Basilio Rizzo: «Pisapia scappa dal referendum»

Basilio Rizzo, candidato sindaco di Milani in Comune, va all'attacco del sindaco uscente, il quale - si legge in una nota del candidato - «ha evitato di esprimersi sul referendum costituzionale di ottobre, trincerandosi dietro il bisogno di riflettere, di studiare, di approfondire. Il tatticismo elettorale deve avere dei limiti - continua Basilio Rizzo -: appare poco credibile che un giurista e un politico così titolato non abbia un giudizio da esprimere e si allinei al non dire di Parisi, candidato berlusconiano del Centro destra».

Basi­lio Riz­zo, can­di­da­to sin­da­co di Mila­no in Comu­ne, va all’at­tac­co del sin­da­co uscen­te, il qua­le — si leg­ge in una nota del can­di­da­to — «ha evi­ta­to di espri­mer­si sul refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le di otto­bre, trin­ce­ran­do­si die­tro il biso­gno di riflet­te­re, di stu­dia­re, di appro­fon­di­re. Il tat­ti­ci­smo elet­to­ra­le deve ave­re dei limi­ti — con­ti­nua Basi­lio Riz­zo -: appa­re poco cre­di­bi­le che un giu­ri­sta e un poli­ti­co così tito­la­to non abbia un giu­di­zio da espri­me­re e si alli­nei al non dire di Pari­si, can­di­da­to ber­lu­sco­nia­no del Cen­tro destra».

«Sareb­be que­sta — si chie­de Riz­zo — la sini­stra che vuo­le con­di­zio­na­re lo schie­ra­men­to pro Sala?
Noi del­la lista Mila­no in Comu­ne non abbia­mo dub­bi: la rifor­ma ren­zia­na del­la Costi­tu­zio­ne va respin­ta per­ché il suo inscin­di­bi­le intrec­cio con l’I­ta­li­cum for­za i mec­ca­ni­smi demo­cra­ti­ci di legit­ti­ma­zio­ne del­le Came­re e pre­di­spo­ne ad un auto­ri­ta­ri­smo gover­na­ti­vo, come già ora dimo­stra il fat­to che la con­sul­ta­zio­ne è sta­ta tra­sfor­ma­ta da Ren­zi in un ple­bi­sci­to pro o con­tro il governo».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.