Castituzione

Brunetta
D’Alema
De Mita
Dini
Grillo
Monti
Zagrebelsky

Hanno tolto Rodotà e Civati, rispetto alla precedente cartolina.

Perché non c’è Berlusconi?

E perché non ci sono i giovani ‘leader’ della politica italiana che votano no?

whatsapp-image-2016-11-21-at-17-42-31

Analizziamo il capolavoro. A parte Grillo, che è capo del partito principale in Italia insieme al Pd, e Brunetta (come se Alfano Lorenzin Lupi Verdini e un botto di berlusconiani non votassero sì), gli altri sono esponenti del centrosinistra e in ogni caso della maggioranza che sostiene il governo. A cominciare da Monti, che inizialmente ha votato sì, e che quando era premier godeva dell’apprezzamento di Renzi, che ne condivideva l’agenda.

De Mita apparteneva allo stesso partito a cui aderiva Renzi. E pur essendo sindaco (quasi novantenne) è fuori da ogni equilibrio politico attuale da anni. Dini più o meno lo stesso: non fosse per la propaganda di Renzi, molti avrebbero fatto fatica a ricordarsi di lui. Personalmente erano anni che non lo sentivo citato, ora campeggia su tutte le pagine social dei sostenitori del sì.

Perché non c’è Bersani, che siede in Parlamento? Perché non c’è Tocci? Perché non ci sono altri che fanno politica oggi, non negli anni Ottanta?

E perché non ci sono altri leader come Berlusconi o il capo della Lega? Perché quelli i voti ce li hanno. Meglio prendersela con Dini e con le sue legioni.

Perché, quindi? Perché è un trucco. Pessimo. A cui si può rispondere come ha fatto il Fatto oggi, rendendo pan per focaccia.

WhatsApp Image 2016 11 22 at 14.40.25

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati