Che fine faranno le banche popolari e cooperative?

flickr-333479435-original3

Doma­ni il Gover­no decre­te­rà d’ur­gen­za per la tra­sfor­ma­zio­ne del­le ban­che di cre­di­to popo­la­re e coo­pe­ra­ti­vo in Socie­tà per Azio­ni. Que­sto ripor­ta la stam­pa, men­tre l’A­gen­da di Governo.it ci dà con­to del­le con­fe­ren­ze stam­pa del Pre­si­den­te del Con­si­glio, del­le ospi­ta­te tele­vi­si­ve del pre­si­den­te del Con­si­glio, dei viag­gi (pub­bli­ci) del Pre­si­den­te del Con­si­glio… ma dei tito­li dei prov­ve­di­men­ti in iti­ne­re nean­che l’om­bra, comu­ni­ca­zio­ni social com­pre­se. Dob­bia­mo aspet­ta­re le sli­de o che Mat­teo Ren­zi abbia voglia di far­ci una bat­tu­ta, come quel­la, crip­ti­ca, fat­ta in dire­zio­ne: “non ci spa­ven­ta dimi­nui­re il nume­ro dei banchieri”. 

Già, qua­li ban­chie­ri? Quel­li che non con­ta­no per lui, natu­ral­men­te. Ma con­ta­no, ecco­me, per le pic­co­le impre­se, uni­che a ripren­de­re un po’ di pro­du­zio­ne per l’e­ste­ro in que­sti gior­ni, gra­zie anche al soste­gno “fami­lia­re” di que­ste ban­che, come ricor­da una nota acco­ra­ta del­l’As­so­cia­zio­ne Nazio­na­le fra le Ban­che Popo­la­ri, e come ha anche cer­ti­fi­ca­to recen­te­men­te la BCE, valu­tan­do i loro stress test. Que­sta tipo­lo­gia di ban­che esi­ste in tut­ta Euro­pa: la loro par­ti­co­la­re gover­nan­ce, basa­ta sul prin­ci­pio “una testa, un voto”, le tie­ne al ripa­ro dal­la sca­la­bi­li­tà e, quin­di, anche da ope­ra­zio­ni spe­cu­la­ti­ve. Rac­col­go­no il rispar­mio di fami­glie impe­gna­te in atti­vi­tà pro­dut­ti­ve auto­no­me e lo redi­stri­bui­sco­no in base alle necessità. 

E’ que­sto il momen­to  di met­te­re a repen­ta­glio que­sta nic­chia di cer­tez­za finan­zia­ria? O for­se dob­bia­mo dare cre­di­to a chi scri­ve che ven­go­no puni­te e espro­pria­te per sal­va­re MPS e Cari­ge, due ban­che dove, attra­ver­so le Fon­da­zio­ni, il ceto poli­ti­co ha sguaz­za­to a lun­go e dove anco­ra man­tie­ne for­ti inte­res­si? E, se que­sta ipo­te­si fos­se infon­da­ta, da dove vie­ne l’ur­gen­za? Un’o­pe­ra­zio­ne opa­ca, in ogni caso, e intol­le­ra­bi­le, se dav­ve­ro fos­se por­ta­ta avan­ti per gra­ti­fi­ca­re gli inte­res­si poli­ti­ci del Segre­ta­rio del PD nel­le regio­ni che in que­sto momen­to gli stan­no più a cuo­re: Tosca­na e Liguria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.