Una volta per tutte: fate votare noi fuorisede

Non so se il fatto di far votare migliaia di cittadini fuori sede potrebbe spostare l’ago della bilancia e le sorti politiche e sociali dell’Italia, ma sono convinta che a partire dal giorno successivo alle elezioni verrebbero abbattute moltissime credenze cristallizzate sui giovani. Una su tutti, che non andiamo a votare perché siamo disinteressati.

Sul­la mia tes­se­ra elet­to­ra­le ci sono diver­si tim­bri. Da quan­do l’ho rice­vu­ta nel 2012, ho sem­pre vota­to. Negli ulti­mi anni però è diven­ta­to sem­pre più dif­fi­ci­le far­lo. Da quat­tro anni vivo lon­ta­no dal­la mia cit­tà. Stu­dio e lavo­ro in un’altra regio­ne, ma ho la resi­den­za nel­la mia vec­chia casa. Ho cono­sciu­to per­so­ne che vive­va­no in Cala­bria, Sici­lia, Sar­de­gna, Lom­bar­dia, Pie­mon­te e che sta­va­no stu­dian­do in un’altra cit­tà, in un’altra Regio­ne e che, come me, non ave­va­no cam­bia­to la pro­pria resi­den­za. Da qual­che anno, il pen­sie­ro di dover vota­re mi crea ansia. Come a tut­ti i miei ami­ci ed ami­che. Sape­re di dover scen­de­re a casa signi­fi­ca ini­zia­re a par­la­re con altri ragaz­zi e ragaz­ze di sol­di, e non di idee. Si ini­zia­no a fare i con­ti, a cer­ca­re le offer­te miglio­ri dei tre­ni, gli scon­ti, i flix­bus, le ore di viag­gio, le con­di­vi­sio­ni del­le auto per divi­der­si auto­stra­da e ben­zi­na, il dover inca­stra­re lo stu­dio, i per­mes­si da lavo­ro, per non par­la­re del­le ses­sio­ni uni­ver­si­ta­rie. Alla fine, ecco che spun­ta­no, o meglio, rie­mer­go­no, le dif­fe­ren­ze. Chi ha una fami­glia in gra­do di finan­zia­re tor­na; chi abi­ta in una cit­tà ben col­le­ga­ta tor­na; chi abi­ta a pochi km da casa tor­na. Chi non ha sol­di, chi vive in pic­co­li pae­si, in cit­tà lon­ta­ne 400 km, nel­le iso­le o dall’altra par­te dell’Italia no. Il tut­to con­di­to da sen­si di col­pa per­ché non si voglio­no chie­de­re sol­di ai geni­to­ri, e per­ché sap­pia­mo che stia­mo facen­do un tor­to a noi stes­si. Il dirit­to al voto insom­ma, vie­ne eser­ci­ta­to da chi ha un pri­vi­le­gio. Pri­vi­le­gio che vie­ne man­te­nu­to e legit­ti­ma­to, e non deco­strui­to. “Ma sì – spes­so si chio­sa – gli scon­ti ci sono”. Ci sono, ma le per­cen­tua­li sono mini­me e spes­so sono appli­ca­ti su for­mu­le spe­ci­fi­che gene­ral­men­te a prez­zo pie­no e solo “se rien­tri nel wee­kend”. La Costi­tu­zio­ne san­ci­sce il dirit­to al voto, e ne defi­ni­sce l’esercizio come dove­re civi­co. Il dirit­to al voto non può esse­re limi­ta­to se non per inca­pa­ci­tà civi­le, per effet­to di sen­ten­ze pena­li irre­vo­ca­bi­li o nei casi di inde­gni­tà mora­le indi­ca­ti dal­la leg­ge. Eppu­re il mio dirit­to è limi­ta­to ecco­me. Da pro­ble­mi eco­no­mi­ci e strut­tu­ra­li. Citan­do anco­ra, “è com­pi­to del­la Repub­bli­ca rimuo­ve­re gli osta­co­li