Una politica a misura di bambino e bambina

Non è una richiesta nuova, ma è diventata ancora più urgente e necessaria dopo che abbiamo conosciuto il mondo durante il lockdown. Bambini e bambine, ragazze e ragazzi devono essere la nostra priorità, sotto ogni punto di vista. 

Non è una richie­sta nuo­va, ma è diven­ta­ta anco­ra più urgen­te e neces­sa­ria dopo che abbia­mo cono­sciu­to il mon­do duran­te il loc­k­do­wn. Bam­bi­ni e bam­bi­ne, ragaz­ze e ragaz­zi devo­no esse­re la nostra prio­ri­tà, sot­to ogni pun­to di vista In rela­zio­ne alla pan­de­mia e alle misu­re per il con­te­ni­men­to del con­ta­gio, le quat­tro aree di par­ti­co­la­re pre­oc­cu­pa­zio­ne per quan­to riguar­da l’infanzia e l’adolescenza sono sta­te mes­se a fuo­co dal rap­por­to dell’ONU “L’impatto del COVID-19 sui bam­bi­ni” (15 apri­le 2020): 

  • aumen­to del­la pover­tà;
  • cri­si edu­ca­ti­va;
  • cri­si sani­ta­ria (con la ridu­zio­ne dell’accesso a un’assistenza sani­ta­ria di qua­li­tà e l’aumento del­la mor­ta­li­tà infantile);
  • sicu­rez­za (per le vit­ti­me di abu­si dome­sti­ci “resta­re a casa”, come è sta­to neces­sa­rio fare duran­te la qua­ran­te­na, è tutt’altro che sicuro). 

Natu­ral­men­te, sap­pia­mo che a paga­re il prez­zo più alto sono anco­ra una vol­ta i più vul­ne­ra­bi­li, dal pun­to di vista eco­no­mi­co e non solo: l’Istat ci dice che in Ita­lia 1 per­so­na su 4 vive in con­di­zio­ne di sovraf­fol­la­men­to abi­ta­ti­vo, men­tre se si con­si­de­ra­no solo i mino­ri la per­cen­tua­le è del 41,9%; solo nel 22,2% del­le fami­glie ogni com­po­nen­te ha a dispo­si­zio­ne un sup­por­to come pc o tablet; anche dove fos­se pos­si­bi­le seguir­la, la didat­ti­ca a distan­za non è suf­fi­cien­te­men­te inclu­si­va o effi­ca­ce per i ragaz­zi con disa­bi­li­tà o dif­fi­col­tà dell’apprendimento; l’interruzione di per­cor­si e inter­ven­ti ria­bi­li­ta­ti­vi come la psi­co­mo­tri­ci­tà inci­de enor­me­men­te sul­lo svi­lup­po e sul benes­se­re dei bam­bi­ni. Più in gene­ra­le, le con­se­guen­ze del­la pro­lun­ga­ta man­can­za di inte­ra­zio­ni e di socia­liz­za­zio­ne han­no un impat­to sul­lo svi­lup­po dei mino­ri e sul­la salu­te psi­co­lo­gi­ca che va neces­sa­ria­men­te pre­so in con­si­de­ra­zio­ne. A mar­zo 2020, l’89% degli stu­den­ti mon­dia­li era a casa da scuo­la nel rispet­to del­le misu­re di con­te­ni­men­to del­la pan­de­mia: cir­ca 1.54 miliar­di, di cui 743 milio­ni di ragaz­ze, su cui la chiu­su­ra del­le scuo­le ha un impat­to anco­ra più imme­dia­to e pesan­te. Basan­do­si sull’osservazione del­le pre­ce­den­ti epi­de­mie (come l’Ebola), l’Unesco sot­to­li­nea come sia­no neces­sa­rie misu­re basa­te su:

  • coin­vol­gi­men­to di inse­gnan­ti e comu­ni­tà;
  • fles­si­bi­li­tà del­la didat­ti­ca a distan­za (tenen­do con­to e ridu­cen­do dove pos­si­bi­le il digi­tal divi­de, sul cui supe­ra­men­to è neces­sa­rio inve­sti­re con pia­ni a lun­go termine);
  • inse­ri­men­to del­la que­stio­ne di gene­re nel­lo stu­dio del­le misu­re (sia per quan­to riguar­da i mino­ri, sia per quan­to riguar­da i geni­to­ri: la pan­de­mia e la cri­si eco­no­mi­ca han­no un impat­to mag­gio­re sul­le donne); 
  • inclu­sio­ne del pun­to di vista dei ragaz­zi e del­le ragaz­ze nel­lo svi­lup­po del­le stra­te­gie, basan­do­si sul­le loro espe­rien­ze e bisogni;
  • ero­ga­zio­ne di misu­re di soste­gno socia­le;
  • ria­per­tu­ra del­le scuo­le dav­ve­ro per tut­ti, per evi­ta­re la disper­sio­ne sco­la­sti­ca con­nes­sa all’interruzione dell’anno. 

