I cinque punti di Marta Fana

Giuseppe Civati aveva consigliato, prima di altri, la lettura del libro di Marta Fana, Non è lavoro, è sfruttamento, come base culturale da cui partire per scrivere un nuovo progetto per l’Italia.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Giu­sep­pe Civa­ti ave­va con­si­glia­to, pri­ma di altri, la let­tu­ra del libro di Mar­ta Fana, Non è lavo­ro, è sfrut­ta­men­to, come base cul­tu­ra­le da cui par­ti­re per scri­ve­re un nuo­vo pro­get­to per l’Italia. Poi la stes­sa Fana ha inte­so pole­miz­za­re con Civa­ti su Twit­ter dichia­ran­do­si delu­sa dal­le pro­po­ste di Possibile.

Alla fine del suo libro lei segna­la cin­que pun­ti fon­da­men­ta­li, che elen­chia­mo qui di segui­to con le nostre osser­va­zio­ni. Giu­di­che­rà il let­to­re se vi sono moti­vi per una pole­mi­ca o piut­to­sto per una col­la­bo­ra­zio­ne.

«Rico­min­cia­re a par­la­re di subordinazione».

Sia­mo per la ridu­zio­ne del­le for­me con­trat­tua­li, per l’introduzione di un vero con­trat­to uni­co con un bre­ve perio­do di pro­va, alla fine del qua­le ci sia l’articolo 18 (come scri­ve­va­no Boe­ri e Gari­bal­di, nel­la pro­po­sta ori­gi­na­ria). Ed abbia­mo scrit­to a chia­re let­te­re che nel­la disci­pli­na del­la col­la­bo­ra­zio­ni coor­di­na­te e con­ti­nua­ti­ve, deve esse­re rein­se­ri­to, in caso di ete­ro-orga­niz­za­zio­ne, la pre­sun­zio­ne asso­lu­ta di subor­di­na­zio­ne fin dal­la sti­pu­la del con­trat­to, con la riqua­li­fi­ca­zio­ne del col­la­bo­ra­to­re come lavo­ra­to­re dipendente.

«Non è pos­si­bi­le ammet­te­re che i con­trat­ti a ter­mi­ne ven­ga­no usa­ti sen­za alcu­na ragio­ne tec­ni­ca e pro­dut­ti­va, ma sol­tan­to per abbat­te­re il costo del lavoro».

Abbia­mo con­te­sta­to le scel­te di Polet­ti che han­no aumen­ta­to pro­ro­ghe e tol­to le cau­sa­li. Il lavo­ro a ter­mi­ne deve esse­re moti­va­to e più costo­so del lavo­ro a tem­po inde­ter­mi­na­to, come si soste­ne­va pri­ma che la sta­gio­ne del Jobs Act impo­nes­se altre scel­te. Va da sé che l’a­do­zio­ne del Con­trat­to Uni­co com­por­te­reb­be la can­cel­la­zio­ne del con­trat­to a tem­po deter­mi­na­to. E per quan­to riguar­da il lavo­ro in som­mi­ni­stra­zio­ne, oggi la for­ma pre­va­len­te nel­la dina­mi­ca del­le atti­va­zio­ni con­trat­tua­li, deve esse­re oppor­tu­na­men­te limitato.

«Por­re fine al siste­ma di defi­sca­liz­za­zio­ne degli straor­di­na­ri e al loro assog­get­ta­men­to ai pre­mi di produttività».

Sia­mo d’accordo anche su que­sto e nel pro­gram­ma di Libe­ri E Ugua­li ci saran­no note e impe­gni precisi.

«Lavo­ra­re tut­ti ma lavo­ra­re meno a pari­tà di salario».

È una pro­po­sta da rive­de­re alla luce del con­te­sto che si andrà defi­nen­do con la pro­gres­si­va auto­ma­zio­ne dei pro­ces­si pro­dut­ti­vi e il ricor­so a siste­mi di intel­li­gen­za arti­fi­cia­le e sem­pre meno al lavo­ro. Le 35 ore era­no il caval­lo di bat­ta­glia di Ber­ti­not­ti nel 1997. L’at­tua­le mer­ca­to del lavo­ro, ridot­to in fran­tu­mi da una pre­ca­riz­za­zio­ne fero­ce, con­si­ste in mol­ti casi di rap­por­ti di pre­sta­zio­ne d’o­pe­ra inter­mit­ten­ti, di qual­che gior­no, di qual­che ora. Non vi è cer­tez­za che la ridu­zio­ne d’o­ra­rio per i lavo­ra­to­ri cosid­det­ti insi­ders non libe­ri altro spa­zio per nuo­va pre­ca­rie­tà. Tut­ta­via, il dibat­ti­to cir­ca il bilan­cia­men­to fra lavo­ro e tem­po libe­ro meri­ta cer­ta­men­te il suo spa­zio.

«Pun­ta­re a intro­dur­re una vol­ta per tut­te un sala­rio mini­mo per legge».

Ne par­lia­mo da tem­po: non un sala­rio mini­mo qual­sia­si ma uno che rife­ri­sca ai mini­mi retri­bu­ti­vi pre­vi­sti dai CCNL e comun­que non sia infe­rio­re ad una soglia (nazio­na­le o regio­na­le) comu­ne a tut­ti. Non essen­do immu­ne da rischi — se scrit­to male, può gene­ra­re lavo­ro nero, disoc­cu­pa­zio­ne, infla­zio­ne — occor­re che sia ade­gua­ta­men­te indi­ciz­za­to alla pro­dut­ti­vi­tà. Soprat­tut­to, non può esse­re usa­to per scal­za­re la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va in fun­zio­ne di un model­lo di rela­zio­ni indu­stria­li deman­da­to alle sin­go­le aziende.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.