Abbattere barriere, disabilitare disabilità

image1 (3)

Le bar­rie­re s’abbattono abbattendole.

Ad esem­pio quel­la archi­tet­to­ni­che, ad esem­pio quel­le ine­si­sten­ti – o che dovreb­be­ro esser­lo – tra diver­sa­men­te abi­li ed altri.

Ad esem­pio con un lavo­ro nato da una sor­ta di comi­ta­to spon­ta­neo di mem­bri di Pos­si­bi­le che assie­me a Bea­tri­ce Bri­gno­ne in que­sti mesi ha lavo­ra­to a diver­se que­stio­ni di diver­se abi­li­tà appron­tan­do tra le altre cose una deli­be­ra tema­ti­ca su disa­bi­li­tà, dirit­ti e vita indipendente.

Que­sto per­ché Pos­si­bi­le vuo­le esse­re dav­ve­ro pos­si­bi­le, dav­ve­ro attua­bi­le, dav­ve­ro abi­le e non sol­tan­to diver­sa­men­te, ma il quan­to più egual­men­te pos­si­bi­le. Appunto.

Que­sto per­ché se cre­dia­mo che una socie­tà eman­ci­pa­ta sia la rea­liz­za­zio­ne del­l’u­ni­ver­sa­le nel­la con­ci­lia­zio­ne del­le dif­fe­ren­ze, mol­ta stra­da c’è da com­pie­re per­ché l’Italia pos­sa dir­si tale. Le dif­fe­ren­ze coin­ci­do­no anco­ra trop­po spes­so con le disu­gua­glian­ze per­ché non si attua­no gli stru­men­ti esi­sten­ti al fine di libe­rar­ne le poten­zia­li­tà con­ci­lian­ti, per il sin­go­lo e per la col­let­ti­vi­tà. Tra que­ste diver­si­tà “in poten­za” com­pa­io­no le cosid­det­te disa­bi­li­tà. Mol­to può e dev’es­se­re anco­ra fat­to affin­ché tut­te le per­so­ne con disa­bi­li­tà abbia­no la pos­si­bi­li­tà di auto­de­ter­mi­nar­si e influi­re. Qua­si quat­tro milio­ni solo in Ita­lia, ottan­ta in tut­ta Europa.

È arri­va­to il momen­to di libe­ra­re quel­la diver­si­tà in potenza.

Lasciar­la libe­ra di esse­re, tran­si­ta­re, vivere.

Que­sto lo spi­ri­to del docu­men­to, un inno pra­ti­co alla libertà. 

Sce­vra del­la visio­ne dia­gno­sti­ca di una man­can­za. Pie­na del­la visio­ne futu­ra del­la possibilità. 

Di vede­re il mon­do da una pro­spet­ti­va diver­sa. Di poter da lì atte­sta­re la pro­pria esi­sten­za. Di poter esi­ge­re dirit­ti. Di poter adem­pie­re ai dove­ri. Indi­pen­den­te­men­te. Eser­ci­ta­re liber­tà in libertà.

Non è così scon­ta­to. Nem­me­no nel due­mi­la­quin­di­ci, quan­do sono alme­no tre decen­ni che si par­la di abbat­te­re bat­te­rie archi­tet­to­ni­che. Qua­si trent’anni fa si obbli­ga­va­no i Comu­ni e le pro­vin­ce a met­te­re in pra­ti­ca entro un anno un pia­no fina­liz­za­to a que­sto sco­po. Ma quel pia­no resta anco­ra trop­po spes­so un oscu­ro acro­ni­mo e gli osta­co­li resta­no osta­co­li. Quan­do anco­ra non tut­ti i libri sono leg­gi­bi­li con le mani, i sema­fo­ri non ascol­ta­bi­li, i mez­zi di tra­spor­to affer­ra­bi­li, le scuo­le frequentabili.

Eppu­re, sot­to la col­tre di pre­giu­di­zi impol­ve­ra­ti e luo­ghi comu­ni anti­chi, vedia­mo l’orizzonte di un modo diver­so, di un mon­do nuo­vo. Con meno sca­le ripi­de e più ram­pe dol­ci. Dove ognu­no, da solo, può decli­na­re ciò che vuo­le esse­re e come. Curan­do la pro­pria indi­pen­den­za per meglio svi­lup­pa­re la pro­pria interdipendenza.

E far­lo in Pos­si­bi­le, che ha l’uguale nel sim­bo­lo & i dirit­ti nel san­gue, ancor più ora che in pie­no con­gres­so rice­ve que­sto docu­men­to e dimo­stra che:

“I dirit­ti civi­li sono in sostan­za i dirit­ti degli altri.”

Sono le paro­le che quarant’anni esat­ti fa avreb­be dovu­to pro­nun­cia­re Pier Pao­lo Paso­li­ni ad un con­gres­so di un par­ti­to poli­ti­co, ma quel discor­so che scris­se non lo fece per­ché lo ammaz­za­ro­no subi­to prima.

Ci pia­ce abbat­te­re in que­ste quat­tro righe anche que­sti quarant’anni e far­lo nostro, pro­nun­cian­do­lo e por­tan­do­lo così, nel nostro congresso.

È pos­si­bi­le, anzi cer­to, che pia­ce­reb­be a lui come a voi, anzi, ugual­men­te a tut­te e tut­ti noi

 

Valen­ti­na Tafu­ni, Sonia Veres, Ema­nue­le Cur­rò, David Toz­zo, Maria Ven­dit­ti, Bea­tri­ce Brignone 

 

Valen­ti­na ha ven­ti­tré anni. È nata impa­zien­te, tre mesi pri­ma del tem­po, il gior­no dopo del­la stra­ge di Via D’Amelio. La sua fret­ta non è sta­ta com­pre­sa, e le è val­sa una sedia a rotel­le. Ma la con­si­de­ra una for­tu­na, per­ché quell’impazienza l’accompagna anco­ra nel­la voglia di gira­re il mon­do e cambiarlo.

Sonia ha tren­ta­tré anni, geno­ve­se, da tre vive a Peschie­ra Bor­ro­meo e lavo­ra a Mila­no in un Cen­tro Cli­ni­co per malat­tie neu­ro­mu­sco­la­ri (NEMO); spo­sa­ta da 2 anni con Fran­ce­sco (cono­sciu­to negli anni in cui Sonia pra­ti­ca­va hoc­key in car­roz­zi­na anche in Nazionale)

Ema­nue­le è para­ple­gi­co in segui­to ad una pro­gres­si­va lesio­ne midol­la­re arre­sta­ta nel 2004. Rior­di­na le prio­ri­tà nel­la pro­pria vita ritor­nan­do a fare sport acqua­ti­ci e occu­par­si di arte come sto­ry­tel­ler tra scrit­tu­ra e musi­ca. Si lau­rea e lavo­ra come musi­co­te­ra­pi­sta e gra­fi­co ma soprat­tut­to diven­ta feli­ce­men­te padre di due mera­vi­glio­se creature

David sco­pre la sua disa­bi­li­tà visi­va un cen­ti­na­io di mesi fa. Come vedia­mo, non s’è anco­ra arreso

Maria vive in Cam­pa­nia cir­con­da­ta dal­l’af­fet­to del­la fami­glia allar­ga­ta. Si  occu­pa di inno­va­zio­ne  socia­le, del­la coo­pe­ra­zio­ne e del­l’as­so­cia­zio­ni­smo con una atten­zio­ne par­ti­co­la­re alla pro­mo­zio­ne del­le poli­ti­che vol­te alle pari oppor­tu­ni­tà e all’empowerment.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.