Un sostegno a Possibile, contro l’intreccio fra soldi e politica

La vicen­da riguar­dan­te lo sta­dio del­la Roma che occu­pa le cro­na­che giu­di­zia­rie di que­sti gior­ni segui­rà il suo cor­so in tri­bu­na­le e non toc­ca a chi ne leg­ge espri­me­re giu­di­zi. Se una cosa però si può dire, riguar­da il rap­por­to tra la poli­ti­ca e i sol­di.

Nel­la Pri­ma Repub­bli­ca era­no i par­ti­ti a spar­tir­si le maxi­tan­gen­ti e il finan­zia­men­to pub­bli­co toc­ca­va livel­li paros­si­sti­ci, oggi il finan­zia­men­to pub­bli­co non c’è più ma non ci sono più nem­me­no i par­ti­ti, inte­si in quel sen­so lì, ci sono solo lea­der di ogni cabo­tag­gio e un tizio igno­to ai più può ritro­var­si da un gior­no all’al­tro a pas­sa­re dal­lo sta­tus di pro­fes­so­re a quel­lo di pre­si­den­te del con­si­glio. La sele­zio­ne del­la clas­se diri­gen­te emer­ge sen­za cri­te­ri poli­ti­ci e sen­za misu­rar­si col con­sen­so popo­la­re, ma per filo­ni per­so­na­li a vol­te anche for­tui­ti, in cui ognu­no capi­ta­liz­za — let­te­ral­men­te — costi­tuen­do fon­da­zio­ni e con­te­ni­to­ri per rac­co­glie­re risor­se per se e sen­za fil­tri. Acce­do­no a posi­zio­ni di respon­sa­bi­li­tà per­so­ne che, anche cre­den­do alla buo­na fede, non sono strut­tu­ra­te — e non mili­ta­no in strut­tu­re ade­gua­te a con­trol­lar­le — per rap­por­tar­si con mon­di eco­no­mi­ci che han­no inte­res­se a con­di­zio­nar­ne l’o­pe­ra­to, che non è più quin­di a dife­sa del­l’in­te­res­se di tut­ti o del pro­prio elet­to­ra­to, ma solo di qualcuno.

Il pro­ble­ma di una clas­se diri­gen­te for­ma­ta­si con que­sto tipo di pro­fi­lo a tut­ti i livel­li, dal con­si­glie­re di Muni­ci­pio fino al can­di­da­to pre­si­den­te del Con­si­glio, non è neces­sa­ria­men­te lega­le, ma cer­ta­men­te è sostan­zia­le. Fon­da­zio­ni per­so­na­li rac­col­go­no a vol­te milio­ni di euro sen­za esse­re tenu­te a ren­di­con­ta­re o a ren­de­re pub­bli­ci tut­ti i pro­pri dona­to­ri. Per la leg­ge è tut­to in rego­la, come se il col­le­ga­men­to tra chi rice­ve la dona­zio­ne e il suo ruo­lo poli­ti­co fos­se­ro scol­le­ga­ti, quan­do inve­ce sono col­le­ga­tis­si­mi. Con quei sol­di si orga­niz­za­no gran­di even­ti, si fan­no cam­pa­gne elet­to­ra­li farao­ni­che, si occu­pa­no i media, si orien­ta l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, o alme­no par­te di essa.

Alla fine, all’os­ser­va­to­re comu­ne resta una doman­da: per­ché qual­cu­no dovreb­be dare miglia­ia, deci­ne di miglia­ia, o cen­ti­na­ia di miglia­ia di euro per finan­zia­re un poli­ti­co? Per puro e disin­te­res­sa­to idea­le o per­ché si aspet­ta qual­co­sa in cam­bio? Ecco, è una doman­da che maga­ri non inte­res­sa gli inqui­ren­ti, ma resta legit­ti­ma per qual­sia­si cittadino.

