L’emergenza e i tempi lunghi

In tanti mi state scrivendo chiedendomi come si può fare per dare una mano. Da stamattina sto cercando di capirlo anche io. Mi è stato detto da chiunque sta lavorando sul campo di non muoversi, di non improvvisarsi, di aspettare le informazioni ufficiali delle Protezioni Civile o dei Sindaci dei Comuni colpiti, perché ora le forze sono concentrate sulle operazione di salvataggio e ogni minuto che passa è prezioso, quindi è assolutamente da evitare tutto quanto possa essere d’ostacolo. Purtroppo riferiscono anche di un alto numero di vittime.

Abbiamo tutti desiderio di essere di aiuto e la valanga di generosità che arriva da ogni parte di Italia è l’unica cosa confortante in questo momento. Ma queste popolazioni hanno bisogno di rimanere a lungo nei cuori e nelle menti di tutti noi, quindi seguiamo tutto con attenzione, atteniamoci alle comunicazioni ufficiali, lasciamo l’emergenza a chi ha la competenza e l’esperienza per affrontarla e prendiamoci in carico i tempi lunghi. Che sono sempre quelli che fregano questo Paese.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait