“At last”, la reazione (necessaria) del Veneto contro le Mafie

Come nelle altre inchieste del recente passato emerge chiaramente la progressiva e sempre più strutturata infiltrazione della criminalità organizzata in Veneto e il consenso che i mafiosi incontrano con pezzi della società, operatori del mondo economico e ora anche politico, che chiedono capitali, servizi e favori.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sono Avvi­so Pub­bli­co e il Cor­rie­re del Vene­to ad aver lan­cia­to, lo scor­so fine set­ti­ma­na, un mani­fe­sto-appel­lo con­tro le Mafie (l’appello “Il Vene­to si ribel­la al meto­do mafio­so”) dopo l’o­pe­ra­zio­ne anti­ma­fia “At Last” con­dot­ta dal­la Guar­dia di Finan­za di Trie­ste e dal­la Squa­dra Mobi­le di Vene­zia, coor­di­na­ta dal­la DDA di Vene­zia, al ter­mi­ne di un’in­chie­sta sul­l’in­fil­tra­zio­ne camor­ri­sti­ca in Vene­to, che ha por­ta­to ad 82 prov­ve­di­men­ti fra misu­re cau­te­la­ri (50), obbli­ghi di dimo­ra (11) o di altro tipo. L’o­pe­ra­zio­ne più impor­tan­te nei con­fron­ti del­la Camor­ra a Nor­de­st. Gli arre­sti sono scat­ta­ti a Vene­zia, a Casal di Prin­ci­pe, nel caser­ta­no, e in altre loca­li­tà. Coin­vol­ti pro­fes­sio­ni­sti, impren­di­to­ri, diret­to­ri di ban­ca accu­sa­ti, a vario di tito­lo, di asso­cia­zio­ne a delin­que­re di stam­po mafio­so e altri gra­vi rea­ti. Fra que­sti il sin­da­co di Era­clea (Ve), Mir­co Mestre, inda­ga­to del rea­to di scam­bio elet­to­ra­le poli­ti­co-mafio­so in rela­zio­ne alle ele­zio­ni del 2016. Sono sta­ti seque­stra­ti beni per 10 milioni.

L’at­ti­vi­tà cri­mi­na­le ruo­te­reb­be attor­no al mon­do del­l’e­di­li­zia, le costru­zio­ni lun­go la costa adria­ti­ca vene­zia­na, da San Donà a Bibio­ne, Caor­le, Era­clea, Jeso­lo e altre. Secon­do il pro­cu­ra­to­re capo di Vene­zia, Bru­no Cher­chi, è la pri­ma vol­ta che si regi­stra la pre­sen­za di una cosca che, facen­do rife­ri­men­to al clan dei casa­le­si, si è orga­niz­za­ta auto­no­ma­men­te. Sem­pre Cher­chi affer­ma che «l’arresto del sin­da­co di Era­clea rap­pre­sen­ta il pri­mo caso in Vene­to di voto di scam­bio, accer­ta­to nel cor­so del­le ele­zio­ni comu­na­li del 2016». Pochi gior­ni pri­ma era sta­ta la vol­ta del­l’ope­ra­zio­ne ”Ter­ry” con­dot­ta dal­la DDA di Vene­zia sul­la pre­sen­za ‘ndran­ghe­ti­sta nel­la pro­vin­cia di Verona.

Come nel­le altre inchie­ste del recen­te pas­sa­to emer­ge chia­ra­men­te la pro­gres­si­va e sem­pre più strut­tu­ra­ta infil­tra­zio­ne del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta in Vene­to e il con­sen­so che i mafio­si incon­tra­no con pez­zi del­la socie­tà, ope­ra­to­ri del mon­do eco­no­mi­co e ora anche poli­ti­co, che chie­do­no capi­ta­li, ser­vi­zi e favori.

