Crede nel diritto al benessere di ognuno: Rita Castellani

28-cartolina-civoti-castellani-vertRita Castel­la­ni inse­gna eco­no­mia all’u­ni­ver­si­tà di Peru­gia, ma le espe­rien­ze a cui tie­ne di più sono quel­le fat­te in Euro­pa, col­la­bo­ran­do alla defi­ni­zio­ne di pro­get­ti a cui par­te­ci­pa­va­no Uni­ver­si­tà e isti­tu­ti di ricer­ca dei diver­si pae­si euro­pei. Di for­ma­zio­ne key­ne­sia­na, non ha mai abiu­ra­to, ma ritie­ne che che quel filo­ne di pen­sie­ro deb­ba esse­re segui­to con tut­ti gli arric­chi­men­ti suc­ces­si­vi, e anche con quel­li anco­ra da costruire.

Rita tu defi­ni­sci “pat­ch­work” il nostro siste­ma di ammor­tiz­za­to­ri socia­li. Ci spie­ghi per­ché? “Il nostro siste­ma di stru­men­ti per il soste­gno al red­di­to è un insie­me diso­mo­ge­neo da ogni pun­to di vista. Discri­mi­na i cit­ta­di­ni in base alla posi­zio­ne lavo­ra­ti­va, all’età, al fat­to che viva­no o meno in fami­glia. Per­se­gue fina­li­tà disar­ti­co­la­te: il man­te­ni­men­to del posto di lavo­ro, la sup­plen­za a ser­vi­zi sani­ta­ri caren­ti, il soste­gno agli indi­gen­ti. E’ in capo a sog­get­ti deci­so­ri ed ero­ga­to­ri dispa­ra­ti: l’INPS, l’INPS come ero­ga­to­re per con­to del Teso­ro, il Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le e Regio­na­le, le Regio­ni, i Comu­ni. In alcu­ni casi l’oggetto del­la misu­ra è il sin­go­lo cit­ta­di­no (gene­ral­men­te lavo­ra­to­re o pen­sio­na­to), in altri casi è la fami­glia. Alcu­ni tipi di ero­ga­zio­ni sono a vale­re sul­la fisca­li­tà gene­ra­le, altre han­no una base (più o meno lar­ga) con­tri­bu­ti­va. E’ un siste­ma che abbia­mo ere­di­ta­to dall’impostazione otto­cen­te­sca e che non è mai sta­to siste­ma­ti­ca­men­te ripen­sa­to, come inve­ce è avve­nu­to in tut­te le gran­di demo­cra­zie euro­pee dopo la Secon­da Guer­ra Mon­dia­le, dove il dirit­to al benes­se­re è diven­ta­to costi­tu­ti­vo del­lo sta­to di cit­ta­di­no. Al mas­si­mo si sono aggiun­te misu­re spe­ci­fi­che, sul­la base del sus­se­guir­si del­le emer­gen­ze del momen­to: l’ultimo esem­pio in ordi­ne di tem­po è la vicen­da degli esodati.”

Que­sto che con­se­guen­ze com­por­ta per i cit­ta­di­ni ita­lia­ni?Che il cit­ta­di­no ita­lia­no alla nasci­ta non ha cer­tez­za di red­di­to, per esem­pio, a meno che non nasca in una fami­glia che può e vuo­le curar­lo e man­te­ner­lo. Così sco­pria­mo con l’UNICEF che i bam­bi­ni ita­lia­ni, tra quel­li dei tren­ta pae­si OCSE, sono al ven­ti­cin­que­si­mo posto per risor­se di red­di­to a loro desti­na­te. Che cre­scen­do, ha pochis­si­me pos­si­bi­li­tà di stu­dia­re sen­za esse­re a cari­co del­la fami­glia e non vede mai rico­no­sciu­ti i suoi meri­ti in ter­mi­ni di mag­gio­ri oppor­tu­ni­tà. Che la sua (pra­ti­ca­men­te) uni­ca pos­si­bi­li­tà di con­dur­re una vita auto­no­ma è tro­va­re un lavo­ro: per que­sto si tro­va ad accet­ta­re lavo­ri pre­ca­ri, mal­pa­ga­ti e non cor­ri­spon­den­ti alla sua pro­fes­sio­na­li­tà. Insom­ma, un disa­gio dif­fu­so ormai nel­la gran par­te del­le fami­glie, che si tro­va­no a sup­pli­re il wel­fa­re che non c’è, con le don­ne natu­ral­men­te sem­pre in pri­ma linea; e un gran­dis­si­mo spre­co di risor­se pub­bli­che.”

