In Colorado diminuisce il consumo di cannabis tra i più giovani

Il Washington Post torna a ribadire gli effetti della legalizzazione sul consumo di cannabis da parte dei minorenni, grazie a nuovi dati resi disponibili dal National Survey on Drug Use and Health: in Colorado, che nel 2014 ha consentito l’acquisto di determinati quantitativi di cannabis per chi ha più di 21 anni, la percentuale di giovani compresi tra i 12 e i 17 anni che hanno fatto uso di cannabis è diminuita, passando dal 20,81% del 2013/2014 al 18,35% del 2014/2015. Una diminuzione pari a 12 punti percentuali.

schermata-2016-12-22-alle-16-04-51

«I dati federali rilasciati questa settimana – scrive il Washington Post – sono la prima chiara evidenza di una diminuzione dell’uso di cannabis tra i teenager in Colorado, a seguito della legalizzazione». Dagli stessi dati si evince un aumento del consumo per gli over 26 (da 16,8% a 19,9%), ma è da sottolineare come – scrive sempre WP – il consumo di cannabis venga generalmente ritenuto più rischioso per i giovani, sia perché il loro cervello è ancora in fase di sviluppo, sia perché aumentano i rischi di sviluppare dipendenze e quindi disagi mentali a esse correlati.

This federal data released this week is the first clear evidence of a drop in teen marijuana use in Colorado following legalization.

«Il calo del consumo di cannabis tra i giovani in Colorado potrebbe essere il riflesso di cambiamenti collegati alla legalizzazione, come la riduzione del mercato nero. O potrebbe essere il riflesso di un diffuso trend culturale, come una crescente disapprovazione del consumo giovanile, o migliori programmi di prevenzioni dall’abuso di droghe. E’ verosimile che siano in gioco una pluralità di fattori».

Si tratta della prima “clear evidence”, ma segnali importanti c’erano già stati e sono raccontanti da Giuseppe Civati in “Cannabis. Dal proibizionismo alla legalizzazione” (Fandango, 2016), citando due lavori in materia. Il primo è un sondaggio della Washington University School of Medicine di St. Louis, condotto su 216mila adolescenti, il quale certifica che – stando anche al commento rilasciato dal Dipartimento per la Salute pubblica del Colorado – il consumo di cannabis non è cresciuto a seguito della legalizzazione (ma anzi, si nota un trend decrescente). Il secondo è il report complessivo che lo stato del Colorado ha pubblicato nel marzo del 2016, il quale, confermando i dati sui consumi dei minorenni, giunge alla conclusione che la legalizzazione non vi ha dato alcun impulso. Ora possiamo andare oltre, affermando addirittura la diminuzione del consumo tra i più giovani.

Un ulteriore prova che la legalizzazione, fatta destinando il relativo gettito fiscale a misure di prevenzione, fa bene a tutti. Un ulteriore ragione per preferire la #cannabislegale alla #cannabismafiosa, anche a Natale.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati