Brexit, Civati: Non bisogna abbandonarsi alla paura

L’esito del referendum sulla Brexit non è un campanello d’allarme, le campane ormai suonano da anni. Questo però non è più il tempo dei distinguo e di cercare ‘piani B’, e nemmeno bisogna abbandonarsi alla paura e allo sconforto. E’ il tempo di una grande mobilitazione politica che coinvolga direttamente i cittadini. Non può risolversi tutto nel summit tra i Governi, non è più sufficiente”. Lo dice in una nota il deputato di Possibile Pippo Civati.

“E’ compito di tutte le forze progressiste europee – continua -, a cominciare da Podemos impegnata in queste ore per le elezioni in Spagna, promuovere una politica diversa in Europa, anzi la ‘Politica’, perchè è questa che è mancata.

In questa fase l’Europa non ha una politica strategica sul Mediterraneo e sulle migrazioni, sulla povertà e sulle diseguaglianze, sono spariti i vari ‘piani’ e non si è data risposta alla vocazione principale dell’Unione, ovvero quella di garantire benessere e crescita sociale e culturale a tutti i suoi cittadini. Le forze progressiste europee – conclude – devono solo recuperare la loro identità e guidare i processi che i governi centrali conservatori e le banche hanno ampiamente dimostrato di utilizzare per fini propri”.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati