Autoriciclaggio, basta un emendamento

dollar_recycleOra che anche Mat­teo Ren­zi si è pro­nun­cia­to a favo­re dell’introduzione nel nostro ordi­na­men­to del rea­to di auto­ri­clag­gio, non dovreb­be esse­re dif­fi­ci­le far pas­sa­re in VI Com­mis­sio­ne Finan­ze l’emendamento in mate­ria, ope­ra di Lucre­zia Ric­chiu­ti e Giu­sep­pe Civa­ti. Ren­zi, rispon­den­do alla let­te­ra di Savia­no — il tut­to sul­le colon­ne di Repub­bli­ca — annun­cia di voler inter­ve­ni­re “con asso­lu­ta urgenza”.

Va da sé che una dispo­si­zio­ne simi­le era già con­te­nu­ta nel­la boz­za del Decre­to n. 4/2014, il cosid­det­to decre­to sul­la Volun­ta­ry Disclo­su­re, nuo­vo com­ples­so di nor­me vol­te a favo­ri­re il rien­tro dei capi­ta­li dall’estero, que­sta vol­ta sen­za alcu­na ridu­zio­ne del­l’im­po­ni­bi­le o del­le impo­ste dovu­te, sen­za alcu­na for­ma di ano­ni­ma­to ma sem­pli­ce­men­te ridu­cen­do le san­zio­ni amministrative.

Nel testo fina­le pre­sen­ta­to in Con­si­glio dei Mini­stri n. 46 del­lo scor­so 24 Gen­na­io, la nor­ma sull’autoriciclaggio era sta­ta espun­ta. Let­ta rife­rì che la nuo­va fat­ti­spe­cie di rea­to sareb­be sta­ta intro­dot­ta in un altro pac­chet­to di leg­gi con­tro la cri­mi­na­li­tà. Tut­ta­via, il fat­to sem­brò indi­ca­re il man­ca­to accor­do nel­la mag­gio­ran­za. Con­di­zio­ne che, non essen­do muta­to lo sche­ma di gover­no con allean­za a cen­tro­de­stra, si potreb­be pre­sen­ta­re tal qua­le nel momen­to in cui Ren­zi doves­se agi­re con l’urgenza dichia­ra­ta. Una situa­zio­ne simi­le accad­de anche duran­te il gover­no Mon­ti, quan­do il mini­stro Seve­ri­no pre­sen­tò il DdL Anti­cor­ru­zio­ne. Il prov­ve­di­men­to, anche in quel caso, ven­ne ripu­li­to dal­la nor­ma anti-auto­ri­ci­clag­gio. Era­no neces­sa­ri, si dis­se all’epoca (era il lon­ta­no 2012), ulte­rio­ri approfondimenti.

La trat­ta­zio­ne del Decre­to sul­la Volun­ta­ry Disclo­su­re è ini­zia­ta alla Came­ra lo scor­so 11 Feb­bra­io. Le nuo­ve nor­me han­no susci­ta­to le cri­ti­che per­si­no del­le Agen­zie del­le Entra­te, nel­la per­so­na di Anto­nio Mar­ti­no, respon­sa­bi­le del­l’Uf­fi­cio cen­tra­le per il con­tra­sto agli ille­ci­ti fisca­li inter­na­zio­na­li (Uci­fi). Secon­do Mar­ti­no, il decre­to è “una tena­glia che nasce mon­ca”, pro­prio per l’assenza del nuo­vo rea­to (Reu­ters, 24/02/2014). E anche il pro­cu­ra­to­re aggiun­to di Mila­no, Fran­ce­sco Gre­co, si è augu­ra­to che il rea­to ven­ga al più pre­sto intro­dot­to, “altri­men­ti mi irri­to”, ha det­to (Il Sole 24 Ore, 04/02/2014). Dopo­tut­to, l’autoriciclaggio è sta­to ogget­to di uno stu­dio con­dot­to dal­la com­mis­sio­ne da lui mede­si­mo pre­sie­du­ta, isti­tui­ta per decre­to pro­prio dal mini­stro Seve­ri­no nel 2012.