di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le, che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’e­gua­glian­za dei cit­ta­di­ni, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na e l’ef­fet­ti­va par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti i lavo­ra­to­ri all’or­ga­niz­za­zio­ne poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e socia­le del Pae­se “. Gli osta­co­li di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le non sono rimos­si. Sono ben pre­sen­ti, ma anche ade­gua­ta­men­te nasco­sti. Per­ché se il non par­la­re di qual­co­sa non fa scom­pa­ri­re il pro­ble­ma, sicu­ra­men­te evi­ta di pro­ble­ma­tiz­zar­lo; la com­ples­si­tà vie­ne eli­mi­na­ta. Con l’arrivo del coro­na­vi­rus è suc­ces­so qual­co­sa di enor­me. E si è visto come gli spo­sta­men­ti pos­sa­no esse­re vei­co­li di con­ta­gio. Eppu­re, con le Regio­na­li distan­ti poco più di un mese, non si rie­sce a pen­sa­re che sì, anche il pro­ble­ma del voto fuo­ri­se­de esi­ste.   Gli under 30 non han­no pra­ti­ca­men­te usu­frui­to di alcun bonus. Chi lavo­ra­va come sta­gi­sta o tiro­ci­nan­te non ha visto un mini­mo aiu­to eco­no­mi­co. Gli affit­ti non sono sta­ti sospe­si nono­stan­te mol­ti non stes­se­ro usu­fruen­do del­la casa duran­te la qua­ran­te­na. I geni­to­ri han­no per­so il lavo­ro, sono in cas­sa inte­gra­zio­ne, han­no chiu­so nego­zi, han­no richie­sto bonus e aiu­ti. Insom­ma, sono comun­que un po’ più pove­ri di pri­ma. Mi chie­do con qua­le corag­gio ci si aspet­ti che chie­de­re­mo sol­di ai geni­to­ri per scen­de­re due gior­ni e vota­re. Pro­ba­bil­men­te non lo fare­mo. Pro­ba­bil­men­te non vote­re­mo. Pro­ba­bil­men­te lasce­re­mo deci­de­re gli altri e le altre. Ed è una cosa dram­ma­ti­ca per una Demo­cra­zia. Se in que­sto perio­do alcu­ne que­stio­ni sono sta­te sol­le­va­te e rese visi­bi­li, quel­la del voto è rima­sta som­mes­sa­men­te sot­to il tap­pe­to. Se i luo­ghi di lavo­ro han­no sco­per­to lo smart-wor­king (con tut­ti i suoi pro e con­tro, inten­dia­mo­ci), non si è nean­che ini­zia­to a pen­sa­re ad una moda­li­tà alter­na­ti­va di voto Tra un mese i tre­ni avran­no anco­ra meno posti dispo­ni­bi­li, i bus con­ti­nue­ran­no a tene­re il distan­zia­men­to, ci saran­no gli stes­si pro­ble­mi nei col­le­ga­men­ti, si rischie­rà comun­que di tra­spor­ta­re il virus, ci saran­no pro­ba­bil­men­te assem­bra­men­ti davan­ti alle urne e tem­pi dila­ta­ti ma dopo­tut­to, il dirit­to al voto è un pro­ble­ma secon­da­rio. Anzi, è pro­prio un pro­ble­ma in sé pen­sa­re di modi­fi­ca­re il siste­ma elet­to­ra­le per qual­che stu­den­te o per qual­che lavoratore/trice, quin­di, fac­cia­mo così: non par­lia­mo­ne, e nes­su­no se ne accor­ge­rà. Dopo­tut­to, lo sta­tus quo va pre­ser­va­to.  