Caso Foodora: il mito della smart economy che azzera diritti e tutele

Lo sciopero dei lavoratori di Foodora insegna tantissime cose: troppo spesso dietro alla retorica "smart" si nascondono diritti e tutele cancellati.

Saba­to, a Tori­no, i rider di Foo­do­ra han­no pre­so le loro bici­clet­te, quel­le che usa­no per le con­se­gne, han­no indos­sa­to le magliet­te del­la divi­sa al con­tra­rio, han­no imbrac­cia­to le ban­die­re con il logo del­la pro­te­sta e han­no gira­to il cen­tro cit­tà, il “salot­to buo­no” e soprat­tut­to “smart”. Per­ché quan­do è tut­to “smart”, anche la pro­te­sta deve esser­lo: non è sta­to uno scio­pe­ro da brac­cia incro­cia­te, un ten­ta­ti­vo di bloc­ca­re il ser­vi­zio che avreb­be avu­to sen­so come cer­ca­re di svuo­ta­re il mare con un cuc­chiai­no. Chi vole­va (o dove­va) lavo­ra­re, per­ché era il suo pri­mo tur­no, o per­ché non pote­va rinun­cia­re, non ha subi­to nes­su­na pres­sio­ne, né pro­pa­gan­da, nem­me­no quan­do è pas­sa­to a par­la­re con il grup­po che sta­va orga­niz­zan­do i due momen­ti di mobi­li­ta­zio­ne, quel­lo mat­tu­ti­no e quel­lo serale.

La for­za di Foo­do­ra — impre­sa tede­sca che si occu­pa di con­se­gna­re pasti a domi­ci­lio, coor­di­nan­do risto­ran­ti, clien­ti e rider gra­zie a sito e app, e pre­sen­te per ora a Mila­no e Tori­no, ma, come reci­ta il sito, “pre­sto in altre cit­tà” — è l’immagine, ci dice Anto­nio, del mito del­la sha­ring eco­no­my, del ser­vi­zio gio­va­ne, velo­ce, bril­lan­te, “urban”. Un mito nel cui nome le tute­le dei lavo­ra­to­ri, ma anche la loro digni­tà, fini­sco­no in secon­do se non ulti­mo piano.

Quan­do l’immagine con­ta così tan­to, è lì che la pro­te­sta deve insi­ste­re: uno scio­pe­ro che non bloc­ca, ma spiega.

Spie­ga quel­lo che c’è sot­to la super­fi­cie scin­til­lan­te e sor­ri­den­te.

Spie­ga a chi ricor­re al ser­vi­zio per ave­re la cena a casa, che chi fa le con­se­gne pri­ma veni­va paga­to all’ora, e ades­so a con­se­gna (2,70 € cir­ca) e che né le ore né le con­se­gne sono mai abba­stan­za affin­ché la cifra abbia un sen­so; che la bici la devi por­ta­re da casa, e anche il tele­fo­no (smart, ovvio) per ave­re l’app con cui rice­ve­re i tur­ni; che se non ci sei tu, c’è qual­cun altro, tan­to non fa dif­fe­ren­za. Che la libe­ra riu­nio­ne non è poi così libe­ra, visto che chi par­te­ci­pa a quel­le sba­glia­te fini­sce per esse­re taglia­to fuo­ri dal lavo­ro: una puni­zio­ne invi­si­bi­le e non quan­ti­fi­ca­bi­le, visto che le asse­gna­zio­ni dei tur­ni non rispon­do­no a una rota­zio­ne equa e tan­to non c’è un fis­so da cui partire.

Spie­ga ai risto­ra­to­ri le moda­li­tà con cui i loro piat­ti arri­va­no nel­le case del­la gen­te, che lascia­no l’amaro in boc­ca anche quan­do nel box c’è un chi­lo di gela­to: l’arbitrarietà del pre­av­vi­so di chia­ma­ta, il peri­co­lo di muo­ver­si nel traf­fi­co cit­ta­di­no, con solo una assi­cu­ra­zio­ne per gli inci­den­ti sul lavo­ro, ma nien­te malat­tia, ferie, con­tri­bu­ti, acces­so al sus­si­dio di disoc­cu­pa­zio­ne.