Par­reb­be stra­no, ma la stes­sa scel­ta è sta­ta ripe­tu­ta nel 2013. La com­mis­sio­ne Gre­co ave­va da pochi mesi chiu­so le ana­li­si, che il gover­no Let­ta ne isti­tuì un’altra, pre­sie­du­ta sta­vol­ta nien­te­me­no che da Nico­la Grat­te­ri. Entram­be le com­mis­sio­ni han­no pro­dot­to solu­zio­ni ope­ra­ti­ve chia­re, che però sono rima­ste let­te­ra mor­ta. Così Grat­te­ri annun­cia­va ad Otto­bre 2013 di aver per­fe­zio­na­to del­le modi­fi­che nor­ma­ti­ve che com­pren­de­va­no il 41bis, il voto di scam­bio ma soprat­tut­to l’autoriciclaggio. Il gover­no Let­ta non ope­ra­va di cer­to in assen­za di infor­ma­zio­ni in materia.

In Ita­lia, il rea­to di auto­ri­ci­clag­gio, ovve­ro l’attività di occul­ta­men­to dei pro­ven­ti dei pro­pri cri­mi­ni, non è disci­pli­na­to dal codi­ce pena­le, che lo esclu­de con una clau­so­la (648-bis c.p., pri­mo capo­ver­so). L’autoriciclaggio è inte­so quin­di come mera con­se­guen­za del rea­to che lo ha pre­sup­po­sto. Ma esi­sto­no ben due Diret­ti­ve Euro­pee, n. 2005/60/CE e n. 2006/70/CE (l’Europa non è solo buro­cra­zia), una rac­co­man­da­zio­ne del Fon­do Mone­ta­rio Inter­na­zio­na­le del 2006, le linee gui­da sul­la tra­spa­ren­za nei paga­men­ti dell’OECD, pro­nun­ce del­la Ban­ca d’Italia e del­la Pro­cu­ra Nazio­na­le Anti­ma­fia non­ché la Con­ven­zio­ne pena­le sul­la cor­ru­zio­ne, sot­to­scrit­ta a Stra­sbur­go il 27 gen­na­io 1999 (che l’Italia ha rati­fi­ca­to solo nel 2012), che richie­de­reb­be­ro l’adeguamento nor­ma­ti­vo più vol­te pro­po­sto in que­sti anni.

Il con­tri­bu­to dato dal legi­sla­to­re euro­peo appa­re evi­den­te nel­la sud­det­ta Diret­ti­va 2005/60/CE, all’articolo 1, com­ma 2 let­te­ra b), lad­do­ve vie­ne defi­ni­to che costi­tui­sco­no rici­clag­gio l’occultamento o la dis­si­mu­la­zio­ne dei beni pro­ve­nien­ti “da un’at­ti­vi­tà cri­mi­no­sa o da una par­te­ci­pa­zio­ne a tale atti­vi­tà”. Se quin­di da un lato la nor­ma­ti­va euro­pea cita espres­sa­men­te la fat­ti­spe­cie del­la par­te­ci­pa­zio­ne al rea­to, il 648-bis altret­tan­to espli­ci­ta­men­te la esclu­de, come det­to, già al pri­mo capo­ver­so: “Fuo­ri dei casi di con­cor­so nel rea­to, chiun­que sosti­tui­sce o tra­sfe­ri­sce dena­ro, beni o altre uti­li­tà pro­ve­nien­ti da delit­to non col­po­so […], è puni­to con la reclu­sio­ne da quat­tro a dodi­ci anni e con la mul­ta da euro 1.032 a euro 15.493″.

L’emendamento Civa­ti-Ric­chiu­ti riscri­ve per inte­ro l’articolo 648-bis con una for­mu­la­zio­ne non dis­si­mi­le da quel­la pro­po­sta dal pre­si­den­te del Sena­to Pie­tro Gras­so ad ini­zio Legi­sla­tu­ra con il dise­gno di leg­ge n. 19. Quel­lo che segue è il testo dell’emendamento proposto:

648-bis (Rici­clag­gio).

