Violenza donne, Brignone: Solo in Italia chi denuncia viene criticata

#

“Il riconoscimento di ‘Time’ come Persona dell’Anno alle donne che denunciano le molestie, attraverso il movimento #metoo, conferma che sta avvenendo un fatto epocale, di grande rilievo prima di tutto culturale. Purtroppo, però, questo successo internazionale ha una declinazione molto provinciale nel nostro Paese: chi denuncia in Italia viene vista con fastidio, alla stregua di qualche maleducata che vuole sporcare l’immagine di registi affermati. Un approccio che noi di Possibile abbiamo contrastato, e continueremo a farlo, con una impegno soprattutto culturale”. Lo dichiara la deputata di Possibile ed esponente di Liberi e Uguali, Beatrice Brignone, commentando la decisione della rivista statunitense.

“In Italia – ricorda Brignone – migliaia di donne hanno aderito a una campagna molto simile a #metoo, come quella lanciata dalla giornalista Giulia Blasi con l’hashtag #quellavoltache. Ma da noi nessuno se ne cura: con la politica che continua a voltarsi dall’altra parte: è introvabile qualsiasi dichiarazione di sostegno”.

  • 129
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati