Quando anche la Giustizia diventa discriminatoria

La sen­ten­za odier­na di asso­lu­zio­ne nei con­fron­ti di Felix Croft, il cit­ta­di­no fran­ce­se per il qua­le la Pro­cu­ra di Impe­ria ave­va chie­sto un’in­cre­di­bi­le, abnor­me, ver­go­gno­sa con­dan­na a 3 anni e 4 mesi di reclu­sio­ne e una mul­ta di 50 mila euro per ave­re ten­ta­to di tra­spor­ta­re oltre il con­fi­ne di Ven­ti­mi­glia una fami­glia di richie­den­ti asi­lo, pone inter­ro­ga­ti­vi e susci­ta rifles­sio­ni più gene­ra­li sul tema del­la soli­da­rie­tà.
La cri­mi­na­liz­za­zio­ne di un atto gra­tui­to con fina­li­tà di assi­sten­za uma­ni­ta­ria costi­tui­sce un pre­ce­den­te gra­vis­si­mo, che fini­sce per accre­di­ta­re da un pun­to di vista giu­ri­di­co le posi­zio­ni poli­ti­che più peri­co­lo­se: quel­le di chi fa cam­pa­gna elet­to­ra­le sul­la pel­le dei più debo­li isti­gan­do alla divi­sio­ne, alla segre­ga­zio­ne, alla discri­mi­na­zio­ne.
La nor­ma vigen­te del Testo Uni­co sul­l’Im­mi­gra­zio­ne pur­trop­po non è chia­ris­si­ma nel­l’e­sclu­de­re alla radi­ce la rile­van­za pena­le di fat­ti come quel­lo impu­ta­to a Croft o a chi por­ta da man­gia­re o da vestir­si a pro­fu­ghi e sen­za tetto.
Infat­ti, l’Ar­ti­co­lo 12 (Dispo­si­zio­ni con­tro le immi­gra­zio­ni clan­de­sti­ne) sta­bi­li­sce che “Sal­vo che il fat­to costi­tui­sca più gra­ve rea­to, chiun­que, in vio­la­zio­ne del­le dispo­si­zio­ni del pre­sen­te testo uni­co, pro­muo­ve, diri­ge, orga­niz­za, finan­zia o effet­tua il tra­spor­to di stra­nie­ri nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to ovve­ro com­pie altri atti diret­ti a pro­cu­rar­ne ille­gal­men­te l’ingresso nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to, ovve­ro di altro Sta­to del qua­le la per­so­na non è cit­ta­di­na o non ha tito­lo di resi­den­za per­ma­nen­te, è puni­to con la reclu­sio­ne da uno a cin­que anni e con la mul­ta di 15.000 euro per ogni per­so­na.” E aggiun­ge che “Fer­mo restan­do quan­to pre­vi­sto dal­l’ar­ti­co­lo 54 del codi­ce pena­le, non costi­tui­sco­no rea­to le atti­vi­tà di soc­cor­so e assi­sten­za uma­ni­ta­ria pre­sta­te in Ita­lia nei con­fron­ti degli stra­nie­ri in con­di­zio­ni di biso­gno comun­que pre­sen­ti nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to.” La scri­mi­nan­te pre­vi­sta dal secon­do com­ma, nel­l’in­tro­dur­re i con­cet­ti di “soc­cor­so”, “assi­sten­za uma­ni­ta­ria” e “con­di­zio­ni di biso­gno” può pur­trop­po pre­star­si ad un’in­ter­pre­ta­zio­ne restrit­ti­va, qua­si ad esclu­de­re la rile­van­za pena­le dei soli atti posti in esse­re in con­di­zio­ni di emer­gen­za, per sal­va­re una vita uma­na dal­la mor­te o da dan­ni gra­vi a salu­te, inte­gri­tà fisi­ca ecc. Non è auto­ma­ti­co ricom­pren­de­re nel­la scri­mi­nan­te anche com­por­ta­men­ti atti­vi ‑come quel­li posti in esse­re da Croft- tesi alla tute­la di altri dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na (qua­le il dirit­to di asi­lo san­ci­to dal­l’art. 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne) che non sia­no la vita (e quin­di la soprav­vi­ven­za) o la salu­te del migrante.

La sen­ten­za di asso­lu­zio­ne costi­tui­sce dun­que un con­cre­to e signi­fi­ca­ti­vo tas­sel­lo a favo­re di una inter­pre­ta­zio­ne ampia del­la nor­ma che esclu­da tut­ti i cd. rea­ti di solidarietà.

Cer­to, che una Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca appli­chi ad un atti­vi­sta per i dirit­ti uma­ni la nor­ma incri­mi­na­tri­ce scrit­ta per con­tra­sta­re e puni­re i traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni è sconcertante.

Per sta­re all’at­tua­li­tà, è come se si pre­ten­des­se di puni­re — al posto di traf­fi­can­ti e sca­fi­sti- le ONG che con le loro navi trag­go­no in sal­vo migran­ti in mare, ponen­do in esse­re un atto che peral­tro il dirit­to del mare pre­ve­de come obbligatorio.

E poi capi­ta inve­ce che un’al­tra Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca non riten­ga rea­to esal­ta­re il com­por­ta­men­to di chi ha pri­va­to del­la liber­tà per­so­na­le e dileg­gia­to due don­ne rom, ponen­do in esse­re con­dot­te obiet­ti­va­men­te isti­ga­tri­ci e discri­mi­na­to­rie.

Il rife­ri­men­to è al nostro espo­sto con­tro Sal­vi­ni (cui sono segui­te minac­ce e offe­se irri­pe­ti­bi­li al sot­to­scrit­to sul web da par­te del­la sem­pre più nutri­ta ‑e non per­se­gui­ta- tep­pa­glia raz­zi­sta, xeno­fo­ba e per­si­no neo­fa­sci­sta), rispet­to al qua­le la Pro­cu­ra di Raven­na non ha rite­nu­to di eser­ci­ta­re l’a­zio­ne penale.

Regi­stria­mo con pro­fon­da pre­oc­cu­pa­zio­ne e gar­ba­ta ma fer­ma con­tra­rie­tà que­sta pie­ga peri­co­lo­sa: da una par­te la cri­mi­na­liz­za­zio­ne di chi com­pie atti di soli­da­rie­tà e dal­l’al­tra l’esen­zio­ne pena­le di gra­vi fat­ti discri­mi­na­to­ri, discor­si del­l’o­dio, ricor­so sem­pre più dif­fu­so a con­te­nu­ti e sti­le­mi neofascisti.

Pos­si­bi­le non abbas­sa la guar­dia e sta valu­tan­do la pos­si­bi­li­tà di un ricor­so alla Cor­te di Stra­sbur­go per vio­la­zio­ne del­l’art. 13 del­la CEDU.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.