Si trat­ta di azio­ni che avreb­be­ro dovu­to esse­re mes­se in cam­po duran­te la pan­de­mia, nei mesi di loc­k­do­wn che avreb­be­ro dovu­to ser­vi­re a pro­get­ta­re la fase suc­ces­si­va. Inve­ce infan­zia e ado­le­scen­za sono scom­par­se dall’orizzonte, se non in rela­zio­ne alle esi­gen­ze lavo­ra­ti­ve dei geni­to­ri, o han­no fat­to un’apparizione in dibat­ti­ti imba­raz­zan­ti come quel­lo lega­to alla fami­ge­ra­ta “pas­seg­gia­ta geni­to­ri-figli”, rego­la­ta a col­pi di decre­ti, ordi­nan­ze loca­li, FAQ. La voce e le esi­gen­ze di bam­bi­ni e ragaz­zi sono sta­te can­cel­la­te, ren­den­do­li le “vit­ti­me igno­ra­te dell’emergenza”, come ha scrit­to Fran­ce­sca Man­noc­chi su l’Espresso e come è sta­to sot­to­li­nea­to anche da Tizia­na Meti­tie­ri su Vali­gia Blu Pro­prio per dare risal­to a quel­le voci abbia­mo lan­cia­to la cam­pa­gna sul­la #qua­ran­te­na­dei­pic­co­li, rac­co­glien­do le sto­rie di chi vede­va pas­sa­re i gior­ni sen­za che ci fos­se chia­rez­za sul­la Fase 1, figu­ria­mo­ci sull’emergere di una stra­te­gia per la Fase 2.  In paral­le­lo, abbia­mo chie­sto che si pren­des­se atto dell’esistenza di un’emergenza edu­ca­ti­va, oltre a quel­la sani­ta­ria. Emer­gen­za che, come ha spie­ga­to il mate­ma­ti­co Ste­fa­no Mer­ler a Il Mani­fe­sto, è sta­ta mes­sa in secon­do pia­no rispet­to ad altre valu­ta­zio­ni. Mer­ler, che diri­ge l’unità che ha for­ni­to al gover­no le ana­li­si dei dati e gli sce­na­ri per la fase 2, ripor­ta che non gli è sta­to chie­sto “di veri­fi­ca­re cosa sareb­be suc­ces­so apren­do solo alcu­ni livel­li, anche se i dati per­met­to­no di dif­fe­ren­zia­re il livel­lo di suscet­ti­bi­li­tà nel­le varie fasce d’età. Ma a noi è sta­to chie­sto espli­ci­ta­men­te di con­cen­trar­ci sul mon­do eco­no­mi­co: la prio­ri­tà era quel­la. […] Il pro­ble­ma è che ria­pren­do le scuo­le si ridu­ce il mar­gi­ne di mano­vra per gli altri set­to­ri eco­no­mi­ci”.  Le ria­per­tu­re devo­no rispon­de­re ai cri­te­ri di sicu­rez­za sani­ta­ria e alle esi­gen­ze edu­ca­ti­ve e di socia­liz­za­zio­ne di bam­bi­ni e ragaz­zi, non alla neces­si­tà di tor­na­re for­za­ta­men­te a una “nor­ma­li­tà” che non abbia­mo pre­pa­ra­to e non pos­sia­mo improv­vi­sa­re. Men­tre il Gover­no deve tene­re con­to del­le dif­fi­col­tà, anche eco­no­mi­che, del­le fami­glie, il benes­se­re emo­ti­vo e psi­co­lo­gi­co dei mino­ri non può esse­re discus­so solo in que­sti ter­mi­ni. Qual­sia­si stra­te­gia che riguar­di infan­zia e ado­le­scen­za dovrà basar­si su una visio­ne d’insieme del­la situa­zio­ne e del­le linee gui­da che abbia­mo rias­sun­to. È neces­sa­rio valu­ta­re l’impatto dei mesi di iso­la­men­to e inter­ru­zio­ne del­le atti­vi­tà, pre­ve­den­do un rein­se­ri­men­to e un soste­gno per chi ne aves­se biso­gno o chi ne faces­se richie­sta.   I con­tri­bu­ti eco­no­mi­ci una tan­tum, come il “bonus baby­sit­ter”, appli­ca­bi­li in una situa­zio­ne di emer­gen­za limi­ta­ta nel tem­po, devo­no lascia­re il posto a un ripen­sa­men­to del siste­ma di wel­fa­re nel nostro pae­se, che vada ad agi­re sul­le disu­gua­glian­ze in modo effi­ca­ce e inci­si­vo: secon­do lo stu­dio appe­na pub­bli­ca­to da Save the Chil­dren e UNICEF, entro la fine del 2020 il nume­ro dei bam­bi­ni in situa­zio­ne di pover­tà potreb­be aumen­ta­re del 15%, arri­van­do a 672 milio­ni.  Non pos­sia­mo più riman­da­re a un futu­ro vago la neces­si­tà di col­ma­re il digi­tal divi­de: men­tre è diven­ta­to chia­ro che la didat­ti­ca a distan­za non può sosti­tui­re la scuo­la, non pos­sia­mo igno­ra­re le dif­fi­col­tà a cui han­no dovu­to sop­pe­ri­re geni­to­ri e inse­gnan­ti nell’attivarla e nel far­la fun­zio­na­re. La Comu­ni­tà di Sant’Egidio ha con­dot­to uno stu­dio sul­le scuo­le roma­ne da cui è risul­ta­to che il 61% dei bam­bi­ni dai 6 ai 10 anni non ha segui­to lezio­ni onli­ne. Sono dati che ci dico­no che, nono­stan­te gli sfor­zi com­piu­ti in que­sti mesi, non è suf­fi­cien­te, come rias­sun­to anche dal­la mozio­ne “Rida­te­ci la scuo­la, che sot­to­scri­via­mo e invi­tia­mo a por­ta­re nei vostri Comu­ni e Regio­ni.  Men­tre la qua­ran­te­na dei pic­co­li è ter­mi­na­ta, alme­no sul­la car­ta e tra mil­le limi­ta­zio­ni, non pos­sia­mo per­met­ter­ci di lascia­re indie­tro, anco­ra in loc­k­do­wn, il dirit­to all’istruzione e all’infanzia.  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.