Rottamazione Cartelle, dall’extragettito al buco è stato un attimo

Passata la sbornia del 4 Marzo, assorbito l’hangover di chiacchiere sul contratto di governo molto pompato di misure senza alcuna copertura, ecco arrivare le prime sentenze sulla passata azione di governo, sentenze che pongono nuovi vincoli e richiedono interventi

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Non si può par­la­re anco­ra di extra­get­ti­to del­la rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le, ma in fon­do la spe­ran­za c’è», scri­ve­va­no i tipi de Il Sole 24 Ore lo scor­so 12 Ago­sto 2017. Col­po di sole di quell’estate tor­ri­da? La noti­zia altro non era che una ribat­tu­ta dell’ANSA, la qua­le tito­la­va ancor più entu­sia­sti­ca: Boom Rot­ta­ma­zio­ne, più incas­si per 1,5–2 miliar­di. Que­sto il testo, ripor­ta­to integralmente:

«Boom per la rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le esat­to­ria­li che, secon­do quan­to appren­de l’AN­SA, dovreb­be­ro por­ta­re in dote al gover­no per la pros­si­ma leg­ge di Bilan­cio un extra­get­ti­to di alme­no 1,5–2 miliar­di. Stan­do alle pri­me pro­ie­zio­ni dei dati alla pri­ma sca­den­za di luglio, le ade­sio­ni alla defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta dei cre­di­ti col fisco — se i paga­men­ti del­le altre rate con­ti­nue­ran­no rego­lar­men­te — con­sen­ti­ran­no di supe­ra­re ampia­men­te il tar­get di 7,2 miliar­di fis­sa­to dal decre­to fisca­le col­le­ga­to alla scor­sa manovra».

Pas­sa­ta la sbor­nia del 4 Mar­zo, assor­bi­to l’hangover di chiac­chie­re sul con­trat­to di gover­no mol­to pom­pa­to di misu­re sen­za alcu­na coper­tu­ra, ecco arri­va­re le pri­me sen­ten­ze sul­la pas­sa­ta azio­ne di gover­no, sen­ten­ze che pon­go­no nuo­vi vin­co­li e richie­do­no inter­ven­ti. I nume­ri così peren­to­ri sono quel­li del­la Rela­zio­ne sul Ren­di­con­to Gene­ra­le del­lo Sta­to per l’anno 2017, emes­sa dal­la Cor­te dei con­ti pro­prio ieri. Al capi­to­lo dedi­ca­to alla «defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta pre­vi­sta dal DL n. 193 del 2016», la Cor­te dei con­ti ci rive­la che «a fron­te di un ammon­ta­re lor­do com­ples­si­vo dei cre­di­ti “rot­ta­ma­ti” di 31,3 miliar­di di euro, l’introito atte­so per effet­to del­la “rot­ta­ma­zio­ne” ammon­ta a 17,8 miliar­di». La pro­ce­du­ra con­te­nu­ta nell’articolo 6 del sud­det­to Decre­to Leg­ge, con­sen­ti­va la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta dei cari­chi affi­da­ti agli agen­ti del­la riscos­sio­ne negli anni com­pre­si tra il 2000 e il 2015. Il con­tri­buen­te avreb­be così paga­to solo le som­me iscrit­te a ruo­lo a tito­lo di capi­ta­le, di inte­res­si lega­li e di remu­ne­ra­zio­ne del ser­vi­zio di riscos­sio­ne, esclu­se dun­que le san­zio­ni, gli inte­res­si di mora e le san­zio­ni e le som­me aggiun­ti­ve gra­van­ti su cre­di­ti pre­vi­den­zia­li. Il paga­men­to pote­va esse­re fat­to in un’u­ni­ca rata o in un mas­si­mo di quat­tro rate. Era la cosid­det­ta ‘rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le’ di ren­zia­na memo­ria. Ma dei 17,8 miliar­di pre­vi­sti, ne sono sta­ti riscos­si — entro i ter­mi­ni — solo 6,5 a cui però van­no aggiun­ti cir­ca 1,7 miliar­di pari alla som­ma sot­to­po­sta alla rateiz­za­zio­ne e anco­ra da riscuo­te­re. Fat­te le debi­te som­me e sot­tra­zio­ni, ben 9,6 miliar­di di euro non sono sta­ti riscos­si e costi­tui­sco­no ver­sa­men­ti omes­si. Su cir­ca 722 miliar­di di resi­dui dei ruo­li con­se­gna­ti a tut­to il 31/12/2015, il tas­so di ade­sio­ne medio si atte­sta al 4,3% ma l’incidenza del ver­sa­to è appe­na dell’1,1%.

Scri­ve anco­ra la Cor­te dei conti:

«Per una par­te di que­ste posi­zio­ni debi­to­rie si può affer­ma­re che l’istanza di rot­ta­ma­zio­ne ha avu­to essen­zial­men­te fina­li­tà dila­to­rie rispet­to all’espletamento del­le pro­ce­du­re esecutive».

In sostan­za, anco­ra una vol­ta l’adat­ta­men­to stra­te­gi­co è sta­to più for­te del­le nor­me e i con­tri­buen­ti si sono orien­ta­ti usan­do lo stru­men­to del­la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta per dif­fe­ri­re nel tem­po la riso­lu­zio­ne dei ruo­li iscrit­ti. Ora fate lo sfor­zo di imma­gi­na­re cosa potreb­be acca­de­re qua­lo­ra l’ipotesi vei­co­la­ta a mez­zo stam­pa dal Mini­stro dell’Interno non­ché — ad inte­rim con Lui­gi di Maio — Mini­stro di tut­te le cose, Mat­teo Sal­vi­ni, di un nuo­vo prov­ve­di­men­to per la can­cel­la­zio­ne del­le car­tel­le sot­to i 100 mila euro, diven­tas­se real­tà. Sia nel­la for­mu­la di defi­ni­zio­ne dei ruo­li con tas­si age­vo­la­ti oppu­re con l’adozione del cri­te­rio di “sal­do e stral­cio” (cfr. Il Fat­to Quo­ti­dia­no), l’effet­to per­ver­so sarà che la quo­ta par­te di som­me iscrit­te a ruo­lo e ogget­to di defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta secon­do il Decre­to 193/2016 ma non ver­sa­te al fisco fini­rà per aumen­ta­re. Anzi, il nuo­vo con­do­no diven­te­reb­be occa­sio­ne per una nuo­va dila­zio­ne nel tem­po, spe­cie del­le car­tel­le con­se­guen­ti agli accer­ta­men­ti più recen­ti. È da sot­to­li­nea­re quan­to scrit­to dal­la Cor­te dei con­ti, ovve­ro che «più del 52 per cen­to dei cre­di­ti lor­di rot­ta­ma­ti affe­ri­sce a ruo­li degli anni 2014–2017, men­tre mar­gi­na­le risul­ta l’impatto del­la rot­ta­ma­zio­ne sull’ingente ammon­ta­re non riscos­so dei ruo­li ante­rio­ri al 2014, pari a com­ples­si­vi 642,7 miliar­di di euro». Quin­di l’interesse per la rot­ta­ma­zio­ne riguar­da i debi­ti non sal­da­ti degli ulti­mi tre-quat­tro anni, non per il pre­gres­so. Che i con­tri­buen­ti si atten­da­no un inter­ven­to ancor più impor­tan­te, un con­do­no tom­ba­le di tut­te le pen­den­ze con il Fisco?

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.