Tut­ta­via, una cate­go­ria coper­ta c’è: i pen­sio­na­ti, no? “Nel sen­so che sono quel­li che usu­frui­sco­no di una ero­ga­zio­ne cer­ta di risor­se, sì. Sono abba­stan­za stu­pi­ta di que­sta insi­sten­za che c’è sta­ta sul­le pen­sio­ni attua­li, in lar­ga par­te anco­ra in regi­me retri­bu­ti­vo, con i pen­sio­na­ti indi­ca­ti come affa­ma­to­ri dei gio­va­ni. In real­tà le pen­sio­ni dav­ve­ro d’oro sono pochis­si­me: tro­va­re un modo di ridur­le che non pro­vo­chi inter­ven­ti del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le sareb­be sag­gio e, soprat­tut­to, equo, ma cer­to di poco impat­to sul­le finan­ze pub­bli­che. E anche le pen­sio­ni d’argento, se voglia­mo con­si­de­ra­re tali quel­le al di sopra dei 3000€ lor­di, riguar­da­no 860.000 cit­ta­di­ni, appe­na il 5% degli oltre 16 milio­ni di pen­sio­na­ti. Tut­ta­via, pen­sio­ni d’oro e d’argento assor­bo­no il 17% del­la spe­sa pen­sio­ni­sti­ca e costa­no intor­no ai 45 miliar­di di euro. Un inter­ven­to pere­qua­ti­vo può e deve esse­re fat­to. Ci sta pen­san­do anche il gover­no, infat­ti, pro­po­nen­do un con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà dal­le pen­sio­ni sopra ai 6000€ lor­di e la ripre­sa del recu­pe­ro dell’inflazione solo per le pen­sio­ni più bas­se. Ma, anche qui, nien­te di riso­lu­ti­vo dal pun­to di vista del­la spe­sa. Il fat­to è che i pen­sio­na­ti attua­li sono tan­ti per­ché cor­ri­spon­do­no alla gene­ra­zio­ne del boom demo­gra­fi­co, per­ché la spe­ran­za di vita è cre­sciu­ta, per­ché il pre­pen­sio­na­men­to è sta­to uti­liz­za­to come ammor­tiz­za­to­re socia­le. Tut­ta­via, per dir­la un po’ cini­ca­men­te, entro die­ci anni il pro­ble­ma è dimez­za­to, e tra vent’anni pra­ti­ca­men­te supe­ra­to.”

Ma i gio­va­ni che le pen­sio­ni non le avran­no? “Que­sto è “il” pro­ble­ma. Il fat­to che nes­su­no si sia pre­oc­cu­pa­to del­la rico­sti­tu­zio­ne del­la cate­na con­tri­bu­ti­va per tut­ti quel­li che han­no lavo­ra­to per anni sen­za ver­sa­men­ti, gra­zie a con­trat­ti di lavo­ro cosid­det­ti “ano­ma­li”, che ormai riguar­da­no la mag­gio­ran­za dei lavo­ra­to­ri. Ma qui tor­nia­mo alla que­stio­ne ini­zia­le: ripen­sa­re com­ples­si­va­men­te il wel­fa­re come dirit­to a una vita digni­to­sa del cit­ta­di­no. Inol­tre, c’è un altro aspet­to mol­to impor­tan­te che atten­de una rego­la­zio­ne com­ples­si­va, dopo i disa­stri dell’epoca Sac­co­ni-Tre­mon­ti, ed è quel­lo dei fon­di per le pen­sio­ni inte­gra­ti­ve, dato che chi è inte­res­sa­to dal regi­me con­tri­bu­ti­vo può mobi­li­ta­re metà del suo TFR in tale dire­zio­ne (cosa che, pre­ce­den­te­men­te, non era consentita).”

