Uno Stato laico è possibile

Gli ana­cro­ni­sti­ci e costo­sis­si­mi pri­vi­le­gi fisca­li di cui godo­no le ema­na­zio­ni com­mer­cia­li del­la chie­sa cat­to­li­ca (per esem­pio, le cosid­det­te case per ferie che sono a tut­ti gli effet­ti strut­tu­re alber­ghie­re) rap­pre­sen­ta­no non solo uno sfre­gio ad uno dei prin­ci­pi fon­da­men­ta­li del­la repub­bli­ca, la lai­ci­tà, ma una distor­sio­ne e un osta­co­lo all’e­gua­glian­za di cit­ta­di­ni e impre­se davan­ti alla leg­ge e, in par­ti­co­la­re, al fisco.

La nostra non è una sor­ta di cro­cia­ta all’in­con­tra­rio ma un pun­to poli­ti­co diri­men­te: non pos­so­no esi­ste­re impre­se alber­ghie­re più ugua­li del­le altre, sog­get­te a regi­mi fisca­li di favo­re su IMU, IRES ed altri tri­bu­ti solo per­ché for­mal­men­te inte­sta­ti a enti eccle­sia­sti­ci, se di fat­to esse ope­ra­no nel mer­ca­to del­la ricet­ti­vi­tà facen­do con­cor­ren­za slea­le alle impre­se non ecclesiastiche.

Pos­si­bi­le, fin dal­la sua nasci­ta, ha ela­bo­ra­to pro­po­ste con­cre­te e depo­si­ta­to pre­ci­si dise­gni di leg­ge ed emen­da­men­ti vol­ti a rimuo­ve­re gli osta­co­li (fede­li all’im­pe­ra­ti­vo di cui all’art. 3 del­la Costi­tu­zio­ne) che impe­di­sco­no l’e­gua­glian­za e la con­cor­ren­za degli ope­ra­to­ri eco­no­mi­ci, pro­po­nen­do la can­cel­la­zio­ne di pri­vi­le­gi e regi­mi di favo­re ingiu­sti e discri­mi­na­to­ri. Sot­to il regno bre­ve (ma insop­por­ta­bil­men­te lun­go) e resi­sti­bi­le di Sua Sere­ni­tà il Mar­che­se Mat­teo da Rigna­no, nes­su­na del­le nostre ragio­ne­vo­lis­si­me istan­ze e pro­po­ste è sta­ta ascol­ta­ta. E pen­sa­re che la loro appro­va­zio­ne avreb­be pro­dot­to imme­dia­ti effet­ti posi­ti­vi a bene­fi­cio di tutti.

Fac­cia­mo un esem­pio con­cre­to, per capir­ci. Emen­da­men­to lai­co alla leg­ge di sta­bi­li­tà 2016 sul­la desti­na­zio­ne dell’8 per mil­le cd inop­ta­to (quel­lo cioè su cui i cit­ta­di­ni non abbia­no fat­to una scel­ta espres­sa di desti­na­zio­ne a chie­sa cat­to­li­ca, chie­sa val­de­se o altri sog­get­ti) al fon­do nazio­na­le per la pro­te­zio­ne civi­le e a misu­re di con­tra­sto del­la pover­tà: favo­re­vo­li 64, con­tra­ri 305, e un’in­cre­di­bi­le (mica tan­to, se ci riflet­tia­mo) asten­sio­ne del Movi­men­to 5 Stel­le.

Si trat­ta­va sem­pli­ce­men­te di intro­dur­re il prin­ci­pio del­la respon­sa­bi­li­tà fisca­le del­la chie­sa cat­to­li­ca (mas­si­ma bene­fi­cia­ria del­l’i­nop­ta­to: io non scel­go a chi desti­na­re il mio 8 per mil­le e lo Sta­to rega­la il mio 8 per mil­le a chi è bene­fi­cia­rio del­le scel­te espres­se dai con­tri­buen­ti e in misu­ra pro­por­zio­na­le), invo­ca­to dal­lo stes­so Papa Francesco.
Si trat­ta­va di ripri­sti­na­re il prin­ci­pio libe­ra­le, di matri­ce einau­dia­na, “cono­sce­re per deci­de­re”, obbli­gan­do Sta­to ita­lia­no e chie­sa cat­to­li­ca a con­vo­ca­re la Com­mis­sio­ne pari­te­ti­ca pre­vi­sta dal con­cor­da­to per valu­ta­re l’a­de­gua­tez­za dei flus­si finan­zia­ri ver­so le atti­vi­tà eccle­sia­sti­che e rispet­tan­do la volon­tà e la liber­tà dei con­tri­buen­ti. Nul­la di fatto.

