Crotone e veleni: diciamo no a qualsiasi progetto al ribasso

La vicenda della bonifica del sito industriale ex Pertusola di Crotone ha una storia lunga e controversa, che inizia con una promessa: "le fabbriche non chiuderanno”. Correva l’anno 2000 e l’accesa campagna elettorale per le Regionali regalava questa perla di saggezza. Da allora, il polo siderurgico di Crotone è morto, inquinando più di quando era vivo. Ben 17 (diciassette!) anni non sono bastati per consegnare a questo territorio un piano di bonifica reale, che tenesse in considerazione l’interesse dei cittadini, la loro salute e le disposizioni europee (oltre che di buon senso) che prevedono una ricomposizione del danno finalizzato al ripristino dell’ambiente inquinato.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491314657635{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]La vicen­da del­la boni­fi­ca del sito indu­stria­le ex Per­tu­so­la di Cro­to­ne ha una sto­ria lun­ga e con­tro­ver­sa, che ini­zia con una pro­mes­sa: “le fab­bri­che non chiu­de­ran­no”. Cor­re­va l’anno 2000 e l’accesa cam­pa­gna elet­to­ra­le per le Regio­na­li rega­la­va que­sta per­la di sag­gez­za. Da allo­ra, il polo side­rur­gi­co di Cro­to­ne è mor­to, inqui­nan­do più di quan­do era vivo. Ben 17 (dicias­set­te!) anni non sono basta­ti per con­se­gna­re a que­sto ter­ri­to­rio un pia­no di boni­fi­ca rea­le, che tenes­se in con­si­de­ra­zio­ne l’interesse dei cit­ta­di­ni, la loro salu­te e le dispo­si­zio­ni euro­pee (oltre che di buon sen­so) che pre­ve­do­no una ricom­po­si­zio­ne del dan­no fina­liz­za­to al ripri­sti­no dell’ambiente inqui­na­to. In que­sto lun­go perio­do abbia­mo assi­sti­to ad un sus­se­guir­si di deci­sio­ni con­tra­stan­ti, in cui la boni­fi­ca ha assun­to la for­ma dell’acqua, in un con­ti­nuo rim­pal­lo di scel­te tra Mini­ste­ro dell’Ambiente ed Uffi­ci Regio­na­li. Al pun­to che l’ultimo decre­to ema­na­to dal Mini­ste­ro ha deci­so di effet­tua­re una mes­sa in sicu­rez­za, chia­man­do­la boni­fi­ca. Deci­sio­ne alla qua­le il ter­ri­to­rio non ha partecipato.

Ma la par­te­ci­pa­zio­ne non aspet­ta i tem­pi del­la poli­ti­ca. Quan­do non le vie­ne con­ces­so spa­zio, pro­prio come l’acqua, lei lo pren­de da se. Abbia­mo già espres­so, come Comi­ta­to e con auto­re­vo­li voci, con mol­ta chia­rez­za che lo stal­lo in cui ver­sa la boni­fi­ca lascia la cit­ta­di­nan­za nel for­te dub­bio che la man­can­za di tra­spa­ren­za sia pro­pe­deu­ti­co agli inte­res­si di qual­cu­no a disca­pi­to del bene comu­ne. Già in quel­la occa­sio­ne abbia­mo fat­to pre­sen­te l’esigenza di rispon­de­re ai biso­gni di tut­ti colo­ro che, insie­me a noi, voglio­no capi­re per­ché la par­ti­ta sul­la boni­fi­ca non si gio­ca a car­te sco­per­te. La man­ca­ta attua­zio­ne di momen­ti di incon­tro, con­fron­to, dibat­ti­to, è un segna­le poco con­for­tan­te per una comu­ni­tà che vive con gran­de atten­zio­ne le dichia­ra­zio­ni isti­tu­zio­na­li, in un con­ti­nuo rin­cor­rer­si di voci che non offro­no con­te­nu­ti affi­da­bi­li. Ci sarem­mo aspet­ta­ti, per un argo­men­to tor­bi­do come que­sto, un palaz­zo di cri­stal­lo, la cui tra­spa­ren­za potes­se per­met­te­re, a chiun­que voles­se, di assi­ste­re in pri­ma per­so­na al con­tro­ver­so dibat­ti­to sul­la rimo­zio­ne dei male­det­ti vele­ni. Cer­to, era­va­mo al cor­ren­te che la demo­cra­zia par­te­ci­pa­ta è mer­ce anco­ra raris­si­ma ed infat­ti ci sareb­be basta­to ave­re un posto da spet­ta­to­ri. Nean­che que­sto è sta­to pos­si­bi­le fino ad ora.

A dimo­stra­zio­ne però che ormai la popo­la­zio­ne non vuo­le più atten­de­re per sco­pri­re chi bara con l’asso nel­la mani­ca, il comi­ta­to spon­ta­neo “La Col­li­na dei Vele­ni” ha deci­so di adi­re al TAR in meri­to al Decre­to 18/STA del 3 Feb­bra­io ’17, per por­ta­re tut­ti i pro­ta­go­ni­sti difron­te alle loro respon­sa­bi­li­tà. È una scel­ta corag­gio­sa, che ha avu­to il meri­to di inca­na­la­re tut­ti i sog­get­ti, pri­va­ti, asso­cia­ti­vi ed isti­tu­zio­na­li che sono rima­sti esclu­si dal­la ele­va­ta riser­va­tez­za, per cer­ti ver­si immo­ti­va­ta, con cui Mini­ste­ro, Regio­ne e Comu­ne gover­na­no que­sta deli­ca­ta fase. È anche una scel­ta rischio­sa, per­ché espo­ne tut­ti gli atto­ri al vaglio del­la magi­stra­tu­ra, in un per­cor­so pro­ce­du­ra­le cer­to e regimentato.

Nel­le ragio­ni di que­sta scel­ta noi del comi­ta­to “Medi­ter­ra­neo Pos­si­bi­le” leg­gia­mo la chia­ra volon­tà di apri­re un capi­to­lo ine­di­to, in cui crea­re uno spa­zio di real­tà che respin­ga dub­bi e con­fu­sio­ne, per­ché è for­te l’impulso a met­te­re da par­te l’immaginazione.

Lascia­mo a cia­scu­no la valu­ta­zio­ne sull’opportunità o meno di ade­ri­re a que­sta ini­zia­ti­va, ma non pos­sia­mo non evi­den­zia­re che que­sto ricor­so è l’estremo rime­dio in rispo­sta al male estre­mo, un mes­sag­gio ben chia­ro a chi ha anco­ra in men­te di trat­ta­re que­sto ter­ri­to­rio come colo­nia da con­qui­sta­re con spec­chiet­ti e lustri­ni colo­ra­ti. Cro­to­ne ha a dispo­si­zio­ne ener­gie, com­pe­ten­ze e pro­fes­sio­na­li­tà capa­ci di tene­re testa ai pro­get­ti al ribas­so che la vor­reb­be­ro svi­li­ta e defrau­da­ta. Da que­sto Cro­to­ne deve par­ti­re se non vuo­le far­si piegare.

Davi­de Dionesalvi

Comi­ta­to “Medi­ter­ra­neo Pos­si­bi­le” — Cro­to­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.