Ultime lettere del Partito Democratico

ultime-lettere

C’è qual­co­sa di roman­ti­co nel recen­te scam­bio epi­sto­la­re tra espo­nen­ti del PD. Roman­ti­co al con­tra­rio, però. Come per Jaco­po Ortis, le ulti­me let­te­re dei demo­cra­ti­ci pre­co­niz­za­no la fine per mano pro­pria di chi scri­ve. Il sui­ci­dio.

Ma men­tre l’eroe fosco­lia­no giun­ge all’estrema deci­sio­ne per aver rag­giun­to la con­sa­pe­vo­lez­za che la vita ha sen­so sola­men­te se si rie­sco­no a per­se­gui­re fino in fon­do i pro­pri idea­li poli­ti­ci e le pro­prie pas­sio­ni, gli anti­e­roi del “più gran­de par­ti­to del­la sini­stra ita­lia­na” si diri­go­no ver­so l’autodistruzione per i moti­vi esat­ta­men­te oppo­sti.

Il pri­mo è che non han­no con­sa­pe­vo­lez­za pra­ti­ca­men­te di nien­te, l’altro è che il frut­to dell’incontro tra le “miglio­ri tra­di­zio­ni pro­gres­si­ste e rifor­mi­ste del Pae­se” ha vis­su­to gli ulti­mi tem­pi rin­ne­gan­do in ogni modo i pro­pri idea­li e sopen­do ogni pos­si­bi­le pas­sio­ne. La vera pre­sa di coscien­za quin­di gli è pre­clu­sa, per­ché non è faci­le ammet­te­re con se stes­si che quel­lo che dove­va esse­re un sogno col­let­ti­vo di ugua­glian­za, moder­ni­tà e rifor­mi­smo è diven­ta­to nien­te di più di una som­ma di grup­pet­ti che si scon­tra­no per un pote­re che han­no ormai irri­me­dia­bil­men­te per­so.

La par­te più dolo­ro­sa di tut­to ciò è che, men­tre si scri­vo­no e scri­ven­do si descri­vo­no, i diri­gen­ti del PD ten­go­no in ostag­gio un ven­ti per­cen­to di elet­to­ri Ita­lia­ni di sini­stra, che vivo­no nell’attesa che il loro par­ti­to diven­ti quel­lo che spe­ra­no. Una spe­ran­za legit­ti­ma, come quel­la di tut­ti i cari di un mala­to ter­mi­na­le. A con­fer­ma del fat­to che ogni spe­ran­za di riscos­sa è ormai vana, c’è che il PD, quan­do non par­la di sé a se stes­so, si rivol­ge per­lo­più ai delu­si. I delu­si dai cin­que stel­le, i delu­si dal­la poli­ti­ca, per qual­cu­no anche i delu­si del­la lega, sen­za con­ta­re che mol­ti di que­sti elet­to­ri vota­no per altri par­ti­ti per­ché già abbon­dan­te­men­te delu­si pro­prio dal PD.

“Illu­sio­ni!” gri­da­va il filo­so­fo per il pove­ro Ortis, “delu­sio­ni…” dice som­mes­sa­men­te il can­di­da­to demo­cra­ti­co di tur­no. Tra le righe di que­ste ulti­me let­te­re si intra­ve­do­no scis­sio­ni e gem­ma­zio­ni, all’orizzonte ci sono nuo­vi par­ti­ti dagli oriz­zon­ti piut­to­sto ristret­ti e intan­to tut­to intor­no suc­ce­de quel che suc­ce­de. È roba mol­to brut­ta e peri­co­lo­sa che ci sta tra­vol­gen­do e non si fer­me­rà fin­ché non cele­bre­re­mo in fret­ta l’ultimo salu­to a quel che è sta­to, maga­ri sui Col­li Euga­nei, e diven­te­re­mo capa­ci di con­trap­por­re idea­li, pas­sio­ni e anche illu­sio­ni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.