Clausole IVA, un dito puntato contro il futuro

Sarà dif­fi­ci­le scon­giu­ra­re l’aumento del­le clau­so­le IVA, dice il pre­si­den­te del Con­si­glio, Con­te. È come se aves­se appe­na sco­per­to che la Ter­ra non è piat­ta.

Ma i suoi vice-pre­mier stan­no gio­can­do in cor­ti­le. Uno dei due ha nuo­va­men­te evo­ca­to il supe­ra­men­to del rap­por­to del 3% tra defi­cit e PIL. Ogni vol­ta che apre boc­ca cau­sa note­vo­li scon­quas­si sui con­ti pub­bli­ci. Più sale lo spread, più sale la spe­sa per inte­res­si sul debi­to pub­bli­co (che quest’anno toc­ca i 303 miliar­di di euro, +1,1% rispet­to al 2018), più scen­do­no le pro­spet­ti­ve di un risa­na­men­to di que­sto pae­se.

La Leg­ge di Bilan­cio 2019 ha paga­to il dazio del­le neces­si­tà pro­pa­gan­di­sti­che ed elet­to­ra­li dei due vice-pre­mier le cui pro­po­ste — pur dimez­za­te rispet­to alle pro­mes­se — sono sta­te appro­va­te facen­do mag­gio­re defi­cit. L’equilibrio nei con­ti è sta­to tro­va­to solo con un ‘paghe­rò’ (anzi, un ‘paghe­ran­no’, gli altri, noi cit­ta­di­ni), con nuo­ve ed ingen­ti clau­so­le di sal­va­guar­dia che ammon­ta­no a 23 miliar­di di euro di aumen­ti dell’IVA e del­le accise.
Un dito pun­ta­to con­tro il futu­ro di que­sto paese.

Gli aumen­ti col­pi­ran­no a stra­sci­co, spe­cial­men­te chi può affron­ta­re il caro vita con meno spen­sie­ra­tez­za. I due vice-pre­mier non se lo imma­gi­na­no nean­che il gelo che pro­dur­ran­no le mag­gio­ri ali­quo­te IVA sugli acqui­sti di car­ne, pesce, ener­gia elet­tri­ca per uso dome­sti­co, gas meta­no per uso dome­sti­co, abbi­glia­men­to. Altro che cre­sci­ta.

Con­te, però, sta stu­dian­do. Sta «stu­dian­do una pro­fon­da azio­ne di spen­ding review, che rior­di­ni la giun­gla di tax expen­di­tu­res». Sape­te cosa signi­fi­ca? Mino­ri detra­zio­ni e mino­ri dedu­zio­ni, quin­di mag­gior pre­lie­vo fisca­le, che è diver­so da una revi­sio­ne del­la spe­sa come inve­ce fareb­be sup­por­re l’uso del ter­mi­ne ‘spen­ding review’. Cer­ta­men­te le tax expen­di­tu­res sono tan­te e tali da met­te­re in cri­si la stes­sa resi­dua strut­tu­ra del­la pro­gres­si­vi­tà fisca­le che la nostra impo­sta sul red­di­to pos­sie­de. Pec­ca­to anco­ra una vol­ta non sen­tir par­la­re di mag­gio­re pro­gres­si­vi­tà, di recu­pe­ro dell’evasione: sareb­be un pas­so obbli­ga­to, nel­le con­di­zio­ni in cui ver­sa il pae­se. Eppu­re si navi­ga a vista, sen­za scor­ge­re l’iceberg dinan­zi a noi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.