Brasile, la situazione della donna nei contesti misogini

In un momen­to poli­ti­co carat­te­riz­za­to da pro­fon­di pas­si indie­tro, dal­la bana­liz­za­zio­ne dei dirit­ti con­qui­sta­ti dai più vul­ne­ra­bi­li, da discor­si miso­gi­ni, ses­si­sti e col­mi di pre­giu­di­zi, dal­la valo­riz­za­zio­ne del pos­se­de­re al di sopra dell’essere, da accor­di milio­na­ri in nome del pote­re, da minac­ce di mor­te con­tro quel­li che han­no alza­to la ban­die­ra del­la giu­sti­zia socia­le, è impre­scin­di­bi­le il raf­for­za­men­to del movi­men­to fem­mi­ni­sta in Brasile.

La vio­len­za con­tro la don­na – sia fisi­ca che psi­co­lo­gi­ca – è un feno­me­no pre­sen­te ormai da seco­li nel pae­se. Duran­te tut­to il perio­do colo­nia­le, impe­ria­le e gran par­te del perio­do repub­bli­ca­no, non c’era nes­su­na leg­ge spe­ci­fi­ca per la sicu­rez­za del gene­re fem­mi­ni­le. Anche dopo la crea­zio­ne di alcu­ne for­me di pro­te­zio­ne, lo Sta­to con­ti­nua­va a non garan­ti­re l’effettiva sicu­rez­za del­la donna.

Maria da Pen­ha, una don­na vio­len­ta­ta dal mari­to per 23 anni e diven­ta­ta tetra­ple­gi­ca, pre­sen­tò, all’epoca dei fat­ti, varie denun­ce alla poli­zia e nul­la fu fat­to a riguar­do. Davan­ti all’indifferenza del­lo Sta­to, pre­se la deci­sio­ne di anda­re fino a Washing­ton e attra­ver­so la Com­mis­sio­ne Inte­ra­me­ri­ca­na dei Dirit­ti Uma­ni, lo Sta­to Bra­si­lia­no fu pro­ces­sa­to e dovet­te pren­de­re del­le misu­re poli­ti­co-giu­ri­di­che per non subi­re san­zio­ni inter­na­zio­na­li, cul­mi­na­te nel­la crea­zio­ne del­la Leg­ge Maria da Pen­ha, con l’obbiettivo di pro­teg­ge­re la don­na con­tro la vio­len­za domestica.

Nono­stan­te ciò, il Bra­si­le è il quin­to pae­se al mon­do per mor­ti vio­len­te di don­ne, in un ran­king di 83 nazio­ni. Secon­do l’Organizzazione Mon­dia­le del­la Sani­tà (OMS), il nume­ro di omi­ci­di arri­va a 4,8 ogni 100 mila don­ne. La situa­zio­ne è anco­ra più gra­ve e allar­man­te con­tro le don­ne nere. La mag­gior par­te del­le moti­va­zio­ni di que­sti cri­mi­ni sono l’odio e il sen­ti­men­to di per­di­ta di con­trol­lo e di pos­ses­so sul­la com­pa­gna, moti­va­zio­ni comu­ni in tut­te le socie­tà carat­te­riz­za­te dal maschilismo.

La vio­len­za mora­le – d’impronta ses­sua­le – è una pra­ti­ca che diven­ta sem­pre più comu­ne nel mon­do vir­tua­le. L’aggressore dif­fon­de foto e video di con­te­nu­to ses­sua­le come for­ma di ven­di­car­si, gene­ral­men­te del­la fine del­la rela­zio­ne. Tale atto com­por­ta varie con­se­guen­ze per la vit­ti­ma. Oltre all’esposizione socia­le, all’umiliazione e alla ver­go­gna, sono sta­ti ripor­ta­ti vari casi di sui­ci­dio e altri in cui han­no subi­to aggres­sio­ni fisi­che e mole­stie ses­sua­li dopo di esse­re sta­te espo­ste sui social.