Ma non sarà che, come al soli­to, si pen­sa alle gran­di rifor­me e non si fa nien­te? “Non si fa nien­te, se non si ha il qua­dro com­ples­si­vo e non si prov­ve­de a rifor­me che sia­no appli­ca­bi­li modu­lar­men­te. Per esem­pio, la pro­po­sta di red­di­to mini­mo garan­ti­to come ela­bo­ra­ta dal M5S, con­si­de­ra­to in aggiun­ta a tut­ti gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li esi­sten­ti per una spe­sa aggiun­ti­va di 20 miliar­di di euro, mi sem­bra fat­ta per esse­re boc­cia­ta. Quan­to all’impostazione, poi, per dir­la con Ste­fa­no Sac­chi, sem­bra scrit­ta da un eco­no­mi­sta di Chicago.Ma se noi indi­vi­duia­mo un pri­mo tar­get negli inoc­cu­pa­ti e nei disoc­cu­pa­ti non coper­ti da altri asse­gni e fis­sia­mo un red­di­to mini­mo men­si­le intor­no ai 450€, non dovreb­be­ro ser­vi­re più di 7 miliar­di di euro. Con­si­de­ran­do che la spe­sa del­lo sta­to per for­me “impro­prie” di soste­gno al red­di­to, dal­le pen­sio­ni di inva­li­di­tà, agli asse­gni fami­lia­ri, alle inden­ni­tà di accom­pa­gna­men­to, ammon­ta a cir­ca 35 miliar­di di euro, pen­so di poter dire che ci sono gli spa­zi di razio­na­liz­za­zio­ne per far par­ti­re il red­di­to mini­mo garan­ti­to su una sca­la un po’ più ampia di quel­la, “spe­ri­men­ta­le”, timi­da­men­te pen­sa­ta dal Gover­no.”

28-cartolina-civoti-castellaniDic­ci di Civa­ti. “Con Pip­po ci sia­mo incon­tra­ti quat­tro anni fa, gra­zie alla sua curio­si­tà di saper­ne di più su un approc­cio macroe­co­no­mi­co — quel­lo key­ne­sia­no — pas­sa­to di moda trop­po in fret­ta. Da quel­l’in­con­tro, l’i­den­ti­tà di vedu­te non ha fat­to che con­so­li­dar­si, insie­me alla mia sti­ma per un gio­va­ne dav­ve­ro fuo­ri dal comu­ne.”

Un’ul­ti­ma doman­da: pen­si che que­sto pae­se abbia gli anti­cor­pi per un vero cam­bia­men­to? “Se non ce l’ha, se li deve dare, per para­fra­sa­re Don Abbon­dio. Ormai non cre­do ci sia mol­ta scel­ta. Il pro­ble­ma è la mino­ran­za, poten­te e resi­sten­te, quel­li che sareb­be­ro dan­neg­gia­ti dal cam­bia­men­to, quel­li che nell’ultimo ven­ten­nio han­no appro­fit­ta­to di tut­ti gli stru­men­ti leci­ti e ille­ci­ti per accu­mu­la­re ric­chez­za, fino a ritro­var­si loro, il 10% del­le fami­glie ita­lia­ne, a pos­se­de­re il 45% del patri­mo­nio nazio­na­le. Men­tre, dall’altra par­te, il 50% del­le fami­glie non ne pos­sie­de che il 10%. E que­sto non è solo ini­quo, è inef­fi­cien­te. Se non si inver­to­no le ten­den­ze distri­bu­ti­ve in que­sto pae­se, nes­su­na ripre­sa sarà pos­si­bi­le.”

#Civo­ti 28: Rita Castellani

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.