Cannabis, Civati: Salvini è strumentale, non c’è droga nei negozi

#

L’uscita di Salvini sulla cannabis è strumentale, non rappresenta nessuna priorità, né per lui né per il Paese, ma è la solita operazione di distrazione di massa dai guai che sta passando il suo governo. I negozi di cannabis light non vendono “droga”, come la chiama lui, sono a norma di legge e nessuno può “sigillarli”, anche perché seguendo il suo criterio bisognerebbe vietare anche le lenzuola di canapa. Finora la cannabis era sparita dal dibattito elettorale. E purtroppo è tornata nel modo peggiore, con una propaganda disinformata e disinformante. Il ministro dell’Interno non sembra avere competenze sull’argomento, ma soprattutto Salvini dovrebbe contrastare le mafie, mentre la sua posizione ne favorisce i traffici illegali. La legalizzazione è l’unica soluzione valida per garantire la salute e stroncare i trafficanti, che si arricchiscono in maniera smisurata”. Lo dichiara il fondatore di Possibile, Giuseppe Civati, candidato di Europa Verde alle Europee nelle circoscrizioni Italia centrale e Italia Nord-Occidentale.

“Anche questa – aggiunge Civati – è una questione europea, non rinviabile. In Europa ci sono alcuni Paesi, tra cui il nostro, in cui il consumo di cannabis è molto alto. Paesi in cui, salvo il caso portoghese e una legislazione più flessibile in Olanda e in Spagna, si fatica a individuare soluzioni per legalizzare la cannabis. Mentre in Italia il tema viene dibattuto con logiche bocciate dalla storia sotto lo slogan della ‘guerra alla droga’”.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati