Carceri, Civati-Maestri: Mai più bambini che crescono in cella

#

“La notizia dei 60 bambini che crescono in carcere insieme alle loro madri non può lasciarci indifferente. Il numero può sembrare ridotto, ma non possiamo cavarcela con la statistica di fronte a 60 piccoli che vedono condizionata in maniera così pesante e traumatica la loro infanzia. Il ministro della Giustizia Orlando, nel 2015, aveva promesso di cancellare casi del genere. E vogliamo che la promessa venga mantenuta: non deve accadere mai più. Questo dramma si somma a un altro problema irrisolto: il sovraffollamento delle carceri su cui abbiamo presentato una nuova interrogazione”. Lo dichiarano i deputati di Possibile, Pippo Civati e Andrea Maestri, annunciando la presentazione di un atto di sindacato ispettivo.

“La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo – aggiungono i due parlamentari – ci ha sollecitato di nuovo lo scorso anno sul trattamento inumano e degradante di alcune carceri. Chiediamo al Governo come intende far fronte, in tempi brevi, alle criticità del sistema penitenziario italiano, promuovendo misure efficaci ed efficienti. E riteniamo necessario assumere un’iniziativa politica per modificare la legge sul reato di tortura recentemente varata, colmando l’inadeguatezza rilevata dal Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio d’Europa”.

  • 83
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati