Acqua pubblica: Civati, il testo in aula tradisce l’esito del referendum

ROMA, 20 APR — “La pro­po­sta di leg­ge in discus­sio­ne in aula per “la gestio­ne pub­bli­ca del­le acque” così com’è tra­di­sce l’e­si­to del refe­ren­dum del 2011, il più par­te­ci­pa­to degli ulti­mi 15 anni, l’u­ni­co ad aver rag­giun­to il quo­rum”. Lo dice l’e­spo­nen­te di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti.

“Il testo pre­ve­de un’as­se­gna­zio­ne in via diret­ta a socie­tà inte­ra­men­te pub­bli­che o par­te­ci­pa­te dagli enti loca­li sol­tan­to in via prio­ri­ta­ria. In par­ti­co­la­re, poi, è sop­pres­so l’ar­ti­co­lo rela­ti­vo alla ripub­bli­ciz­za­zio­ne del­la gestio­ne del ser­vi­zio idri­co inte­gra­to — par­ti­co­lar­men­te impor­tan­te per rispon­de­re al refe­ren­dum del 2011 — che pre­ve­de­va l’as­sog­get­ta­men­to al regi­me del dema­nio pub­bli­co di acque­dot­ti, fogna­tu­re, impian­ti di depu­ra­zio­ne e le altre infrastrutture.

Inol­tre si san­ci­sce l’im­pos­si­bi­li­tà di sepa­ra­re la gestio­ne e l’e­ro­ga­zio­ne del ser­vi­zio e il loro neces­sa­rio affi­da­men­to a enti di dirit­to pub­bli­co (spe­ci­fi­can­do la loro man­ca­ta sog­ge­zio­ne al pat­to di sta­bi­li­ta’ inter­no rela­ti­vo agli enti loca­li). Ma modi­fi­che impor­tan­ti han­no riguar­da­to anche il rila­scio e il rin­no­vo del­le con­ces­sio­ni, la cui disci­pli­na vie­ne rimes­sa a un decre­to legi­sla­ti­vo da adot­ta­re entro il 31.12.2016 e sul qua­le sarà impor­tan­te vigilare.

In defi­ni­ti­va, quin­di, il testo sem­bra dav­ve­ro non dare rispo­sta ai milio­ni di ita­lia­ni che han­no vota­to Si’ nel 2011. Eppu­re la mag­gio­ran­za, con la sua tra­di­zio­na­le capa­ci­tà di ascol­to, sta boc­cian­do qua­lun­que ten­ta­ti­vo di miglio­ra­men­to del testo. Ricor­dia­mo come dopo la sen­ten­za n. 199 del 2012, con cui la Cor­te ha dichia­ra­to inco­sti­tu­zio­na­le una nor­ma­ti­va (sui ser­vi­zi pub­bli­ci) simi­le a quel­la abro­ga­ta nel 2011, il legi­sla­to­re dovreb­be fare par­ti­co­la­re atten­zio­ne a dare ade­gua­to segui­to alla volon­tà popo­la­re. Se anche non si pro­fi­las­se l’in­co­sti­tu­zio­na­li­tà del testo, cer­ta­men­te il tra­di­men­to del­la volon­tà popo­la­re è più che manifesto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.