Allo­ra, per favo­re, dicia­mo­lo. Il pro­ble­ma sono i gio­va­ni, che quan­do par­la­no, mani­fe­sta­no, si fan­no sen­ti­re e vede­re dan­no fasti­dio. Non sono con­trol­la­bi­li e, secon­do la nar­ra­zio­ne domi­nan­te, sono fan­nul­lo­ni e poco inte­res­sa­ti alla vita poli­ti­ca. In real­tà sia­mo mol­to inte­res­sa­ti, sia­mo pie­ni di idee, di com­ples­si­tà, di uma­ni­tà, di voglia di fare e di pen­sa­re. Sem­pli­ce­men­te for­se, ini­zia­mo ad esse­re stan­chi di sgo­mi­ta­re per pren­de­re uno spa­zio che ci spet­te­reb­be ma che è sem­pre più pic­co­lo e che dob­bia­mo per giun­ta divi­der­ci, il tut­to cer­can­do di appa­ri­re doci­li, calmi/e e grati/e per il trat­ta­men­to riser­va­to­ci. Gli under 30 sono la fascia più pre­ca­ria e meno con­si­de­ra­ta del­la socie­tà. Nono­stan­te si sen­ta par­la­re indi­stin­ta­men­te dei gio­va­ni e ci si riem­pia la boc­ca di misu­re eco­no­mi­che per favo­rir­li, que­sti gio­va­ni sono sem­pre il con­te­nu­to del discor­so, mai gli ora­to­ri. Il pri­vi­le­gio del­la gene­ra­zio­ne pre­ce­den­te non vie­ne rico­no­sciu­to e di con­se­guen­za, è per­pe­tra­to sen­za esse­re mai mes­so in discus­sio­ne. Si par­la sem­pre sui gio­va­ni, e quel mega­fo­no attra­ver­so cui si fan­no pro­cla­mi non vie­ne mai pas­sa­to a noi, ma vie­ne sem­pre usa­to per urlar­ci con­tro. Quan­do si trat­ta di vota­re, di far vale­re il nostro pen­sie­ro, di espri­me­re un’opinione, di crea­re una rap­pre­sen­tan­za che pos­sa dav­ve­ro soste­ne­re le nostre istan­ze, la nostra voce diven­ta afo­na, e i discor­si su di noi arri­va­no ad eli­mi­na­re le nar­ra­zio­ni del­le dif­fi­col­tà lega­te agli spo­sta­men­ti e all’economia. “Ades­so fate lavo­ra­re i gran­di, ci pen­sia­mo noi”. E intan­to i pro­ble­mi che ci sono sem­pre sta­ti con­ti­nua­no ad esi­ste­re e non spa­ri­sco­no. Spa­ri­sco­no le nostre voci, i nostri inten­ti, i nostri desi­de­ri, i nostri sol­di e il nostro tem­po. Per­ché in fon­do, lo sta­tus quo pia­ce e ci ras­si­cu­ra, in tut­te le sue for­me e in tut­te le sue con­trad­di­zio­ni. A nien­te sono ser­vi­ti in que­sti anni le richie­ste degli stu­den­ti e del­le stu­den­tes­se che han­no pro­va­to a far sen­ti­re quan­to il dover vota­re nel­la pro­pria cit­tà di resi­den­za sia una moda­li­tà arcai­ca e discri­mi­na­to­ria, oltre che clas­si­sta. Chi vive all’estero può vota­re, chi è in ospe­da­le può vota­re, chi si tro­va in un’altra cit­tà, in Ita­lia, non può. E guar­da caso, quest’ultima cate­go­ria fa spes­so rife­ri­men­to a quel­la fascia di ragaz­zi e ragaz­ze che potreb­be modi­fi­ca­re gli equi­li­bri poli­ti­ci. Non so se il fat­to di far vota­re miglia­ia di cit­ta­di­ni fuo­ri sede potreb­be spo­sta­re l’ago del­la bilan­cia e le sor­ti poli­ti­che e socia­li dell’Italia, ma sono con­vin­ta che a par­ti­re dal gior­no suc­ces­si­vo alle ele­zio­ni ver­reb­be­ro abbat­tu­te mol­tis­si­me cre­den­ze cri­stal­liz­za­te sui gio­va­ni. Una su tut­ti, che non andia­mo a vota­re per­ché sia­mo disin­te­res­sa­ti. Oli­via Bruni

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.