ste scap­pa­no da situa­zio­ni di vio­len­za dif­fu­sa. Chia­mia­mo­lo “Migra­tion com­pact”, che in ingle­se fa tan­to moder­no, o chia­mia­mo­lo “pro­ces­so di Khar­toum” (la capi­ta­le del Sudan, non a caso, sno­do obbli­ga­to­rio del­la rot­ta che par­te dal cor­no d’Africa), ma le cose non cam­bia­no: i gover­ni dei pae­si euro­pei han­no deci­so che la stra­da da segui­re è que­sta. Di con­se­guen­za gli “aiu­ti allo svi­lup­po” non diven­ta­no altro che finan­zia­men­ti a gover­ni di dub­bia demo­cra­ti­ci­tà (per usa­re un eufe­mi­smo) in cam­bio del con­trol­lo del­le fron­tie­re. È così che l’Europa con­trol­la i pro­pri con­fi­ni, spo­stan­do­li in Afri­ca. E se tre indi­zi fan­no una pro­va, in que­sto caso abbia­mo alme­no una pro­va e mezza.

Il pri­mo indi­zio, il più evi­den­te: l’accor­do stret­to da Unio­ne euro­pea e Tur­chia, che pre­ve­de la depor­ta­zio­ne in Tur­chia di tut­ti colo­ro che non sia­no siria­ni, in cam­bio di un siria­no al momen­to pre­sen­te in Turchia.

Il secon­do: le dichia­ra­zio­ni di Alfa­no del­le scor­se ore. Alfa­no pro­po­ne (e non è la pri­ma vol­ta) di repli­ca­re l’accordo UE – Tur­chia con la Libia, nono­stan­te la situa­zio­ne ancor più cri­ti­ca in cui ver­sa il pae­se nor­da­fri­ca­no, di fat­to pre­ci­pi­ta­to nel caos istituzionale.

Il ter­zo: gli accor­di tra gover­no ita­lia­no e gover­no suda­ne­se, che pre­ve­do­no una col­la­bo­ra­zio­ne nel rim­pa­trio degli “irre­go­la­ri”, tan­to che fun­zio­na­ri del gover­no suda­ne­se era­no pre­sen­ti a Ven­ti­mi­glia, e tan­to che il gover­no ita­lia­no ha finan­zia­to quel­lo suda­ne­se, lo scor­so anno, con cir­ca 545mila dol­la­ri, per costrui­re cam­pi pro­fu­ghi in Sudan.

IMG_1391
Cam­po infor­ma­le a Como. Chie­de­re asi­lo in inglese.

Il quar­to: la poli­ti­ca dei respin­gi­men­ti attua­ta dal­la Sviz­ze­ra. Dal con­fi­ne Como – Chias­so arri­va­no noti­zie sem­pre più allar­man­ti, sia riguar­do le pos­si­bi­li­tà di var­ca­re la fron­tie­ra, sia riguar­do il trat­ta­men­to cui sono sot­to­po­sti i tran­si­tan­ti. La Sviz­ze­ra, dal can­to suo, se la pren­de con chi sta a nord: “se la Ger­ma­nia chiu­de il con­fi­ne, allo­ra lo fac­cia­mo anche noi”. Con la con­se­guen­za che in sta­zio­ne a Como sono accam­pa­ti cir­ca 400 migran­ti, per­lo­più pro­ve­nien­ti dal cor­no d’Africa: Eri­trea, Soma­lia, Etio­pia. Tra gli etio­pi ci sono gli “oro­mo”, in par­ti­co­la­re, come Fey­i­sa Lile­sa, il mara­to­ne­ta che alle Olim­pia­di ha alza­to le brac­cia, amma­net­ta­te, sul tra­guar­do, per mani­fe­sta­re con­tro i sopru­si cui è sot­to­po­sto il suo popolo.

Il quin­to, che tie­ne assie­me tut­to, si chia­ma appun­to “Migra­tion com­pact”, e non è altro che tut­to ciò, di cui ora stia­mo gustan­do un assag­gio: money for refu­gees, sen­za però inter­ve­ni­re sul­le cau­se del­le migra­zio­ni e con l’effetto che i refu­gees con­ti­nue­ran­no a scap­pa­re da quel­le stes­se dit­ta­tu­re, da quel­la stes­sa fame, da quel­la stes­sa vio­len­za che ci guar­dia­mo bene dall’affrontare. E tro­ve­ran­no stra­de nuo­ve: chiu­so il con­fi­ne unghe­re­se, si guar­da alla Croa­zia, e poi al Bren­ne­ro, e a Como, e a Ven­ti­mi­glia, e così via, con il risul­ta­to che i cam­pi al con­fi­ne stan­no sor­gen­do anche da noi, con buo­na pace di chi invo­ca­va l’innalzamento di muri, sen­za capi­re che l’Italia si tro­va dal­la par­te “sba­glia­ta” del muro, espo­sta com’è all’approdo via mare.

IMG_1388
Cam­po infor­ma­le a Como. E’ cir­ca mez­za­not­te, pro­se­gue l’as­sem­blea tra le per­so­ne che vi risiedono.

Como è solo l’ultimo caso. Per­so­ne in sta­zio­ne che ripo­sa­no per ter­ra, ten­de nel par­co poco fuo­ri. Poli­zia ovun­que, sia sul fron­te ita­lia­no che su quel­lo sviz­ze­ro. Un ragaz­zo e una ragaz­za, l’altra sera, han­no ten­ta­to il pas­sag­gio a bor­do del tre­no del­le 00.08 sul qua­le mi tro­va­vo anche io, venen­do bloc­ca­ti alla disce­sa a Chias­so: trop­pi agen­ti, tre­ni posi­zio­na­ti in manie­ra stra­te­gi­ca, pas­sag­gi obbli­ga­ti. Far­la fran­ca e pro­se­gui­re ver­so la Ger­ma­nia sem­bra impos­si­bi­le. Lo stes­so ragaz­zo, la mat­ti­na suc­ces­si­va, lo vedo negli uffi­ci del­la poli­zia di fron­tie­ra ita­lia­na men­tre vie­ne invi­ta­to ad allon­ta­nar­si dagli agen­ti: dire­zio­ne Como, sta­zio­ne di Como, ovvia­men­te. Al cam­po all’e­ster­no del­la sta­zio­ne la situa­zio­ne non è del­le miglio­ri. La stes­sa sera era in cor­so una assem­blea cui par­te­ci­pa­va­no volon­ta­ri e migran­ti, e dagli inter­ven­ti ascol­ta­ti una cosa pare chia­ra: l’intenzione è quel­la di rima­ne­re, di ripro­va­re, di atten­de­re il var­co giu­sto e il momen­to giu­sto. La poli­ti­ca cit­ta­di­na rispon­de con la pro­po­sta di alle­sti­re un cam­po nel­le vici­nan­ze, ma per entrar­vi ci si dovrà regi­stra­re, e con il rego­la­men­to di Dubli­no vigen­te saran­no in pochi a far­lo. C’è un pic­co­lo info­point tra le ten­de. Lì vici­no dei ragaz­zi gio­ca­no con un pal­lo­ne. L’inverno non è poi così lon­ta­no.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.