Dalla parte dell’umanità (e contro il “pacchetto Minniti”)

Otto punti con i quali contrasteremo in tutti i luoghi, istituzionali e non, la disumanità e l'inefficacia del «pacchetto Minniti». Partecipa alla nostra campagna: firma l'appello, resta informato, partecipa alla mobilitazione, segnalaci gravi violazioni dei diritti, buone e cattivissime pratiche di accoglienza. Schierati con noi dalla parte dell'umanità.

La rifor­ma in mate­ria di acco­glien­za dei rifu­gia­ti volu­ta dal gover­no Gen­ti­lo­ni, e che ha visto come prin­ci­pa­le arte­fi­ce il mini­stro del­l’In­ter­no Min­ni­ti, è una rifor­ma sba­glia­ta e inu­ma­na, che ci ripor­ta di col­po indie­tro alle poli­ti­che musco­la­ri dei gover­ni di cen­tro­de­stra. Men­tre si alza­no voci di sde­gno nei con­fron­ti di Donald Trump, è l’I­ta­lia stes­sa, con il sup­por­to del­l’U­nio­ne euro­pea, a costrui­re un muro diplo­ma­ti­co, poli­ti­co e ammi­ni­stra­ti­vo nel mez­zo del Medi­ter­ra­neo: si è scel­to — anco­ra una vol­ta, anche in que­sto caso — di comin­cia­re dagli effet­ti e di dimen­ti­ca­re le cau­se del­le migra­zio­ni for­za­te.

Non è con­dan­nan­do i migran­ti nel­le mani del­le for­ze di sicu­rez­za libi­che, in even­tua­li «cam­pi di acco­glien­za» e cer­tis­si­me pri­gio­ni, espo­sti alle vio­len­ze in un pae­se che non ha sot­to­scrit­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra sui rifu­gia­ti, che dare­mo rispo­ste a colo­ro che scap­pa­no da guer­re, per­se­cu­zio­ni e luo­ghi nei qua­li non pos­so­no più vive­re. Come può la Libia — pae­se che vive una for­tis­si­ma cri­si isti­tu­zio­na­le che impe­di­sce ad alcun gover­no di eser­ci­ta­re il con­trol­lo del ter­ri­to­rio — garan­ti­re pro­te­zio­ne a colo­ro che scap­pa­no dal Cor­no d’A­fri­ca, cui il nostro pae­se rispon­de posi­ti­va­men­te a tut­te le doman­de d’a­si­lo? Nascon­de­re il pro­ble­ma è solo un ele­men­to di ipo­cri­sia.

Non è rim­pa­trian­do tut­ti colo­ro ai qua­li non rico­no­scia­mo pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le che potre­mo per­ve­ni­re a una gestio­ne razio­na­le e uma­na dei flus­si: i rim­pa­tri, oltre a esse­re costo­sis­si­mi (l’E­spres­so sti­ma un costo di cir­ca 400milioni di euro per ese­gui­re il rim­pa­trio di 120mila “dinie­ga­ti” dal 2013), pre­sup­pon­go­no accor­di di col­la­bo­ra­zio­ne con pae­si che spes­so non sono affat­to in gra­do di garan­ti­re la sicu­rez­za per­so­na­le del­le per­so­ne rim­pa­tria­te.

Non è eli­mi­nan­do tute­le giu­ri­di­che fon­da­men­ta­li qua­li il gra­do di appel­lo per i richie­den­ti pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le e la deten­zio­ne nei nuo­vi «cen­tri per il rim­pa­trio» (aggior­na­men­to for­ma­le e solo nomi­na­li­sti­co degli inu­ma­ni CIE, vera e pro­pria “truf­fa del­le eti­chet­te”) che otter­re­mo una miglio­re e più snel­la gestio­ne del­le procedure.