Fac­cia­mo un altro esem­pio con­cre­to che ci ripor­ta alla più fre­sca attua­li­tà. Con un altro emen­da­men­to pro­po­nem­mo che le esen­zio­ni di impo­sta IMU e TASI pre­vi­ste per le atti­vi­tà eccle­sia­li fos­se­ro limi­ta­te alle atti­vi­tà reli­gio­se, assog­get­tan­do quin­di al regi­me ordi­na­rio di impo­si­zio­ne fisca­le le atti­vi­tà eco­no­mi­che e com­mer­cia­li (strut­tu­re ricet­ti­ve, ospe­da­lie­re, didat­ti­che ecc.). Di nuo­vo nul­la di fat­to. Nono­stan­te Papa Fran­ce­sco il 10 set­tem­bre 2015, in un’in­ter­vi­sta a una radio por­to­ghe­se, aves­se affer­ma­to che “Un col­le­gio reli­gio­so, essen­do reli­gio­so, è esen­te dal­le tas­se ma se lavo­ra come alber­go è giu­sto che paghi le impo­ste”. Amen.

Dove non è arri­va­to il gover­no Ren­zi, rima­sto tron­fia­men­te indif­fe­ren­te alle istan­ze di lai­ci­tà e di equi­tà di Pos­si­bi­le (e del­lo stes­so Papa), oggi final­men­te arri­va la Cor­te di Cas­sa­zio­ne con una sen­ten­za che pre­mia la lai­ci­tà, l’e­gua­glian­za e l’e­qui­tà. E che inco­rag­gia la nostra mite osti­na­zio­ne. Dice la Supre­ma Cor­te che gli alber­ghi e i pen­sio­na­ti gesti­ti da enti reli­gio­si, se voglio­no gode­re di tas­sa­zio­ne age­vo­la­ta, devo­no offri­re prez­zi “signi­fi­ca­ti­va­men­te ridot­ti” rispet­to a quel­li di mer­ca­to altri­men­ti alte­ra­no il “regi­me di libe­ra con­cor­ren­za” e usu­frui­sco­no di un bene­fi­cio che non spet­ta loro e che si tra­mu­ta in un “aiu­to di Sta­to” a svan­tag­gio degli impren­di­to­ri pri­va­ti del set­to­re alberghiero.

