Un freno necessario, per una questione di salute

E' così che il grande rottamatore, il grande stratega, il grande comunicatore, quello che avrebbe cambiato per sempre la politica italiana, è caduto. Ed è caduto male. Dopo due annetti. Un altro governicchio da prima o da seconda repubblica. Questa è la vera beffa. Il danno, invece, ce lo siamo risparmiati. E questo è il dato da cui ripartire.
Schermata-2016-09-23-alle-09.15.01

Sareb­be basta­ta la rifor­ma. Una revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le abbor­rac­cia­ta, con­trad­dit­to­ria, che non sem­pli­fi­ca­va i pro­ces­si legi­sla­ti­vi, non ridu­ce­va (posto che que­sto sia il com­pi­to di una rifor­ma costi­tu­zio­na­le) signi­fi­ca­ti­va­men­te i costi del­la poli­ti­ca, che aumen­ta­va il sol­co tra le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e quel­le ordi­na­rie, che avreb­be crea­to un sena­to di dopo­la­vo­ri­sti elet­ti­si tra loro che sareb­be costa­to il 90% dell’attuale.

Sareb­be basta­ta la rifor­ma, quin­di, per meri­ta­re una scon­fit­ta del gene­re. Ma si sa che il nostro (ex?) pre­mier e i suoi sche­ra­ni non sono gen­te da accon­ten­tar­si. Han­no per­ciò scel­to di accom­pa­gna­re que­sta rifor­ma a una cam­pa­gna che pro­ba­bil­men­te ricor­de­re­mo tra le peg­gio­ri del­la Sto­ria recen­te.
Non con­ten­to di aver spo­sta­to il giu­di­zio dal meri­to del­la rifor­ma al ple­bi­sci­to sul gover­no, il PD ha deci­so di met­te­re in cam­po una cam­pa­gna che non ha esi­ta­to a ricor­re­re a ogni bas­sez­za e a ogni argo­men­to cap­zio­so pre­sen­te sul manua­le del­la peg­gio­re poli­ti­ca. I mala­ti di can­cro e i bam­bi­ni dia­be­ti­ci che sareb­be­ro sta­ti cura­ti meglio, l’accozzaglia del no che si oppo­ne­va alla mar­cia trion­fa­le del­le magni­fi­che sor­ti e pro­gres­si­ve che ci avreb­be­ro rega­la­to i tre­ni che sareb­be­ro arri­va­ti in ora­rio, le bol­let­te che si sareb­be­ro abbas­sa­te e chi più ne ha più ne met­ta. Una cam­pa­gna che il magni­fi­co stra­te­ga ha basa­to sul lui con­tro tut­ti e tut­to (“o me o il sena­to”, “sono tut­ti con­tro di noi”, “la casta è tut­ta per il no”), un siste­ma media­ti­co total­men­te pro­no alla pro­pa­gan­da di Palaz­zo Chi­gi e ai wha­tsapp dei gran­di spin doc­tor che han­no dato let­te­ral­men­te i nume­ri rac­con­tan­do pri­ma un van­tag­gio smi­su­ra­to del Sì e poi come se nul­la fos­se la gran­de rimon­ta di quel­lo stes­so Sì con­tro l’accozzaglia del No. Negli ulti­mi gior­ni, poi, l’apoteosi: han­no chia­ma­to in cam­po sui social, di cui si riten­go­no i più gran­di cono­sci­to­ri, per­si­no le pagi­ne buon­gior­ni­ste e rac­cat­ta like, met­ten­do in cam­po per il Sì la Madon­na e Homer Simp­son, e gli hash­tag spon­so­riz­za­ti e ogni gene­re di pro­mo­zio­ne su cui lan­cia­re sol­di per­ché risol­ves­se­ro il pro­ble­ma. Per­ché con­tra­ria­men­te alle veli­ne di palaz­zo sta­va­no sen­ten­do tre­ma­re la ter­ra sot­to i pie­di, e da un bel po’. Nean­che la stra­te­gia del ter­ro­re ha fun­zio­na­to, appel­lar­si al peri­co­lo popu­li­sta, al dilu­vio, ha fun­zio­na­to. Nean­che gli arti­co­li tele­fo­na­ti sui troll gril­li­ni orga­niz­za­ti (dal­la moglie di Bru­net­ta, abbia­mo sco­per­to) han­no fun­zio­na­to, men­tre i loro troll orga­niz­za­tis­si­mi deri­de­va­no, scher­ni­va­no e bom­bar­da­va­no siste­ma­ti­ca­men­te qual­sia­si voce osas­se espri­mer­si con­tro il pen­sie­ro domi­nan­te. Fino a qual­che minu­to fa. Poi, ine­so­ra­bi­le, è piom­ba­ta su tut­ta que­sta invin­ci­bi­le arma­ta la sua vera uni­ca neme­si: la realtà.

E la real­tà è che al giu­di­zio fina­le “o me o il sena­to”, i cit­ta­di­ni ita­lia­ni han­no rispo­sto con estre­ma con­vin­zio­ne e a lar­ga mag­gio­ran­za “gra­zie, ci tenia­mo il sena­to”.

Ed è così che il gran­de rot­ta­ma­to­re, il gran­de stra­te­ga, il gran­de comu­ni­ca­to­re, quel­lo che avreb­be cam­bia­to per sem­pre la poli­ti­ca ita­lia­na, è cadu­to. Ed è cadu­to male. Dopo due annet­ti. Un altro gover­nic­chio da pri­ma o da secon­da repub­bli­ca. Que­sta è la vera bef­fa. Il dan­no, inve­ce, ce lo sia­mo rispar­mia­ti. E que­sto è il dato da cui ripar­ti­re. Con­sci che que­sta è mol­to più la scon­fit­ta del Sì che non la vit­to­ria del No, e al tem­po stes­so con­sa­pe­vo­li che si trat­ta di un dato che fa tira­re un sospi­ro di sol­lie­vo: a que­sto tsu­na­mi di hybris era neces­sa­rio met­te­re un fre­no, per un fat­to di salu­te, di igie­ne. E ora pre­pa­ria­mo gior­ni miglio­ri, il lavo­ro vero comin­cia doma­ni, è già cominciato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.