Di cosa parla Beppe Grillo quando parla di migrazioni

Un giorno è favorevole all'abolizione del reato di immigrazione clandestina, il giorno dopo lo vuole mantenere. Poi cambia ancora idee. E sulle espulsioni avanza una proposta completamente slegata dalla realtà.

A un cer­to pun­to a me il dub­bio è venu­to: Bep­pe Gril­lo, quan­do par­la di immi­gra­zio­ne, capi­sce quel­lo che dice, alme­no lui? Per­ché io no, non lo capi­sco. E può dar­si sia un limi­te mio, sia chiaro.

Pro­ce­dia­mo con ordi­ne, e segna­te­vi bene le date.

Il 10 otto­bre 2013, a segui­to del voto favo­re­vo­le in Com­mis­sio­ne Giu­sti­zia di un emen­da­men­to pro­po­sto da due sena­to­ri del M5S sul­l’a­bo­li­zio­ne del rea­to di clan­de­sti­ni­tà, Gril­lo scri­ve­va: «La loro posi­zio­ne […] è del tut­to per­so­na­le. […] Non sia­mo d’ac­cor­do sia nel meto­do che nel meri­to. […] Se duran­te le ele­zio­ni poli­ti­che aves­si­mo pro­po­sto l’a­bo­li­zio­ne del rea­to di clan­de­sti­ni­tà […] il M5S avreb­be otte­nu­to per­cen­tua­li da pre­fis­so tele­fo­ni­co. […] Que­sto emen­da­men­to è un invi­to agli emi­gran­ti del­l’A­fri­ca e del Medio Orien­te a imbar­car­si per l’I­ta­lia. Il mes­sag­gio che rice­ve­ran­no sarà da loro inter­pre­ta­to nel modo più sem­pli­ce “La clan­de­sti­ni­tà non è più un rea­to”». 10 otto­bre 2013: Gril­lo espri­me una posi­zio­ne net­tis­si­ma a favo­re del rea­to di immi­gra­zio­ne clandestina. 

Ieri (4 gen­na­io 2017), inve­ce, sul sacro blog scri­ve­va: «Con la pro­po­sta di abo­li­zio­ne del rea­to d’im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na vota­ta dagli iscrit­ti del M5S (rea­to inu­ti­le che anco­ra non è sta­to can­cel­la­to dal gover­no Pd-Ncd) mira­va­mo a ren­de­re più snel­le le espul­sio­ni, dimi­nui­re i costi a cari­co dei cit­ta­di­ni e faci­li­ta­re il duro lavo­ro di magi­stra­ti e for­ze dell’ordine». 4 gen­na­io 2017: Gril­lo è a favo­re del­l’a­bo­li­zio­ne del rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na.

Il post di ieri ripor­ta a un altro post, del 22 apri­le 2015, nel qua­le non si capi­sce se Gril­lo que­sta vol­ta sia favo­re­vo­le o con­tra­rio al rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na, ma sostie­ne che «Il rea­to di clan­de­sti­ni­tà esi­ste anco­ra, ma è gesti­to in modo che il clan­de­sti­no di fat­to non pos­sa esse­re espul­so. Il M5S si è ado­pe­ra­to per ren­der­lo effet­ti­vo e per eli­mi­na­re l’at­tua­le situa­zio­ne in cui è impos­si­bi­le di fat­to espel­le­re chiun­que entri sen­za per­mes­so in Ita­lia, una situa­zio­ne che para­liz­za poli­zia e pro­cu­re». Que­sta dav­ve­ro non l’ho capi­ta. Le espul­sio­ni e i rim­pa­tri si fan­no da anni e anni. La dif­fi­col­tà nel­l’e­se­guir­li sta nel­la man­can­za di accor­di bila­te­ra­li con i pae­si di pro­ve­nien­za e anche nel fat­to che gli irre­go­la­ri dovreb­be­ro esse­re incri­mi­na­ti per un rea­to. Ma allo­ra, o lo tenia­mo o non lo tenia­mo. 22 apri­le 2015: non si capi­sce che voglia fare Grillo. 