Il cosid­det­to “pac­chet­to Min­ni­ti” è non solo una pro­po­sta che non tie­ne con­to dei dirit­ti uma­ni e degli obbli­ghi inter­na­zio­na­li del­l’I­ta­lia a tute­la dei rifu­gia­ti, ma segna anco­ra un approc­cio che non tie­ne con­to del­la real­tà, e che si basa sul­la (poco pia) illu­sio­ne che la solu­zio­ne sia­no muri fisi­ci e poli­ti­ci, respin­gi­men­ti ai con­fi­ni libi­ci e rim­pa­tri di mas­sa. E’ neces­sa­rio rispon­de­re con un fer­mo e deci­so no, che con­trap­pon­ga alla chiu­su­ra del gover­no ita­lia­no alcu­ne sem­pli­ci e rea­li­sti­che (nel sen­so che ten­go­no con­to del­la real­tà) misure:

  1. Un impe­gno deci­so dei gover­ni per­ché ven­ga­no limi­ta­te le for­me di sfrut­ta­men­to del­le ter­re da cui i migran­ti scap­pa­no, con una lot­ta sen­za quar­tie­re alle dise­gua­glian­ze glo­ba­li, a par­ti­re da una rivi­si­ta­zio­ne del­le poli­ti­che ener­ge­ti­che dei pae­si euro­pei in Nige­ria e Niger, e di quel­le fisca­li per evi­ta­re elu­sio­ne ed eva­sio­ne di com­pa­gnie nostre che sot­trag­go­no risor­se ingen­ti ai pae­si più pove­ri, evi­tan­do ogni sup­por­to dato a gover­ni in odo­re di regi­me dit­ta­to­ria­le: ser­ve coe­ren­za nel­le poli­ti­che per lo svi­lup­po;
  2. A livel­lo euro­peo, insi­ste­re per il supe­ra­men­to del­l’i­po­cri­sia del siste­ma Dubli­no, eli­mi­nan­do il cri­te­rio del pri­mo Pae­se d’ar­ri­vo e ver­so un mec­ca­ni­smo auto­ma­ti­co e per­ma­nen­te di con­di­vi­sio­ne del­le respon­sa­bi­li­tà sul­le richie­ste d’a­si­lo tra Sta­ti mem­bri, che met­ta al cen­tro la per­so­na e i suoi biso­gni;
  3. Un altro impe­gno deci­so vol­to a ridur­re il com­mer­cio di armi e in par­ti­co­la­re alla pie­na attua­zio­ne del­la leg­ge 185 del 1990, bloc­can­do l’e­spor­ta­zio­ne di armi dal­l’I­ta­lia ver­so pae­si in sta­to di con­flit­to arma­to o i cui gover­ni sono respon­sa­bi­li di accer­ta­te vio­la­zio­ni dei dirit­ti umani;
  4. L’at­ti­va­zio­ne di cor­ri­doi uma­ni­ta­ri che garan­ti­sca­no, nel­le prin­ci­pa­li zone di cri­si e nei pae­si di tran­si­to, la pos­si­bi­li­tà di acce­de­re a vie lega­li e sicu­re (come rein­se­dia­men­ti e visti uma­ni­ta­ri) per arri­va­re in Unio­ne euro­pea a doman­da­re pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le, a par­ti­re dai casi di par­ti­co­la­re vulnerabilità;
  5. Riat­ti­va­re cana­li per cer­ca­re lavo­ro in Ita­lia, così da evi­ta­re che colo­ro che arri­va­no in Ita­lia con que­sto sco­po fac­cia­no doman­da d’a­si­lo, ingol­fan­do il siste­ma di valu­ta­zio­ne, pesan­do sul­le cas­se pub­bli­che e rischian­do di otte­ne­re un dinie­go alla doman­da e tra­sfor­mar­si in irre­go­la­ri, con un net­to supe­ra­men­to del­la Bos­si-Fini;
  6. Pre­ve­de­re per colo­ro che rice­vo­no il dinie­go alla doman­da d’a­si­lo anche in appel­lo la pos­si­bi­li­tà di una rego­la­riz­za­zio­ne attra­ver­so il lavo­ro e lo stu­dio, per evi­ta­re di dover auto­ma­ti­ca­men­te pro­ce­de­re al rim­pa­trio, maga­ri anche nei casi in cui la per­so­na ha già tro­va­to lavoro;
  7. Inve­sti­re sui pro­gram­mi di rim­pa­trio volon­ta­rio che garan­ti­sca­no un futu­ro degno a chi sce­glie di fare ritor­no nel pro­prio pae­se e con­cen­tra­re i rim­pa­tri for­za­ti sola­men­te come extre­ma ratio e quan­do ricor­ro­no moti­vi di sicu­rez­za nazio­na­le;
  8. Costrui­re un siste­ma di acco­glien­za dif­fu­so sul­la base del model­lo Sprar, can­cel­lan­do i gran­di cen­tri in emer­gen­za (che frut­ta­no ingen­ti gua­da­gni ai gesto­ri) per con­cen­trar­si su pic­co­le e pic­co­lis­si­me strut­tu­re dif­fu­se in manie­ra omo­ge­nea sul ter­ri­to­rio. Un siste­ma che inol­tre for­ni­sca al richie­den­te asi­lo tut­ti gli stru­men­ti per poter esse­re auto­no­mo e inte­gra­to nel con­te­sto socia­le e rica­da posi­ti­va­men­te sui ter­ri­to­ri attra­ver­so la crea­zio­ne di posti di lavo­ro e la valo­riz­za­zio­ne del­le com­pe­ten­ze di chi lavo­ra nel set­to­re del­l’ac­co­glien­za;

