Un freno necessario, per una questione di salute

E' così che il grande rottamatore, il grande stratega, il grande comunicatore, quello che avrebbe cambiato per sempre la politica italiana, è caduto. Ed è caduto male. Dopo due annetti. Un altro governicchio da prima o da seconda repubblica. Questa è la vera beffa. Il danno, invece, ce lo siamo risparmiati. E questo è il dato da cui ripartire.

Sareb­be basta­ta la rifor­ma. Una revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le abbor­rac­cia­ta, con­trad­dit­to­ria, che non sem­pli­fi­ca­va i pro­ces­si legi­sla­ti­vi, non ridu­ce­va (posto che que­sto sia il com­pi­to di una rifor­ma costi­tu­zio­na­le) signi­fi­ca­ti­va­men­te i costi del­la poli­ti­ca, che aumen­ta­va il sol­co tra le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e quel­le ordi­na­rie, che avreb­be crea­to un sena­to di dopo­la­vo­ri­sti elet­ti­si tra loro che sareb­be costa­to il 90% dell’attuale.

Sareb­be basta­ta la rifor­ma, quin­di, per meri­ta­re una scon­fit­ta del gene­re. Ma si sa che il nostro (ex?) pre­mier e i suoi sche­ra­ni non sono gen­te da accon­ten­tar­si. Han­no per­ciò scel­to di accom­pa­gna­re que­sta rifor­ma a una cam­pa­gna che pro­ba­bil­men­te ricor­de­re­mo tra le peg­gio­ri del­la Sto­ria recen­te.
Non con­ten­to di aver spo­sta­to il giu­di­zio dal meri­to del­la rifor­ma al ple­bi­sci­to sul gover­no, il PD ha deci­so di met­te­re in cam­po una cam­pa­gna che non ha esi­ta­to a ricor­re­re a ogni bas­sez­za e a ogni argo­men­to cap­zio­so pre­sen­te sul manua­le del­la peg­gio­re poli­ti­ca. I mala­ti di can­cro e i bam­bi­ni dia­be­ti­ci che sareb­be­ro sta­ti cura­ti meglio, l’accozzaglia del no che si oppo­ne­va alla mar­cia trion­fa­le del­le magni­fi­che sor­ti e pro­gres­si­ve che ci avreb­be­ro rega­la­to i tre­ni che sareb­be­ro arri­va­ti in ora­rio, le bol­let­te che si sareb­be­ro abbas­sa­te e chi più ne ha più ne met­ta. Una cam­pa­gna che il magni­fi­co stra­te­ga ha basa­to sul lui con­tro tut­ti e tut­to (“o me o il sena­to”, “sono tut­ti con­tro di noi”, “la casta è tut­ta per il no”), un siste­ma media­ti­co total­men­te pro­no alla pro­pa­gan­da di Palaz­zo Chi­gi e ai wha­tsapp dei gran­di spin doc­tor che han­no dato let­te­ral­men­te i nume­ri rac­con­tan­do pri­ma un van­tag­gio smi­su­ra­to del Sì e poi come se nul­la fos­se la gran­de rimon­ta di quel­lo stes­so Sì con­tro l’accozzaglia del No. Negli ulti­mi gior­ni, poi, l’apoteosi: han­no chia­ma­to in cam­po sui social, di cui si riten­go­no i più gran­di cono­sci­to­ri, per­si­no le pagi­ne buon­gior­ni­ste e rac­cat­ta like, met­ten­do in cam­po per il Sì la Madon­na e Homer Simp­son, e gli hash­tag spon­so­riz­za­ti e ogni gene­re di pro­mo­zio­ne su cui lan­cia­re sol­di per­ché risol­ves­se­ro il pro­ble­ma. Per­ché con­tra­ria­men­te alle veli­ne di palaz­zo sta­va­no sen­ten­do tre­ma­re la ter­ra sot­to i pie­di, e da un bel po’. Nean­che la stra­te­gia del ter­ro­re ha fun­zio­na­to, appel­lar­si al peri­co­lo popu­li­sta, al dilu­vio, ha fun­zio­na­to. Nean­che gli arti­co­li tele­fo­na­ti sui troll gril­li­ni orga­niz­za­ti (dal­la moglie di Bru­net­ta, abbia­mo sco­per­to) han­no fun­zio­na­to, men­tre i loro troll orga­niz­za­tis­si­mi deri­de­va­no, scher­ni­va­no e bom­bar­da­va­no siste­ma­ti­ca­men­te qual­sia­si voce osas­se espri­mer­si con­tro il pen­sie­ro domi­nan­te. Fino a qual­che minu­to fa. Poi, ine­so­ra­bi­le, è piom­ba­ta su tut­ta que­sta invin­ci­bi­le arma­ta la sua vera uni­ca neme­si: la realtà.

E la real­tà è che al giu­di­zio fina­le “o me o il sena­to”, i cit­ta­di­ni ita­lia­ni han­no rispo­sto con estre­ma con­vin­zio­ne e a lar­ga mag­gio­ran­za “gra­zie, ci tenia­mo il sena­to”.

Ed è così che il gran­de rot­ta­ma­to­re, il gran­de stra­te­ga, il gran­de comu­ni­ca­to­re, quel­lo che avreb­be cam­bia­to per sem­pre la poli­ti­ca ita­lia­na, è cadu­to. Ed è cadu­to male. Dopo due annet­ti. Un altro gover­nic­chio da pri­ma o da secon­da repub­bli­ca. Que­sta è la vera bef­fa. Il dan­no, inve­ce, ce lo sia­mo rispar­mia­ti. E que­sto è il dato da cui ripar­ti­re. Con­sci che que­sta è mol­to più la scon­fit­ta del Sì che non la vit­to­ria del No, e al tem­po stes­so con­sa­pe­vo­li che si trat­ta di un dato che fa tira­re un sospi­ro di sol­lie­vo: a que­sto tsu­na­mi di hybris era neces­sa­rio met­te­re un fre­no, per un fat­to di salu­te, di igie­ne. E ora pre­pa­ria­mo gior­ni miglio­ri, il lavo­ro vero comin­cia doma­ni, è già cominciato.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?