Bocciato il primo CCNL rider in Europa

Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.

La cate­go­ria dei rider, in que­sti ulti­mi anni, è sta­ta in gra­do di diven­ta­re un sim­bo­lo del­la lot­ta con­tro lo sfrut­ta­men­to dei lavoratori.

Nono­stan­te la scar­sa con­si­sten­za nume­ri­ca (30.000 lavo­ra­to­ri su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le), attra­ver­so un’auto-organizzazione com­pat­ta e sen­za pau­ra di alza­re il tono del con­flit­to, que­sti gio­va­ni sono riu­sci­ti a por­ta­re l’attenzione dell’opinione pub­bli­ca sul­le pro­prie con­di­zio­ni di lavoro.

Acca­de così che il Gover­no deci­da di occu­par­si spe­ci­fi­ca­men­te del­la “que­stio­ne rider”, pro­muo­ven­do pri­ma un tavo­lo di trat­ta­ti­va tra Asso­de­li­ve­ry e CGIL, CISL e UIL (2018) e poi inter­ve­nen­do diret­ta­men­te con un decre­to-leg­ge (2019).

La L. 128/2019 pre­ve­de infat­ti che “i lavo­ra­to­ri auto­no­mi che svol­go­no atti­vi­tà di con­se­gna di beni per con­to altrui, in ambi­to urba­no e con l’au­si­lio di velo­ci­pe­di o vei­co­li a moto­re” deb­ba­no esse­re retri­bui­ti su base ora­ria pren­den­do come para­me­tro i CCNL affi­ni (ossia logi­sti­ca e trasporti). 

La retri­bu­zio­ne dei fat­to­ri­ni “a con­se­gna”, in dero­ga all’obbligo di cui sopra, vie­ne ammes­sa sola­men­te se sta­bi­li­ta da con­trat­ti col­let­ti­vi nazio­na­li sti­pu­la­ti da orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li com­pa­ra­ti­va­men­te più rappresentative. 

Si trat­ta un mini­mo livel­lo di tute­la – posto che i fat­to­ri­ni resta­no inqua­dra­ti come lavo­ri auto­no­mi – eppu­re le piat­ta­for­me del food deli­ve­ry si guar­da­no bene dall’applicarlo, in una rocam­bo­le­sca fuga dal­la legge. 

Per cer­ca­re di sfrut­ta­re la “fine­stra” che con­sen­te di tor­na­re a un’applicazione “lega­le” del com­pen­so a cot­ti­mo, quin­di, vie­ne avvia­ta una trat­ta­ti­va con il sin­da­ca­to dell’UGL – paral­le­la a quel­la con i sin­da­ca­ti con­fe­de­ra­li sol­le­ci­ta­ta dal Mini­ste­ro del Lavo­ro — che sfo­cia nell’approvazione di un “CCNL rider” nel set­tem­bre 2020. 

Que­sto con­trat­to col­let­ti­vo, il “pri­mo CCNL rider in Euro­pa” nel­le trion­fa­li­sti­che paro­le dell’A.D. di Asso­de­li­ve­ry, Mat­teo Sar­za­na, pre­ve­de infat­ti una paga ora­ria di 10 € l’ora, ma allo stes­so tem­po con­si­de­ra come “tem­po di lavo­ro” sola­men­te quel­lo impie­ga­to per por­ta­re a ter­mi­ne la con­se­gna, e non quel­lo pas­sa­to in atte­sa davan­ti al risto­ran­te tra un ordi­ne e l’altro. 

Sia­mo di fron­te a un’operazione di scor­ret­tez­za tale da por­ta­re a pro­te­ste da par­te non solo dei fat­to­ri­ni e del­le sigle sin­da­ca­li con­fe­de­ra­li, ma del Mini­ste­ro del Lavo­ro stes­so che con una pro­pria cir­co­la­re “boc­cia” il con­trat­to col­let­ti­vo, con un’operazione dagli effet­ti nul­li sul pia­no lega­le ma dall’enorme peso politico.

Nono­stan­te ciò, le piat­ta­for­me pro­ce­do­no spe­di­ta­men­te a comu­ni­ca­re l’applicazione del nuo­vo CCNL rider ai pro­pri fat­to­ri­ni, dan­do il ben­ser­vi­to a colo­ro che si rifiu­ta­no di accet­ta­re le nuo­ve condizioni.

Que­sto gigan­te­sco e raf­faz­zo­na­to ten­ta­ti­vo di maquil­la­ge del­lo sfrut­ta­men­to ha incon­tra­to final­men­te il suo desti­no natu­ra­le con la sen­ten­za 30/06/2021 del Tri­bu­na­le di Bolo­gna, che per pri­ma con­fe­ri­sce por­ta­ta lega­le alle (piut­to­sto ovvie) osser­va­zio­ni già fat­te dal Mini­ste­ro del Lavoro.