La Cas­sa­zio­ne dà ragio­ne all’A­gen­zia del­le Entra­te che ave­va nega­to l’I­RES ridot­ta per l’i­sti­tu­to del­le Rosi­ne di Tori­no, gran­de pen­sio­na­to vici­no al polo uni­ver­si­ta­rio. Ad avvi­so del­la Supre­ma Cor­te — rife­ri­sce l’AN­SA ‑la com­mis­sio­ne tri­bu­ta­ria del Pie­mon­te nel 2015 ave­va sba­glia­to ad annul­la­re l’av­vi­so di accer­ta­men­to, per la mag­gio­re impo­sta Ires invia­to dal fisco all’I­sti­tu­to del­le Rosi­ne, sul­la base del­la sola con­si­de­ra­zio­ne che si sareb­be trat­ta­to di “una strut­tu­ra ricet­ti­va che acco­glie esclu­si­va­men­te stu­den­tes­se lavo­ra­tri­ci per bre­vi perio­di di tem­po con evi­den­ti obiet­ti­vi socia­li”. L’A­gen­zia del­le Entra­te ha fat­to ricor­so in Cas­sa­zio­ne sot­to­li­nean­do che la tas­sa­zio­ne ridot­ta non può pre­scin­de­re da una valu­ta­zio­ne e rico­gni­zio­ne del­l’at­ti­vi­tà “con­cre­ta­men­te svol­ta” dal­le tan­te strut­tu­re ricet­ti­ve gesti­te diret­ta­men­te da enti reli­gio­se o da coo­pe­ra­ti­ve non pro­fit. “Ana­lo­ga­men­te a quan­to affer­ma­to in mate­ria di Ici — sot­to­li­nea la Cas­sa­zio­ne — lo svol­gi­men­to di atti­vi­tà di assi­sten­za o di altre atti­vi­tà equi­pa­ra­te, sen­za le moda­li­tà di una atti­vi­tà com­mer­cia­le, costi­tui­sce il requi­si­to ogget­ti­vo neces­sa­rio ai fini del­l’a­ge­vo­la­zio­ne e va accer­ta­to in con­cre­to, con cri­te­ri di rigo­ro­si­tà, e, dun­que, veri­fi­can­do le carat­te­ri­sti­che del­la ‘clien­te­là ospi­ta­ta, del­la dura­ta del­l’a­per­tu­ra del­la strut­tu­ra e, soprat­tut­to, del­l’im­por­to del­le ret­te, che deve esse­re signi­fi­ca­ti­va­men­te ridot­to rispet­to ai ‘prez­zi di mer­ca­tò, onde evi­ta­re una alte­ra­zio­ne del regi­me di libe­ra con­cor­ren­za e la tra­sfor­ma­zio­ne del bene­fi­cio in un aiu­to di Sta­to”. Per i supre­mi giu­di­ci, han­no col­to nel segno le obie­zio­ni avan­za­te dal­l’A­gen­zia del­le Entra­te , per cui “il pen­sio­na­to costi­tui­va di fat­to una atti­vi­tà alber­ghie­ra, aper­ta al pub­bli­co, e che avreb­be potu­to esse­re gesti­ta da qua­lun­que impren­di­to­re pri­va­to, e che, avu­to riguar­do ai red­di­ti da fab­bri­ca­ti, gli immo­bi­li risul­ta­va­no loca­ti a pri­va­ti secon­do una logi­ca di mer­ca­to”.
Que­sta sen­ten­za ci dice alme­no due cose. La pri­ma è che ave­va ragio­ne chi, come noi, ave­va indi­ca­to la stra­da — tut­ta repub­bli­ca­na, lai­ca e costi­tu­zio­na­le — del dove­ro­so supe­ra­men­to degli odio­si pri­vi­le­gi fisca­li riser­va­ti alle atti­vi­tà eco­no­mi­che (e quin­di non reli­gio­se) del­la chie­sa cat­to­li­ca. La secon­da è che i bene­fi­ci ille­git­ti­mi costi­tui­sco­no un fat­to­re di dise­gua­glian­za e di con­cor­ren­za slea­le, non­ché un enor­me dan­no era­ria­le per­ché sot­trag­go­no ingen­ti risor­se alle cas­se pub­bli­che, oggi par­ti­co­lar­men­te esangui.

Ecco per­ché quan­do dicia­mo che dal supe­ra­men­to del mec­ca­ni­smo distor­to dell’8 per mil­le inop­ta­to pos­so­no deri­va­re risor­se pari ad alme­no 1 miliar­do di euro all’an­no e chis­sà quan­te risor­se si potreb­be­ro recu­pe­ra­re dal­la cor­ret­ta impo­si­zio­ne fisca­le del­le atti­vi­tà non reli­gio­se del­la chie­sa, dicia­mo una cosa mol­to seria, indi­chia­mo una coper­tu­ra di bilan­cio cer­ta e liqui­da, toglia­mo ali­bi ai poli­ti­can­ti fan­fa­ro­ni e distrat­ti che di fron­te al dram­ma del­la pover­tà dila­gan­te si gira­no dal­l’al­tra parte.

Pos­si­bi­le con­ti­nue­rà a fare denun­ce e cri­ti­che poli­ti­che — mai disgiun­te da pro­po­ste ragio­ne­vo­li, rigo­ro­se e con­cre­te — e pri­ma o poi, come la silen­zio­sa goc­cia che sca­va la super­fi­cie del­la pie­tra, lasce­rà una visto­sa trac­cia di lai­ci­tà nel­le isti­tu­zio­ni e nel paese.

Sem­pre nel segno del­l’u­gua­le (=) e del­la Costituzione.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?