Un altro fat­to­re impor­tan­te da con­si­de­ra­re è il nume­ro di don­ne che occu­pa­no cari­che poli­ti­che nel pae­se. Secon­do l’Inter-Parliamentary Union, il Bra­si­le è uno dei peg­gio­ri sta­ti dal pun­to di vista del­la rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà poli­ti­ca fem­mi­ni­le. Seb­be­ne esi­sta­no le quo­te elet­to­ra­li, la per­cen­tua­le di don­ne al pote­re rima­ne qua­si lo stes­so dal 1940, il che gene­ra con­se­guen­ze che si riflet­to­no soprat­tut­to nell’ideare, nel­la rea­liz­za­zio­ne ed ese­cu­zio­ne di poli­ti­che che non con­si­de­ri­no le que­stio­ni femminili.

Nell’attuale gover­no, tra 22 mini­ste­ri, solo 2 sono occu­pa­ti da don­ne, che, tut­ta­via, non garan­ti­sco­no la qua­li­tà del dibat­ti­to sui dirit­ti fem­mi­ni­li. Dama­res Alves, che occu­pa la pol­tro­na del Mini­ste­ro del­la Don­na, Fami­glia e Dirit­ti Uma­ni, sostie­ne che gli uomi­ni deb­ba­no vestir­si in azzur­ro e le don­ne in rosa e che que­ste ulti­me deb­ba­no rima­ne­re a casa, per edu­ca­re i figli, men­tre l’uomo lavo­ra fuo­ri, rap­pre­sen­tan­do un ritor­no al pas­sa­to, una man­can­za di rispet­to per tut­te le lot­te e le con­qui­ste femminili.

Inve­ce, le don­ne che difen­do­no temi impor­tan­ti sul­le que­stio­ni lega­te all’uguaglianza di gene­re, al raz­zi­smo, alla vul­ne­ra­bi­li­tà socia­le, alla comu­ni­tà LGBT, sono costan­te­men­te zit­ti­te, come la nostra Mariel­le Fran­co, Con­si­glie­ra Comu­na­le del PSOL di Rio de Janei­ro, bru­tal­men­te assas­si­na­ta nel 2018, o Már­cia Tibu­ri, scrit­tri­ce e pro­fes­so­res­sa di Filo­so­fia, che ha dovu­to lascia­re il pae­se a cau­sa del­le costan­ti minac­ce che subi­va per la sua ideo­lo­gia poli­ti­ca. Un altro esem­pio signi­fi­ca­ti­vo è sta­to l’impeachment del­la ex-Pre­si­den­tes­sa Dil­ma Rous­sef, sen­za che fos­se pro­va­to alcun­ché con­tro di lei e la cui con­dot­ta estre­ma­men­te one­sta mai è potu­ta esse­re con­te­sta­ta. Nono­stan­te ciò, con “tene­bro­se tran­si­zio­ni”, è sta­ta desti­tui­ta dal suo inca­ri­co da un Con­gres­so pro­fon­da­men­te misogino.

Di fron­te a que­sto com­ples­so qua­dro, diven­ta sem­pre più urgen­te un’organizzazione fem­mi­ni­le – e fem­mi­ni­sta -, che non si sot­to­met­ta alle nuo­ve nor­me che i gover­ni di estre­ma destra desi­de­ri­no imple­men­ta­re, che non lasci cade­re nell’oblio le effet­ti­ve con­qui­ste del gene­re e che miri a occu­pa­re sem­pre più gli spa­zi del­la poli­ti­ca nazio­na­le, col­la­bo­ran­do per l’equivalenza del­le con­di­zio­ni di pari­tà tra uomo e don­na nel­la socie­tà. Non smet­te­re­mo mai di lottare!

 

* “Il fem­mi­ni­ci­dio è l’istanza ulti­ma di con­trol­lo sul­la don­na da par­te dell’uomo: il con­trol­lo di vita e di mor­te. Si espri­me con l’affermazione sen­za limi­ti del pos­ses­so, con­si­de­ran­do la don­na un ogget­to, quan­do a com­met­ter­lo è il com­pa­gno o l’ex com­pa­gno; come assog­get­ta­men­to dell’intimità e del­la ses­sua­li­tà del­la don­na, con la muti­la­zio­ne o lo sfi­gu­ra­men­to del suo cor­po; come avvi­lie­men­to del­la digni­tà del­la don­na, sot­to­met­ten­do­la a tor­tu­ra o a un trat­ta­men­to cru­de­le o degra­dan­te.
Com­mi­sio­ne Par­la­men­ta­re Mista d’Inchiesta sul­la Vio­len­za con­tro la Don­na (Rela­zio­ne Fina­le, CPMI-VCM, 2013)

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.