Sul­la base di que­ste pro­po­ste con­tra­ste­re­mo in tut­ti i luo­ghi, isti­tu­zio­na­li e non, la disu­ma­ni­tà e l’i­nef­fi­ca­cia del «pac­chet­to Minniti».

Par­te­ci­pa alla nostra cam­pa­gna: fir­ma l’ap­pel­lo, resta infor­ma­to, par­te­ci­pa alla mobilitazione.

Segna­la­ci gra­vi vio­la­zio­ni dei dirit­ti, buo­ne e cat­ti­vis­si­me pra­ti­che di acco­glien­za scri­ven­do a [email protected]

Schie­ra­ti con noi dal­la par­te del­l’u­ma­ni­tà.

Dalla parte dei rifugiati (e contro il “piano Minniti”)

Il cosid­det­to “pac­chet­to Min­ni­ti” è non solo una pro­po­sta che non tie­ne con­to dei dirit­ti uma­ni e degli obbli­ghi inter­na­zio­na­li dell’Italia a tute­la dei rifu­gia­ti, ma segna anco­ra un approc­cio che non tie­ne con­to del­la real­tà, e che si basa sul­la (poco pia) illu­sio­ne che la solu­zio­ne sia­no muri fisi­ci e poli­ti­ci, respin­gi­men­ti ai con­fi­ni libi­ci e rim­pa­tri di mas­sa. E’ neces­sa­rio rispon­de­re con un fer­mo e deci­so no, che con­trap­pon­ga alla chiu­su­ra del gover­no ita­lia­no alcu­ne sem­pli­ci e rea­li­sti­che (nel sen­so che ten­go­no con­to del­la real­tà) misure:
Un impe­gno deci­so dei gover­ni per­ché ven­ga­no limi­ta­te le for­me di sfrut­ta­men­to del­le ter­re da cui i migran­ti scap­pa­no, con una lot­ta sen­za quar­tie­re alle dise­gua­glian­ze glo­ba­li, a par­ti­re da una rivi­si­ta­zio­ne del­le poli­ti­che ener­ge­ti­che dei pae­si euro­pei in Nige­ria e Niger, e di quel­le fisca­li per evi­ta­re elu­sio­ne ed eva­sio­ne di com­pa­gnie nostre che sot­trag­go­no risor­se ingen­ti ai pae­si più pove­ri, evi­tan­do ogni sup­por­to dato a gover­ni in odo­re di regi­me dit­ta­to­ria­le: ser­ve coe­ren­za nel­le poli­ti­che per lo sviluppo;
A livel­lo euro­peo, insi­ste­re per il supe­ra­men­to dell’ipocrisia del siste­ma Dubli­no, eli­mi­nan­do il cri­te­rio del pri­mo Pae­se d’arrivo e ver­so un mec­ca­ni­smo auto­ma­ti­co e per­ma­nen­te di con­di­vi­sio­ne del­le respon­sa­bi­li­tà sul­le richie­ste d’asilo tra Sta­ti mem­bri, che met­ta al cen­tro la per­so­na e i suoi bisogni;
Un altro impe­gno deci­so vol­to a ridur­re il com­mer­cio di armi e in par­ti­co­la­re alla pie­na attua­zio­ne del­la leg­ge 185 del 1990, bloc­can­do l’esportazione di armi dall’Italia ver­so pae­si in sta­to di con­flit­to arma­to o i cui gover­ni sono respon­sa­bi­li di accer­ta­te vio­la­zio­ni dei dirit­ti umani;
