Call center: il telefono della crisi squilla a Mezzogiorno (e non solo)

Per anni sono sta­ti il sim­bo­lo del pre­ca­ria­to, del lavo­ra­to­re sfrut­ta­to e mal­pa­ga­to. Uno ste­reo­ti­po per­fet­to, rac­con­ta­to anche dal mon­do dell’editoria e del Cine­ma. Oggi i riflet­to­ri sono pun­ta­ti altro­ve: chi lavo­ra in un call cen­ter rice­ve deci­sa­men­te meno atten­zio­ne, fa meno audien­ce. E non per­ché la situa­zio­ne sia nor­ma­liz­za­ta: è solo scat­ta­to un mec­ca­ni­smo di abi­tu­di­ne. Dopo il caso-Alma­vi­va, l’ultimo in gra­do di sol­le­va­re un dibat­ti­to pub­bli­co, l’eco media­ti­ca si è affie­vo­li­ta, lascian­do per lo più un silen­zio intor­no ai lavo­ra­to­ri e alle lavo­ra­tri­ci. Anco­ra meno atten­zio­ne si regi­stra in rela­zio­ne ai gio­va­ni del Mez­zo­gior­no, tema tan­to caro al dibat­ti­to poli­ti­co, in otti­ca elet­to­ra­le, sal­vo poi per­der­si nel­le neb­bie del­le pole­mi­che pro­pa­gan­di­sti­che. Eppu­re i call cen­ter, in mol­te real­tà del meri­dio­ne, rap­pre­sen­ta­no un appi­glio lavo­ra­ti­vo, uno stru­men­to vali­do per ave­re un’occupazione. Alme­no per chi non ha già subi­to le delo­ca­liz­za­zio­ni. La sto­ria di Com­da­ta è una sin­te­si per­fet­ta del­lo sce­na­rio, con una ver­ten­za che si muo­ve dal Nord-Est alla Poz­zuo­li, pro­vin­cia di Napo­li. Un abbrac­cio, non pro­prio affet­tuo­so, al Pae­se, met­ten­do a repen­ta­glio qua­si 300 posti di lavo­ro, con poche spe­ran­za di sal­va­tag­gio in par­ti­co­la­re per la sede puteo­la­na. Così lo scio­pe­ro, pro­cla­ma­to per il 29 giu­gno, è una tap­pa fon­da­men­ta­le per chie­de­re un mini­mo di dirit­ti. Anche per­ché, a Mila­no, è arri­va­ta una nuo­va com­mes­sa e gli assun­ti han­no con­trat­ti di som­mi­ni­stra­zio­ne. Con la pro­mes­sa di una sta­bi­liz­za­zio­ne che arri­ve­rà solo dopo aver accet­ta­to tur­na­zio­ni inten­se, quan­do non massacranti.

I nume­ri aiu­ta­no a capi­re la pro­por­zio­ne del feno­me­no call cen­ter in Ita­lia. “L’occupazione nei call cen­ter è carat­te­riz­za­ta da una for­te pre­sen­za di gio­va­ni: il 39% degli occu­pa­ti tota­li (inter­ni + ester­ni) han­no meno di 30 anni rispet­to al 22% del tota­le del set­to­re dei ser­vi­zi alle impre­se. Per con­tro, la quo­ta di occu­pa­ti con più di 50 anni – che risul­ta pari a un quin­to nel set­to­re dei ser­vi­zi alle impre­se – è pari solo al 5,1%. Tra i lavo­ra­to­ri ester­ni la quo­ta di gio­va­ni sot­to i tren­ta anni sale al 56,2% (40% nel com­par­to di rife­ri­men­to). Si trat­ta di 15 mila occu­pa­ti, dei qua­li otto­mi­la nel Mez­zo­gior­no”, spie­ga­va lo stu­dio dell’Istat, risa­len­te al 2011, che pro­po­ne­va una pre­ci­sa foto­gra­fia del­la situa­zio­ne. In que­sto caso la base era rap­pre­sen­ta­ta dal cal­co­lo di 80mila occu­pa­ti. Le cifre, ora, sono lie­ve­men­te ridi­men­sio­na­te, per­ché il mer­ca­to ha subi­to muta­zio­ni note­vo­li (tan­to per fare un esem­pio la Gig eco­no­my, cre­sciu­ta in pochi anni). Il qua­dro resta tut­ta­via com­ples­so, come evi­den­zia­no i rac­con­ti del­le espe­rien­ze diret­te: l’ultima sti­ma par­la di oltre 60mila occu­pa­ti con varie tipo­lo­gie con­trat­tua­li. Quin­di le pro­por­zio­ni, pur in assen­za di riscon­tri uffi­cia­li, sono sostan­zial­men­te simi­li: al Sud il call cen­ter evo­ca una con­di­zio­ne più pre­ca­ria, la metà dei ragaz­zi (gli 8mila indi­ca­ti dal­la ricer­ca Istat) deve bar­ca­me­nar­si con con­trat­ti “ester­ni”. Del resto è di que­ste ore la noti­zia sul­la trat­ta­ti­va per l’esodo incen­ti­va­to di Alma­vi­va a Palermo.

La ver­ten­za-Com­da­ta è quin­di uno di quei casi che rischia­no così di fare scuo­la, in nega­ti­vo. La deci­sio­ne di non delo­ca­liz­za­re una com­mes­sa, accol­ta con giu­bi­lo dal­l’al­lo­ra mini­stro Calen­da, non ha però sal­va­to qua­si 300 per­so­ne, tra cui mol­te don­ne: rischia­no per­de­re il posto. Un para­dos­so dram­ma­ti­co. E que­so non acca­de per un affan­no eco­no­mi­co, ben­sì per una scel­ta stra­te­gi­ca. L’a­zien­da ha infat­ti da poco acqui­si­to il grop­po fran­ce­se, CCA Inter­na­tio­nal, e pre­sto potreb­be­ro esser­ci altri inve­sti­men­ti per rile­va­re altre socie­tà in cri­si. Insom­ma, una “rior­ga­niz­za­zio­ne pro­dut­ti­va”, leg­gi­bi­le anche alla voce “mas­si­miz­za­re i pro­fit­ti”. Met­ten­do la spe­sa sul con­to dei dipen­den­ti. Ma ora non ci sono schie­re di intel­let­tua­li pron­ti a denun­cia­re i pro­ble­mi nei call cen­ter. Segui­re­mo que­sta vicen­da (e altre anche), chie­den­do con­to all’azienda e al gover­no di ciò che acca­drà, per indi­vi­dua­re una solu­zio­ne rispet­to­sa dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri e del loro lavo­ro. Sen­za reto­ri­ca sul­le pro­mes­se futu­ri­bi­li, ma stan­do attac­ca­ti alla real­tà. E dei nume­ri die­tro cui, è sem­pre bene ricor­dar­lo, ci sono per­so­ne e famiglie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.