Un altro programma economico e sociale #èpossibile

L'ECONOMIA POSSIBILELeg­ge di sta­bi­li­tà, Jobs Act, Sal­va Ita­lia, dele­ga fisca­le. Si sus­se­guo­no i prov­ve­di­men­ti del gover­no in mate­ria eco­no­mi­co-socia­le e non si rie­sce a vede­re nes­sun cam­bio di dire­zio­ne rispet­to alle poli­ti­che dei pre­ce­den­ti gover­ni di cen­tro-destra e di lar­ghe intese.

In mol­ti casi piut­to­sto si tor­na indie­tro. O si rea­liz­za­no pro­po­ste su cui il cen­tro-destra ave­va incon­tra­to una fer­rea oppo­si­zio­ne da par­te del centro-sinistra.

Non è chia­ro dove fini­sce la media­zio­ne e dove si trat­ta di uno sna­tu­ra­men­to dei pro­gram­mi e dei valo­ri del cen­tro-sini­stra. L’am­bi­gui­tà è ali­men­ta­ta dal richia­mo ai vin­co­li euro­pei, spes­so stru­men­ta­le e per­fi­no pri­vo dei pre­sup­po­sti dichia­ra­ti. Oppu­re dai vin­co­li di bilan­cio, insor­mon­ta­bi­li eppu­re, quan­do si vuo­le, sormontati.

Su que­sti temi l’AS­SO­CIA­ZIO­NE “POSSIBILE” orga­niz­za un incon­tro a carat­te­re semi­na­ria­le per pre­sen­ta­re tre pro­po­ste chia­ve, di rile­van­za stra­te­gi­ca, che sono al cen­tro del dibat­ti­to poli­ti­co ma non tro­va­no fin qui spa­zio in un Par­la­men­to costret­to fino­ra a lavo­ra­re esclu­si­va­men­te sul­l’a­gen­da impo­sta dal governo.

  • Una leg­ge di rifor­ma del fisco e del­le misu­re di soste­gno ai meno abbien­ti, per lot­ta­re con­tro la dise­gua­glian­za e con­tro la pro­gres­si­va dif­fu­sio­ne del­la pover­tà: revi­sio­ne del­la cur­va del­le ali­quo­te per un fisco più pro­gres­si­vo, revi­sio­ne del­le detra­zio­ni e dei requi­si­ti per il bonus 80€, per una pro­gres­si­vi­tà linea­re, revi­sio­ne del­l’As­se­gno Socia­le alle Fami­glie per un sus­si­dio uni­ver­sa­le indi­vi­dua­le con­di­zio­na­to alla situa­zio­ne di biso­gno del nucleo di appar­te­nen­za. Pre­sen­ta­ta dal prof. Rug­ge­ro Pala­di­ni, che ne discu­te, tra gli altri, con gli on. Fran­ce­sco Boc­cia e Ste­fa­no Fassina.
  • Una leg­ge per l’i­sti­tu­zio­ne di un Red­di­to Mini­mo Garan­ti­to che con­si­ste in un sus­si­dio uni­ver­sa­le per tut­ti i mag­gio­ren­ni in cer­ca di lavo­ro al di sot­to di una soglia di red­di­to, a cari­co del fisco, abbat­ten­do i con­tri­bu­ti per disoc­cu­pa­zio­ne e CIG e tra­sfor­man­do l’e­sen­zio­ne IRAP in stru­men­to selet­ti­vo di poli­ti­ca indu­stria­le. Pre­sen­ta­ta dal­la prof. Rita Castel­la­ni che ne discu­te, tra gli altri con Bep­pe Alle­gri, Maria Pia Piz­zo­lan­te (TILT), Aldo Amo­ret­ti (XX mag­gio), Fran­ce­sca Pesce (ACTA)
  • Una leg­ge cor­ni­ce per una nuo­va poli­ti­ca di svi­lup­po mira­ta a incen­ti­va­re le impre­se che inve­sto­no sul­l’in­no­va­zio­ne in dire­zio­ne del­la soste­ni­bi­li­tà (socia­le, ambien­ta­le) e a pro­muo­ve­re lo svi­lup­po di una nuo­va eco­no­mia, basa­ta sul­l’in­no­va­zio­ne socia­le e sui pro­ces­si col­la­bo­ra­ti­vi, pre­sen­ta­ta dal dott. Lui­gi Cor­vo che ne discu­te, tra gli altri, con Enri­co Pari­sio Ago­sti­no Riitano

L’in­con­tro si svol­ge­rà a Roma, il pros­si­mo 18 mar­zo 2015, pres­so il Mee­ting Cen­ter in Lar­go del­lo Scau­ti­smo 1 (Metro B – Bolo­gna) dal­le 18 – 21.30 e sarà con­clu­so da Giu­sep­pe Civa­ti.

Segui­rà una cena/buffet di autofinanziamento.

Sca­ri­ca il docu­men­to intro­dut­ti­vo.

Vai all’e­ven­to Face­book.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.