E’ puni­to con la reclu­sio­ne da quat­tro a dodi­ci anni e con la mul­ta da € 5.000 a € 50.000 chiun­que sosti­tui­sce o tra­sfe­ri­sce dena­ro, beni o altre uti­li­tà pro­ve­nien­ti da delit­to non col­po­so ovve­ro com­pie altre ope­ra­zio­ni in modo da osta­co­la­re l’identificazione del­la loro pro­ve­nien­za delittuosa.

Si appli­ca la pena del­la reclu­sio­ne da due a otto anni e del­la mul­ta da € 2.000 a € 25.000 se il dena­ro, i beni o le altre uti­li­tà pro­ven­go­no da delit­to non col­po­so per il qua­le è sta­bi­li­ta la pena del­la reclu­sio­ne non supe­rio­re nel mas­si­mo a sei anni.

La pena è aumen­ta­ta quan­do il fat­to è com­mes­so nell’esercizio di una pro­fes­sio­ne ovve­ro di atti­vi­tà ban­ca­ria o finanziaria.

La pena è dimi­nui­ta fino a due ter­zi per chi si sia effi­ca­ce­men­te ado­pe­ra­to per assi­cu­ra­re le pro­ve del rea­to e per evi­ta­re che l’attività delit­tuo­sa sia por­ta­ta a con­se­guen­ze ulteriori.

Si appli­ca l’ultimo com­ma dell’art. 648.

Scri­vo­no i due pro­po­nen­ti che la nuo­va fat­ti­spe­cie incri­mi­na­tri­ce è basa­ta essen­zial­men­te su quat­tro punti:

  1. l’esten­sio­ne del­la puni­bi­li­tà dell’attuale con­dot­ta di rici­clag­gio anche al con­cor­ren­te nel rea­to pre­sup­po­sto, median­te la sem­pli­ce sop­pres­sio­ne del­la clau­so­la di riser­va iniziale;

  2. la sosti­tu­zio­ne dell’attuale cir­co­stan­za atte­nuan­te, secon­do cui la pena è dimi­nui­ta se il dena­ro, i beni o le altre uti­li­tà pro­ven­go­no da un delit­to per il qua­le è sta­bi­li­ta pena infe­rio­re a cin­que anni, alzan­do a sei anni tale limite;

  3. l’inserimento nell’attuale cir­co­stan­za aggra­van­te di un rife­ri­men­to anche all’esercizio di atti­vi­tà ban­ca­ria e finan­zia­ria;

  4. l’introduzione di una sostan­zia­le atte­nua­zio­ne di pena, fino a due ter­zi, per l’autore del delit­to che si sia effi­ca­ce­men­te ado­pe­ra­to per assi­cu­ra­re le pro­ve del rea­to e per evi­ta­re con­se­guen­ze ulteriori.

L’esame del Decre­to Volun­ta­ry Disclo­su­re pro­se­gui­rà mar­te­dì 4 Mar­zo (all’or­di­ne del gior­no, le audi­zio­ni del Cen­tro Stu­di del Con­si­glio dell’Ordine degli avvo­ca­ti di Roma). In calen­da­rio non è pre­vi­sta, per ora, alcu­na acce­le­ra­zio­ne dei lavo­ri. Il gover­no potreb­be sce­glie­re di ope­ra­re dav­ve­ro d’ur­gen­za, e ciò lo potre­mo capi­re even­tual­men­te dal­le paro­le del rela­to­re Gio­van­ni San­ga, se e quan­do inter­ver­rà duran­te la sedu­ta. Vice­ver­sa, qua­lo­ra si sce­glies­se una suc­ces­si­va trat­ta­zio­ne in un diver­so decre­to, si pre­fe­ri­reb­be dun­que una stra­da meno velo­ce: da un lato non si rispon­de­reb­be ai dub­bi del­la stes­sa Agen­zia del­le Entra­te cir­ca l’efficacia del­la Volun­ta­ry Disclo­su­re (ora una tena­glia mon­ca); dall’altro si por­reb­be­ro le con­di­zio­ni per il ripe­ter­si di veti in Con­si­glio dei Mini­stri. Che sareb­be poi il cli­ma favo­re­vo­le ad una nuo­va com­mis­sio­ne di studi.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.