Noi di Pos­si­bi­le abbia­mo sem­pre avver­sa­to le fol­li esa­ge­ra­zio­ni del finan­zia­men­to pub­bli­co pas­sa­to, ma abbia­mo anche da sem­pre chie­sto ai nostri soste­ni­to­ri un soste­gno per­so­na­le, tra­spa­ren­te, ren­di­con­ta­bi­le. Non abbia­mo mai appro­va­to l’u­so disin­vol­to del­le fon­da­zio­ni a uso per­so­na­le, e quin­di non ne abbia­mo mai fat­te. Abbia­mo scel­to di dar­ci un pro­fi­lo giu­ri­di­co rico­no­sciu­to dal­la leg­ge, quel­lo di par­ti­to, che ci obbli­ga a depo­si­ta­re alle auto­ri­tà pre­po­ste un bilan­cio com­ple­to e non reti­cen­te, in cui com­pa­io­no i sot­to­scrit­to­ri e i dona­to­ri. Un bilan­cio in cui i rim­bor­si spe­se sono giu­sti­fi­ca­ti fino all’ul­ti­mo scon­tri­no, che vie­ne rea­liz­za­to da un impor­tan­te stu­dio di com­mer­cia­li­sti e che vie­ne poi rivi­sto da una socie­tà di revi­sio­ne, una del­le mag­gio­ri al mon­do. E che vie­ne poi mes­so in vota­zio­ne per l’ap­pro­va­zio­ne di tut­ti gli iscrit­ti. In un momen­to sto­ri­co in cui la prin­ci­pa­le for­za poli­ti­ca del pae­se sven­to­la la ban­die­ra del­l’o­ne­stà inciam­pan­do pro­prio sul pro­get­to che ave­va avver­sa­to in cam­pa­gna elet­to­ra­le, quel­lo del nuo­vo sta­dio del­la Capi­ta­le, e riven­di­ca qua­si con orgo­glio il suo non esse­re un par­ti­to, ripro­po­nen­do a ogni tur­no elet­to­ra­le casi di rim­bor­si e ver­sa­men­ti fal­si­fi­ca­ti, ci per­met­tia­mo di riven­di­ca­re di aver fat­to una scel­ta diver­sa, e difficile.

In un momen­to in cui dal capet­to di quar­tie­re al Segre­ta­rio nazio­na­le di par­ti­to tut­ti si fan­no la loro bra­va fon­da­zio­ne per rac­co­glie­re fon­di a tito­lo per­so­na­le, noi uti­liz­zia­mo un solo cana­le, trac­cia­to e tra­spa­ren­te, e ne ren­dia­mo con­to.

Non pos­sia­mo dire di esser sta­ti pre­mia­ti, fin qui, dal­le nostre scel­te, il siste­ma pro­ce­de spe­di­to in un’al­tra dire­zio­ne e ver­so un esi­to che per noi è scon­ta­to, ma che pre­sto si rive­le­rà anche agli ita­lia­ni. Noi però andia­mo avan­ti lo stes­so, nel­lo stes­so modo, per­ché comun­que sia­mo con­vin­ti che sia giu­sto così. E se anche voi lo pen­sa­te vi chie­dia­mo di aiu­tar­ci, di dar­ci una mano a pro­se­gui­re le nostre cam­pa­gne — sul­la giu­sta paga, sul­l’an­ti­fa­sci­smo, sul­l’ac­co­glien­za, sul­la rivo­lu­zio­ne ver­de, solo per citar­ne alcu­ne — e a orga­niz­za­re i nostri appun­ta­men­ti — a par­ti­re da quel­lo con il Poli­ti­camp di Reg­gio Emi­lia il 6, 7 e 8 luglio — rin­no­van­do o effet­tuan­do l’i­scri­zio­ne a Pos­si­bi­le, per chi vuo­le, su https://www.possibile.com/tes­se­ra, o con una dona­zio­ne su https://www.possibile.com/sostie­ni.

Per­ché se quel che c’è non ci pia­ce, dob­bia­mo pro­va­re a costrui­re qual­co­sa di diverso.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.