La pri­ma veri­tà accer­ta­ta quin­di è che il “CCNL Rider”, sti­pu­la­to dal­la sola UGL, non è un con­trat­to mag­gior­men­te rap­pre­sen­ta­ti­vo, e per­tan­to non è ido­neo a dero­ga­re alla legge.

La secon­da è che l’interruzione dei con­trat­ti di lavo­ro con quei rider che si sono rifiu­ta­ti di veder­si appli­ca­te le sfa­vo­re­vo­li con­di­zio­ni del “CCNL rider” costi­tui­sce con­dot­ta anti­sin­da­ca­le, e per­tan­to costi­tui­sce licen­zia­men­to discri­mi­na­to­rio da san­zio­na­re con la rein­te­gra­zio­ne dei lavoratori.

Il per­cor­so ver­so una giu­sta paga per la cate­go­ria però è tutt’altro che con­clu­so. In pie­na con­ti­nui­tà con le con­dot­te adot­ta­te sin qui, per il momen­to Asso­de­li­ve­ry infat­ti ha pro­ce­du­to alla disap­pli­ca­zio­ne del “CCNL rider” sola­men­te nel­la cir­co­scri­zio­ne del tri­bu­na­le di Bologna.

Occor­re aggiun­ge­re che il rivo­lu­zio­na­rio CCNL riba­di­sce lo sta­tus di lavo­ra­to­ri auto­no­mi a 360 gra­di dei rider, facen­do­si bef­fe del­la Leg­ge 128/2019, che pre­ve­de che i com­mit­ten­ti dei lavo­ra­to­ri impe­gna­ti nel­le con­se­gne deb­ba­no garan­ti­re, “a pro­pria cura e spe­se”, il rispet­to del D.Lgs. 81/08, testo uni­co del­la sicu­rez­za sul lavo­ro. Il CCNL fa rien­tra­re i rap­por­ti tra le piat­ta­for­me di deli­ve­ry e i rider nell’alveo del­le tute­le pre­vi­ste per con­trat­ti di appal­to, d’opera o di som­mi­ni­stra­zio­ne, facen­do sì che gli one­ri a cari­ca del com­mit­ten­te ten­da­no allo zero.

Par­reb­be per­tan­to una gen­ti­le con­ces­sio­ne del­le piat­ta­for­me la for­ni­tu­ra di indu­men­ti ad alta visi­bi­li­tà per tut­ti i rider e caschi per i rider che effet­tua­no con­se­gne median­te la pro­pria bici­clet­ta, con tan­to di pos­si­bi­li­tà di sosti­tu­zio­ne del casco dopo 4.000 con­se­gne e dell’indumento ad alta visi­bi­li­tà dopo 1.500 con­se­gne. Par­reb­be, appun­to. Se non fos­se che l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro ha di recen­te appu­ra­to la natu­ra di subor­di­na­zio­ne dei rider facen­ti capo a 4 piat­ta­for­me di deli­ve­ry, san­cen­do “l’applicazione ai riders del trat­ta­men­to retri­bu­ti­vo del lavo­ra­to­re dipen­den­te, del con­se­guen­te inqua­dra­men­to pre­vi­den­zia­le e, soprat­tut­to, la pie­na tute­la in mate­ria di salu­te e sicurezza”. 

Le riven­di­ca­zio­ni por­ta­te avan­ti con tena­cia devo­no esse­re di ispi­ra­zio­ne per tut­te quel­le altre cate­go­rie di lavo­ra­to­ri ingab­bia­te nel fal­so lavo­ro auto­no­mo, e devo­no dare slan­cio a una bat­ta­glia del­la sini­stra per un supe­ra­men­to di una for­ma con­trat­tua­le come la “col­la­bo­ra­zio­ne coor­di­na­ta e con­ti­nua­ti­va” che – nono­stan­te i ripe­tu­ti cor­ret­ti­vi legi­sla­ti­vi che si sus­se­guo­no ormai da decen­ni – con­ti­nua a con­sen­ti­re un uti­liz­zo frau­do­len­to del lavo­ro dipen­den­te, sot­to la coper­tu­ra lega­le postic­cia del­la “para­su­bor­di­na­zio­ne” che, come inse­gna­no i rider, è solo un altro modo di dire caporalato.

Roc­co Casciani

Lau­ra Colombo

Giu­sta Paga — Lavo­ro Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.