Ma la cosa dav­ve­ro diver­ten­te è che nel post del 22 apri­le 2015 si dice che «sul rea­to d’im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na il M5S ha volu­to ren­de­re più snel­le le espul­sio­ni degli irre­go­la­ri, dimi­nui­re i costi a cari­co dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni e faci­li­ta­re il duro lavo­ro di for­ze del­l’or­di­ne e magi­stra­ti», e per far­lo lin­ka un post del 9 otto­bre 2013, nel qua­le si cele­bra l’ap­pro­va­zio­ne del­l’e­men­da­men­to di cui par­la­va­mo all’i­ni­zio, e che fu scon­fes­sa­to il gior­no seguen­te (10 otto­bre) dal già cita­to post a fir­ma Bep­pe Gril­lo e Gian­ro­ber­to Casa­leg­gio.

Per tor­na­re al post di ieri, Gril­lo sostie­ne che «apri­re un CIE per regio­ne, come pro­po­ne il Mini­stro Min­ni­ti, ral­len­te­reb­be solo le espul­sio­ni degli immi­gra­ti irre­go­la­ri e non fareb­be altro che ali­men­ta­re spre­chi, ille­ga­li­tà e mafie con pesan­ti mul­te (paga­te dai cit­ta­di­ni ita­lia­ni) per la vio­la­zio­ne di sen­ten­ze del­la Cor­te di Giu­sti­zia Euro­pa e del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le in mate­ria di dirit­ti uma­ni». E allo­ra qual è la solu­zio­ne? La solu­zio­ne è — secon­do Gril­lo — «iden­ti­fi­ca­re chi arri­va in Ita­lia, sco­va­re i fal­si pro­fu­ghi, espel­le­re rapi­da­men­te gli immi­gra­ti irre­go­la­ri nel giro di qual­che gior­no, sen­za par­cheg­giar­li in inu­ti­li CIE spes­so gesti­ti dal­le mafie, acco­glie­re chi ha dirit­to d’asilo ed inte­gra­re seria­men­te gli immi­gra­ti regolari».

E come fac­cia­mo a «sco­va­re» ed espel­le­re nel giro di qual­che gior­no? Si met­te Bep­pe Gril­lo a inter­ro­ga­re le 181.436 per­so­ne sbar­ca­te in Ita­lia que­st’an­no? Sono 500 al gior­no. Valu­ta lui le doman­de d’a­si­lo? Segue lui gli even­tua­li ricor­si? O respin­gia­mo un po’ a casac­cio, maga­ri sul­la base del­la nazio­na­li­tà dichia­ra­ta, incap­pan­do in altre vio­la­zio­ni del dirit­to inter­na­zio­na­le (il divie­to di respin­gi­men­ti collettivi)?

La rispo­sta rea­li­sti­ca è un’al­tra, lo ripe­tia­mo da tem­po: a) riat­ti­va­re cana­li di ingres­so per moti­vi lavo­ra­ti­vi (supe­ran­do la Bos­si — Fini e asciu­gan­do le doman­de d’a­si­lo, che oggi con­vie­ne in ogni caso fare); b) lavo­ra­re a stru­men­ti per dare una pos­si­bi­li­tà di ricer­ca lavo­ro a colo­ro che rice­vo­no il dinie­go alla doman­da d’a­si­lo e che maga­ri han­no impa­ra­to l’i­ta­lia­no, nel frat­tem­po, svol­to tiro­ci­ni, otte­nu­to bor­se lavo­ro, costrui­to una pro­pria rete di sicu­rez­za socia­le, ecce­te­ra; c) per i pochi casi rima­nen­ti, inve­sti­re nei pro­gram­mi per il rim­pa­trio volon­ta­rio, garan­ten­do per­cor­si di (re)inclusione nei pae­si di provenienza.

La cosa dav­ve­ro rivo­lu­zio­na­ria sareb­be, infi­ne, apri­re una discus­sio­ne sul­la ride­fi­ni­zio­ne del dirit­to d’a­si­lo, esten­den­do­lo al con­cet­to di “migra­zio­ni for­za­te”, cioè alle migra­zio­ni alle qua­li si è obbli­ga­ti, per­ché l’am­bien­te in cui si vive non per­met­te di rima­ner­vi, anche a cau­sa di fat­to­ri ambien­ta­li (allu­vio­ni, deser­ti­fi­ca­zio­ne, ad esempio).

schermata-2017-01-05-alle-09-35-30

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?