L’ar­re­sto del Sin­da­co di Era­clea, però, è quel­lo che desta mag­gior pre­oc­cu­pa­zio­ne, come la sto­ria del­le mafie pre­sen­ti al Nord inse­gna, dopo la pene­tra­zio­ne del tes­su­to eco­no­mi­co, il gra­di­no suc­ces­si­vo è quel­lo del­la poli­ti­ca, par­ten­do dagli enti loca­li, dove dre­na­re risor­se pub­bli­che nel set­to­re degli appal­ti. Ora, chi anco­ra ritie­ne che cer­ti feno­me­ni sia­no radi­ca­ti in altri ter­ri­to­ri potrà ricre­der­si. Il soda­li­zio fra Vene­to e Casal di Prin­ci­pe (e i lega­mi con la Mala del Bren­ta) è sta­to disve­la­to in tut­ta la sua cru­dez­za, fat­ta di con­trol­lo del ter­ri­to­rio con l’u­so del­le armi, attra­ver­so estor­sio­ni, usu­ra, rici­clag­gio, traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti, rapi­ne, dan­neg­gia­men­ti e altri rea­ti. Non ulti­mo l’in­quie­tan­te retro­sce­na, che emer­ge dal­le car­te del­l’in­chie­sta, lega­to all’or­di­ne di spa­ra­re alla gior­na­li­sta del Gaz­zet­ti­no Moni­ca Andol­fat­to, per aver scrit­to di epi­so­di cri­mi­na­li nel San­do­na­te­se, for­tu­na­ta­men­te non por­ta­to a ter­mi­ne (cau­sa l’ar­re­sto di chi dove­va met­ter­lo in pra­ti­ca). La più recen­te rela­zio­ne del­la Dia (pri­mo semen­tre 2018) par­la­va già di nuo­ve sfu­ma­tu­re come «gli impor­tan­ti sno­di di comu­ni­ca­zio­ne, qua­li il por­to di Vene­zia-Mar­ghe­ra e gli aero­por­ti Mar­co Polo di Vene­zia e il Catul­lo di Vero­na». Un Vene­to che può offri­re al cri­mi­ne orga­niz­za­to un bene mol­to pre­gia­to, la mobi­li­tà: di sol­di, mer­ci e persone.

Per que­sto l’ap­pel­lo fir­ma­to da Pier­pao­lo Roma­ni di Avvi­so Pub­bli­co assu­me anco­ra mag­gior signi­fi­ca­to quan­do dice:

”Non basta dichia­rar­si sor­pre­si e indi­gna­ti. Ser­ve un impe­gno straor­di­na­rio, a par­ti­re dal­la poli­ti­ca, che si tra­du­ca in una mag­gio­re capa­ci­tà di rea­zio­ne e di mobi­li­ta­zio­ne coor­di­na­ta a livel­lo gene­ra­le, con un’attenzione par­ti­co­la­re alla dimen­sio­ne edu­ca­ti­va e cul­tu­ra­le. Le mafie si pos­so­no scon­fig­ge­re a con­di­zio­ne che non vi sia un’esclusiva dele­ga alle for­ze di poli­zia e alla magi­stra­tu­ra. Ognu­no deve impe­gnar­si a fare la pro­pria par­te, difen­den­do i dirit­ti, adem­pien­do respon­sa­bil­men­te ai pro­pri dove­ri; rifiu­tan­do la cul­tu­ra del favo­re e del pri­vi­le­gio, l’omertà e la vio­len­za; evi­tan­do di esse­re indif­fe­ren­ti, super­fi­cia­li, com­pli­ci e con­ni­ven­ti; denun­cian­do alle auto­ri­tà com­pe­ten­ti qual­sia­si ten­ta­ti­vo di minac­cia, inti­mi­da­zio­ne e cor­ru­zio­ne; non chie­den­do voti, capi­ta­li, e «ser­vi­zi» a mafio­si e corrotti.” 

L’in­vi­to rivol­to a tut­ti i Sin­da­ci vene­ti a par­te­ci­pa­re, il pros­si­mo 21 mar­zo a Pado­va, alla Gior­na­ta nazio­na­le in ricor­do del­le vit­ti­me inno­cen­ti di mafia per dimo­stra­re che il Vene­to si schie­ra con­tro qual­sia­si for­ma di mafia e ille­ga­li­tà. Una rea­zio­ne con­cre­ta da chie­de­re anche a tut­ti i cit­ta­di­ni del Vene­to e d’Italia.

Il nostro com­pi­to non può limi­tar­si nel por­re sot­to i riflet­to­ri que­sti sce­na­ri cri­mi­na­li, rac­con­tar­li e tene­re alta la guar­dia, come dice­va Roma­ni nel­l’ap­pel­lo, è una bat­ta­glia quo­ti­dia­na fat­ta di lega­li­tà, dirit­ti, dove­ri e rifiu­to del­la cul­tu­ra del favo­re e del pri­vi­le­gio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.