Spie­ga a chi voglia ascol­ta­re cosa signi­fi­ca esse­re trat­ta­ti come pedi­ne, da sosti­tui­re e sot­to­por­re a pres­sio­ne sen­za pen­sar­ci due vol­te: se lascia­no die­ci rider, o se ven­go­no mes­si fuo­ri dal giro dei tur­ni (non si trat­ta di licen­zia­re, visto che non sono assun­ti), ce ne sono sicu­ra­men­te altri die­ci che pos­so­no pren­der­ne il posto. Anche duran­te la mani­fe­sta­zio­ne davan­ti a Por­ta Nuo­va a Tori­no, al grup­po si è avvi­ci­na­ta una cop­pia che non ave­va anco­ra sen­ti­to del­la pro­te­sta e vole­va infor­ma­zio­ni su come lavo­ra­re per Foodora.

Saba­to la pro­te­sta dei rider ha sfon­da­to un muro: in alcu­ni dei loca­li tori­ne­si sono sta­ti accol­ti con un applau­so dai dipen­den­ti, mol­ti risto­ra­to­ri han­no rinun­cia­to a pren­de­re le richie­ste di con­se­gna a domi­ci­lio del­la sera­ta in segno di soli­da­rie­tà, le per­so­ne con cui han­no par­la­to per stra­da e che han­no let­to del­la pro­te­sta onli­ne han­no dimo­stra­to il loro appog­gio e rac­con­ta­to espe­rien­ze simili.

In mez­zo a tan­te rispo­ste posi­ti­ve, ci sono anche del­le voci discor­dan­ti — soprat­tut­to tra i leo­ni da tastie­ra — di chi accu­sa i rider di esse­re “ragaz­zi­ni” (come se fos­se un insul­to), “uni­ver­si­ta­ri” (idem come sopra), faci­no­ro­si, e altre ame­ni­tà a cui chi por­ta avan­ti del­le riven­di­ca­zio­ni di qual­sia­si tipo, sia su inter­net, sia nel­le piaz­ze, è pur­trop­po ormai abi­tua­to. A que­ste per­so­ne vor­rem­mo dire che o non sono sta­ti in piaz­za con loro, o non han­no osser­va­to con atten­zio­ne: tra i rider ci sono ragaz­zi, che non è una col­pa; ci sono uni­ver­si­ta­ri, che non è un mar­chio di infa­mia; ci sono don­ne e ragaz­ze, ci sono per­so­ne adul­te sia per l’anagrafe sia per le espe­rien­ze, ci sono per­so­ne con un per­cor­so lavo­ra­ti­vo alle spal­le, c’è di tut­to un po’, come in ogni altro posto.

I gior­na­li sono arri­va­ti a inter­vi­star­li, la voce è gira­ta sui social, gra­zie anche agli hash­tag, com­pre­so quel­lo uffi­cia­le di Foo­do­ra che per tut­ta la gior­na­ta è sta­to mono­po­liz­za­to dal­la pro­te­sta (ave­te volu­to la gen­te smart? Non stu­pi­te­vi quan­do capi­ta­no cose così).

L’azienda ha pro­po­sto una trat­ta­ti­va infor­ma­le, qua­lun­que cosa que­sto signi­fi­chi, sen­za la pre­sen­za né dei sin­da­ca­ti né dell’AD di Foo­do­ra, ma già in sera­ta il comu­ni­ca­to dira­ma­to attra­ver­so i cana­li usa­ti dai rider di Foo­do­ra argo­men­ta con fer­mez­za il loro rifiu­to. Loro con­ti­nue­ran­no a spie­ga­re quel­lo che sta suc­ce­den­do e per­ché le con­di­zio­ni non sono accet­ta­bi­li, né nel nome di un mon­do smart, né del­la reto­ri­ca del lavo­ro a qual­sia­si costi.

È noti­zia di que­sti ulti­mi minu­ti che, infi­ne, Foo­do­ra ha accet­ta­to di apri­re un tavo­lo di trat­ta­ti­ve, in segui­to alla mobi­li­ta­zio­ne di saba­to dei rider. Le richie­ste, come annun­cia­te nel comu­ni­ca­to stam­pa, riguar­de­ran­no la for­mu­la­zio­ne di un nuo­vo con­trat­to che com­pren­da le richie­ste soste­nu­te in que­ste ore: una retri­bu­zio­ne ora­ria fis­sa con un bonus per con­se­gna; l’in­qua­dra­men­to in un con­trat­to nazio­na­le per tut­ti i rider e pro­mo­ter; la ces­sa­zio­ne dei prov­ve­di­men­ti disci­pli­na­ri con­tro i lavo­ra­to­ri in protesta.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.