250mila metri cubi di “gretinate” stanno collassando su Courmayeur

Le conseguenze dell'emergenza climatica sono sempre più evidenti e sempre più evidente è che non stiamo parlando di un "capriccio da ecologisti", ma di una vera e propria minaccia che rischia di travolgere tutti quanti, a partire dalla specie umana. Ecco perché abbiamo una “cartellina verde” di misure possibili e necessarie per un governo del cambiamento climatico.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]250 mila metri cubi. È que­sta la mas­sa di ghiac­cio che rischia di col­las­sa­re ver­so l’a­bi­ta­to di Cour­mayeur. A dare l’al­lar­me sono sta­te le strut­tu­re tec­ni­che del­la Regio­ne Val­le D’Ao­sta e la Fon­da­zio­ne Mon­ta­gna Sicu­ra. Entram­bi gli isti­tu­ti han­no regi­stra­to una for­te acce­le­ra­zio­ne nel­lo sci­vo­la­men­to del ghiac­cia­io Plan­pin­cieux, che ha rag­giun­to la velo­ci­tà di 50–60 cen­ti­me­tri al giorno.

Per que­ste ragio­ni, l’am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le ha dispo­sto un’or­di­nan­za che vie­ta l’ac­ces­so nel­le zone a rischio e la con­te­stua­le eva­cua­zio­ne del­le medesime. 

«Abbia­mo dovu­to adot­ta­re tali misu­re — ha spie­ga­to il sin­da­co Ste­fa­no Mise­roc­chi — poi­ché lo sce­na­rio di even­tua­le cadu­ta del­la por­zio­ne di ghiac­cia­io inte­res­sa que­sta vol­ta il fon­do val­le antro­piz­za­to. Tali feno­me­ni testi­mo­nia­no anco­ra una vol­ta come la mon­ta­gna sia in una fase di for­te cam­bia­men­to dovu­to ai fat­to­ri cli­ma­ti­ci, per­tan­to è par­ti­co­lar­men­te vul­ne­ra­bi­le. Nel­la fat­ti­spe­cie si trat­ta di un ghiac­cia­io tem­pe­ra­to par­ti­co­lar­men­te sen­si­bi­le alle ele­va­te temperature».

Nel­la stes­sa val­le, il 7 ago­sto scor­so un even­to fra­no­so ave­va cau­sa­to la mor­te di due turi­sti, tra­vol­ti a val­le nel­la loro auto. E come scor­da­re l’al­lu­vio­ne “sen­za piog­ge” che ha tra­vol­to Zer­matt a luglio. Per non par­la­re del moni­to­rag­gio ser­ra­to a cui è sot­to­po­sto il Cer­vi­no a rischio crol­lo e le coper­tu­re per ral­len­ta­re lo scio­gli­men­to del ghiac­cia­io del Pre­se­na

«Mi sen­to “gre­ti­no”ha scrit­to Luca Mer­cal­li a segui­to del­la sua ulti­ma ope­ra­zio­ne di rilie­vo — per­ché anche que­st’an­no sul ghiac­cia­io Ciar­do­ney (Gran Para­di­so), che osser­vo da tren­ta­tré anni, ho misu­ra­to 1,7 metri di per­di­ta di spessore».

Quel­la di ghiac­ciai e mon­ta­gne, ele­men­ti appa­ren­te­men­te immu­ta­bi­li ma in real­tà in con­ti­nuo cam­bia­men­to e movi­men­to, è una con­di­zio­ne di gran­de fra­gi­li­tà di fron­te all’emergenza cli­ma­ti­ca e all’innalzamento del­le tem­pe­ra­tu­re. Si sciol­go­no i ghiac­ciai, che per­do­no esten­sio­ne e spes­so­re, ma si scio­glie anche il “per­ma­fro­st”, il ghiac­cio peren­ne che tie­ne insie­me le rocce. 

Que­sto signi­fi­ca che le con­se­guen­ze non arri­ve­ran­no nel 2050, e nem­me­no nel 2030: signi­fi­ca che oggi le mon­ta­gne sono meno sicu­re per le per­so­ne, gli abi­ta­ti e per l’intero eco­si­ste­ma. Signi­fi­ca che oggi chiu­dia­mo stra­de ed eva­cuia­mo aree urba­niz­za­te e valu­tia­mo la chiu­su­ra dei sen­tie­ri alpi­ni. Signi­fi­ca che oggi sono minac­cia­te le risor­se idri­che e l’equilibrio del­le comu­ni­tà alpine.

Le con­se­guen­ze del­l’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca sono sem­pre più evi­den­ti e sem­pre più evi­den­te è che non stia­mo par­lan­do di un “capric­cio da eco­lo­gi­sti”, ma di una vera e pro­pria minac­cia che rischia di tra­vol­ge­re tut­ti quan­ti, a par­ti­re dal­la spe­cie uma­naEcco per­ché abbia­mo una “car­tel­li­na ver­de” di misu­re pos­si­bi­li e neces­sa­rie per un gover­no del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co.

Ste­fa­no Catone

Fran­ce­sca Druetti[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.