L’attivazione di cor­ri­doi uma­ni­ta­ri che garan­ti­sca­no, nel­le prin­ci­pa­li zone di cri­si e nei pae­si di tran­si­to, la pos­si­bi­li­tà di acce­de­re a vie lega­li e sicu­re (come rein­se­dia­men­ti e visti uma­ni­ta­ri) per arri­va­re in Unio­ne euro­pea a doman­da­re pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le, a par­ti­re dai casi di par­ti­co­la­re vulnerabilità;
Riat­ti­va­re cana­li per cer­ca­re lavo­ro in Ita­lia, così da evi­ta­re che colo­ro che arri­va­no in Ita­lia con que­sto sco­po fac­cia­no doman­da d’asilo, ingol­fan­do il siste­ma di valu­ta­zio­ne, pesan­do sul­le cas­se pub­bli­che e rischian­do di otte­ne­re un dinie­go alla doman­da e tra­sfor­mar­si in irre­go­la­ri, con un net­to supe­ra­men­to del­la Bossi-Fini;
Pre­ve­de­re per colo­ro che rice­vo­no il dinie­go alla doman­da d’asilo anche in appel­lo la pos­si­bi­li­tà di una rego­la­riz­za­zio­ne attra­ver­so il lavo­ro e lo stu­dio, per evi­ta­re di dover auto­ma­ti­ca­men­te pro­ce­de­re al rim­pa­trio, maga­ri anche nei casi in cui la per­so­na ha già tro­va­to lavoro;
Inve­sti­re sui pro­gram­mi di rim­pa­trio volon­ta­rio che garan­ti­sca­no un futu­ro degno a chi sce­glie di fare ritor­no nel pro­prio pae­se e con­cen­tra­re i rim­pa­tri for­za­ti sola­men­te come extre­ma ratio e quan­do ricor­ro­no moti­vi di sicu­rez­za nazionale;
Costrui­re un siste­ma di acco­glien­za dif­fu­so sul­la base del model­lo Sprar, can­cel­lan­do i gran­di cen­tri in emer­gen­za (che frut­ta­no ingen­ti gua­da­gni ai gesto­ri) per con­cen­trar­si su pic­co­le e pic­co­lis­si­me strut­tu­re dif­fu­se in manie­ra omo­ge­nea sul ter­ri­to­rio. Un siste­ma che inol­tre for­ni­sca al richie­den­te asi­lo tut­ti gli stru­men­ti per poter esse­re auto­no­mo e inte­gra­to nel con­te­sto socia­le e rica­da posi­ti­va­men­te sui ter­ri­to­ri attra­ver­so la crea­zio­ne di posti di lavo­ro e la valo­riz­za­zio­ne del­le com­pe­ten­ze di chi lavo­ra nel set­to­re dell’accoglienza;
Sul­la base di que­ste pro­po­ste con­tra­ste­re­mo in tut­ti i luo­ghi, isti­tu­zio­na­li e non, la disu­ma­ni­tà e l’inefficacia del «pac­chet­to Minniti».
Par­te­ci­pa alla nostra cam­pa­gna: fir­ma l’appello, resta infor­ma­to, par­te­ci­pa alla mobilitazione.

%%la tua firma%%

207 firme

Con­di­vi­di con i tuoi amici:

   

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.