Crotone: la bonifica resta un miraggio, con un progetto pensato da pochi e per pochi

La proposta di Syndial, non osteggiata dalla Regione Calabria, per quel che ci è dato conoscere, non risponde esattamente a un recupero definitivo del territorio né sotto il profilo ambientale, né sotto il profilo dello sviluppo futuro non solo dell’area ex industriale, ma di tutta la città.

Gli sce­na­ri che sem­bra­no pro­fi­lar­si sul­la tan­to sospi­ra­ta boni­fi­ca del Sito di inte­res­se nazio­na­le (SIN) di Cro­to­ne non lascia­no pre­sa­gi­re nul­la di buo­no.

La pro­po­sta di Syn­dial, non osteg­gia­ta dal­la Regio­ne Cala­bria, per quel che ci è dato cono­sce­re, non rispon­de esat­ta­men­te a un recu­pe­ro defi­ni­ti­vo del ter­ri­to­rio né sot­to il pro­fi­lo ambien­ta­le, né sot­to il pro­fi­lo del­lo svi­lup­po futu­ro non solo dell’area ex indu­stria­le, ma di tut­ta la città.

La mes­sa in sicu­rez­za per­ma­nen­te del sito (di que­sto in sostan­za pare trat­tar­si) è cosa diver­sa dal­la boni­fi­ca che ci aspet­ta­va­mo e non è affat­to riso­lu­ti­va. In sostan­za Syndial/Eni è pron­ta a movi­men­ta­re 600mila metri cubi di mate­ria­le, la cui noci­vi­tà è tut­ta un pro­gram­ma a comin­cia­re dal­le temi­bi­li fer­ri­ti di zin­co, per spo­star­le di qual­che metro dal­le disca­ri­che a mare (per libe­ra­re il pae­sag­gio, sigh!)  in “impian­ti di con­fi­na­men­to” che altro non sono che disca­ri­che per rifiu­ti peri­co­lo­si sul sito di Per­tu­so­la, natu­ral­men­te già inqui­na­to di suo. Abban­ca­men­ti di vele­ni quin­di.

Tut­to que­sto per­ché Syn­dial è sem­pre alla ricer­ca di solu­zio­ni mini­ma­li per evi­ta­re costi esor­bi­tan­ti di boni­fi­ca soprat­tut­to quel­li per lo smal­ti­men­to in siti ester­ni. E la cosa peg­gio­re è che per indo­ra­re la pil­lo­la si imma­gi­na di rico­pri­re le col­li­ne che si for­me­ran­no con un bel po’ di ver­de e qual­che albe­ro che ripro­du­ca il tem­pio di Hera Lacinia.

Insom­ma, le guar­de­re­mo green ma saran­no black. E anche dan­ge­rous.

Né boni­fi­ca e né ripri­sti­no del­lo sta­to dei luo­ghi. Solo un ope­ra­zio­ne di maquil­la­ge che tra­di­sce l’ob­bli­go di ripa­ra­re i dan­ni ambien­ta­li e tute­la­re la salu­te dei cit­ta­di­ni.

E non è un caso se Syn­dial avreb­be volu­to non ren­de­re uffi­cia­le il pro­get­to fino alla fir­ma del­l’Ac­cor­do con il Mini­ste­ro del­l’Am­bien­te e gli enti loca­li. Cosa che sta­va per riu­sci­re nel silen­zio gene­ra­le, non fos­se sta­to per un inter­ven­to giornalistico.

Dav­ve­ro non capia­mo come una que­stio­ne così impor­tan­te, ovve­ro la que­stio­ne cro­to­ne­se per eccel­len­za, pos­sa esse­re con­si­de­ra­ta dai nostri rap­pre­sen­tan­ti isti­tu­zio­na­li “roba per pochi o fra pochi”.

Riguar­da la vita di ogni sin­go­lo cit­ta­di­no, anche e soprat­tut­to di quel­li più pic­co­li a cui qual­cu­no avreb­be imma­gi­na­to di rega­la­re per­si­no un bel par­co gio­chi o un asi­lo su quell’area in cui costrui­re col­li­ne con le sco­rie di Eni. Un para­dos­so inac­cet­ta­bi­le e che spe­ria­mo anco­ra si pos­sa scon­giu­ra­re, a meno che la Regio­ne Cala­bria e il Comu­ne di Cro­to­ne, insie­me al Mini­ste­ro dell’ambiente, non abbia­no deci­so di som­ma­re un disa­stro poli­ti­co e socia­le al disa­stro ambientale. 

Per que­sto abbia­mo chie­sto al Sin­da­co di Cro­to­ne, Ugo Puglie­se, e all’as­ses­so­re regio­na­le, Anto­nel­la Riz­zo, di con­vo­ca­re con­giun­ta­men­te, alla pre­sen­za del Com­mis­sa­rio per la boni­fi­ca Eli­sa­bet­ta Bel­li, un’assemblea pub­bli­ca in cui sia data l’opportunità di cono­sce­re e even­tual­men­te inter­lo­qui­re rispet­to a scel­te su cui le isti­tu­zio­ni non pos­so­no imma­gi­na­re di evi­ta­re il con­fron­to con la cittadinanza.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.