Rottamazione Cartelle, dall’extragettito al buco è stato un attimo

Passata la sbornia del 4 Marzo, assorbito l’hangover di chiacchiere sul contratto di governo molto pompato di misure senza alcuna copertura, ecco arrivare le prime sentenze sulla passata azione di governo, sentenze che pongono nuovi vincoli e richiedono interventi

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Non si può par­la­re anco­ra di extra­get­ti­to del­la rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le, ma in fon­do la spe­ran­za c’è», scri­ve­va­no i tipi de Il Sole 24 Ore lo scor­so 12 Ago­sto 2017. Col­po di sole di quell’estate tor­ri­da? La noti­zia altro non era che una ribat­tu­ta dell’ANSA, la qua­le tito­la­va ancor più entu­sia­sti­ca: Boom Rot­ta­ma­zio­ne, più incas­si per 1,5–2 miliar­di. Que­sto il testo, ripor­ta­to integralmente:

«Boom per la rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le esat­to­ria­li che, secon­do quan­to appren­de l’AN­SA, dovreb­be­ro por­ta­re in dote al gover­no per la pros­si­ma leg­ge di Bilan­cio un extra­get­ti­to di alme­no 1,5–2 miliar­di. Stan­do alle pri­me pro­ie­zio­ni dei dati alla pri­ma sca­den­za di luglio, le ade­sio­ni alla defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta dei cre­di­ti col fisco — se i paga­men­ti del­le altre rate con­ti­nue­ran­no rego­lar­men­te — con­sen­ti­ran­no di supe­ra­re ampia­men­te il tar­get di 7,2 miliar­di fis­sa­to dal decre­to fisca­le col­le­ga­to alla scor­sa manovra».

Pas­sa­ta la sbor­nia del 4 Mar­zo, assor­bi­to l’hangover di chiac­chie­re sul con­trat­to di gover­no mol­to pom­pa­to di misu­re sen­za alcu­na coper­tu­ra, ecco arri­va­re le pri­me sen­ten­ze sul­la pas­sa­ta azio­ne di gover­no, sen­ten­ze che pon­go­no nuo­vi vin­co­li e richie­do­no inter­ven­ti. I nume­ri così peren­to­ri sono quel­li del­la Rela­zio­ne sul Ren­di­con­to Gene­ra­le del­lo Sta­to per l’anno 2017, emes­sa dal­la Cor­te dei con­ti pro­prio ieri. Al capi­to­lo dedi­ca­to alla «defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta pre­vi­sta dal DL n. 193 del 2016», la Cor­te dei con­ti ci rive­la che «a fron­te di un ammon­ta­re lor­do com­ples­si­vo dei cre­di­ti “rot­ta­ma­ti” di 31,3 miliar­di di euro, l’introito atte­so per effet­to del­la “rot­ta­ma­zio­ne” ammon­ta a 17,8 miliar­di». La pro­ce­du­ra con­te­nu­ta nell’articolo 6 del sud­det­to Decre­to Leg­ge, con­sen­ti­va la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta dei cari­chi affi­da­ti agli agen­ti del­la riscos­sio­ne negli anni com­pre­si tra il 2000 e il 2015. Il con­tri­buen­te avreb­be così paga­to solo le som­me iscrit­te a ruo­lo a tito­lo di capi­ta­le, di inte­res­si lega­li e di remu­ne­ra­zio­ne del ser­vi­zio di riscos­sio­ne, esclu­se dun­que le san­zio­ni, gli inte­res­si di mora e le san­zio­ni e le som­me aggiun­ti­ve gra­van­ti su cre­di­ti pre­vi­den­zia­li. Il paga­men­to pote­va esse­re fat­to in un’u­ni­ca rata o in un mas­si­mo di quat­tro rate. Era la cosid­det­ta ‘rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le’ di ren­zia­na memo­ria. Ma dei 17,8 miliar­di pre­vi­sti, ne sono sta­ti riscos­si — entro i ter­mi­ni — solo 6,5 a cui però van­no aggiun­ti cir­ca 1,7 miliar­di pari alla som­ma sot­to­po­sta alla rateiz­za­zio­ne e anco­ra da riscuo­te­re. Fat­te le debi­te som­me e sot­tra­zio­ni, ben 9,6 miliar­di di euro non sono sta­ti riscos­si e costi­tui­sco­no ver­sa­men­ti omes­si. Su cir­ca 722 miliar­di di resi­dui dei ruo­li con­se­gna­ti a tut­to il 31/12/2015, il tas­so di ade­sio­ne medio si atte­sta al 4,3% ma l’incidenza del ver­sa­to è appe­na dell’1,1%.

Scri­ve anco­ra la Cor­te dei conti:

«Per una par­te di que­ste posi­zio­ni debi­to­rie si può affer­ma­re che l’istanza di rot­ta­ma­zio­ne ha avu­to essen­zial­men­te fina­li­tà dila­to­rie rispet­to all’espletamento del­le pro­ce­du­re esecutive».

In sostan­za, anco­ra una vol­ta l’adat­ta­men­to stra­te­gi­co è sta­to più for­te del­le nor­me e i con­tri­buen­ti si sono orien­ta­ti usan­do lo stru­men­to del­la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta per dif­fe­ri­re nel tem­po la riso­lu­zio­ne dei ruo­li iscrit­ti. Ora fate lo sfor­zo di imma­gi­na­re cosa potreb­be acca­de­re qua­lo­ra l’ipotesi vei­co­la­ta a mez­zo stam­pa dal Mini­stro dell’Interno non­ché — ad inte­rim con Lui­gi di Maio — Mini­stro di tut­te le cose, Mat­teo Sal­vi­ni, di un nuo­vo prov­ve­di­men­to per la can­cel­la­zio­ne del­le car­tel­le sot­to i 100 mila euro, diven­tas­se real­tà. Sia nel­la for­mu­la di defi­ni­zio­ne dei ruo­li con tas­si age­vo­la­ti oppu­re con l’adozione del cri­te­rio di “sal­do e stral­cio” (cfr. Il Fat­to Quo­ti­dia­no), l’effet­to per­ver­so sarà che la quo­ta par­te di som­me iscrit­te a ruo­lo e ogget­to di defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta secon­do il Decre­to 193/2016 ma non ver­sa­te al fisco fini­rà per aumen­ta­re. Anzi, il nuo­vo con­do­no diven­te­reb­be occa­sio­ne per una nuo­va dila­zio­ne nel tem­po, spe­cie del­le car­tel­le con­se­guen­ti agli accer­ta­men­ti più recen­ti. È da sot­to­li­nea­re quan­to scrit­to dal­la Cor­te dei con­ti, ovve­ro che «più del 52 per cen­to dei cre­di­ti lor­di rot­ta­ma­ti affe­ri­sce a ruo­li degli anni 2014–2017, men­tre mar­gi­na­le risul­ta l’impatto del­la rot­ta­ma­zio­ne sull’ingente ammon­ta­re non riscos­so dei ruo­li ante­rio­ri al 2014, pari a com­ples­si­vi 642,7 miliar­di di euro». Quin­di l’interesse per la rot­ta­ma­zio­ne riguar­da i debi­ti non sal­da­ti degli ulti­mi tre-quat­tro anni, non per il pre­gres­so. Che i con­tri­buen­ti si atten­da­no un inter­ven­to ancor più impor­tan­te, un con­do­no tom­ba­le di tut­te le pen­den­ze con il Fisco?

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.