Trinseo: l’ennesima ferita per il territorio livornese

Eccoci di fronte all’ennesima, amara sorpresa per il territorio livornese. La solita multinazionale americana ha deciso, in tempi strettissimi, la cessazione di un'attività che dopo pesanti ristrutturazioni produceva utili e vantava elevati livelli di produttività ed efficienza, senza contare i risultati raggiunti in materia ambientale e di sicurezza sul lavoro.

Que­sto fine Ago­sto ha por­ta­to l’ennesima, ama­ra sor­pre­sa per il ter­ri­to­rio livor­ne­se, con la chiu­su­ra imme­dia­ta di una real­tà pro­dut­ti­va come Trin­seo, (ex Sty­ron, Dow) sto­ri­ca pre­sen­za nel­la nostra cit­tà. La soli­ta mul­ti­na­zio­na­le ame­ri­ca­na ha deci­so, in tem­pi stret­tis­si­mi, la ces­sa­zio­ne dell’attività pro­dut­ti­va e la dismis­sio­ne dell’impianto. Il pun­to è che rispet­to agli altri esem­pi visti negli anni pas­sa­ti, dove le moti­va­zio­ni del­la pro­prie­tà risie­de­va­no nel­la cri­si del mer­ca­to e nel­la scar­sa pro­dut­ti­vi­tà degli impian­ti pre­sen­ti, in que­sto caso potrem­mo par­la­re di deci­sio­ne vera­men­te “kaf­kia­na”, dato che sia­mo di fron­te ad un impian­to che dopo pesan­ti ristrut­tu­ra­zio­ni ope­ra­te negli anni pas­sa­ti, pro­du­ce­va uti­li e van­ta­va ele­va­ti livel­li di pro­dut­ti­vi­tà ed effi­cien­za, sen­za con­ta­re i risul­ta­ti rag­giun­ti in mate­ria ambien­ta­le e di sicu­rez­za sul lavo­ro. Un vero esem­pio di pro­du­zio­ne indu­stria­le eco-com­pa­ti­bi­le e di rispet­to del­le nor­ma­ti­ve sul lavoro.

Quin­di, nono­stan­te i prin­ci­pa­li para­me­tri neces­sa­ri per tene­re in pie­di un’attività pro­dut­ti­va fos­se­ro ampia­men­te posi­ti­vi, un “board”, in un altro con­ti­nen­te, ha deci­so lo stes­so di chiu­de­re. Evi­den­te­men­te sia­mo di fron­te ormai ad un siste­ma eco­no­mi­co pro­dut­ti­vo che è com­ple­ta­men­te “col­las­sa­to” e si muo­ve su logi­che tipi­che del­la cosid­det­ta “inter­na­zio­na­liz­za­zio­ne dei mer­ca­ti” dove la pro­du­zio­ne vie­ne sem­pre più con­cen­tra­ta in luo­ghi dove non esi­sto­no le nor­ma­ti­ve pre­sen­ti nel nostro Pae­se in mate­ria ambien­ta­le, di sicu­rez­za e di natu­ra fisca­le.

Tut­to que­sto, sen­za dare per scon­ta­to che la giu­sta scel­ta per i pro­pri azio­ni­sti sia­no sem­pre e solo le chiu­su­re e le dismis­sio­ni. Non dimen­ti­chia­mo­ci che la cri­si eco­no­mi­ca degli ulti­mi set­te anni è nata da un mer­ca­to in cui le spe­cu­la­zio­ni finan­zia­rie han­no pre­so il soprav­ven­to sull’economia rea­le, fat­ta di inve­sti­men­ti, impian­ti pro­dut­ti­vi e con­se­guen­ti posti di lavo­ro. Spes­so abbia­mo assi­sti­to a deci­sio­ni di ven­di­te, chiu­su­re od incor­po­ra­zio­ni che crea­va­no van­tag­gi per gli ammi­ni­stra­to­ri ma non cer­ta­men­te per la mas­sa dei pic­co­li azio­ni­sti che si tro­va­va­no improv­vi­sa­men­te con il valo­re dei pro­pri tito­li dra­sti­ca­men­te ridot­ti nell’arco di poche ore.

Quin­di, deca­de anche la moti­va­zio­ne del “divi­den­do a tut­ti i costi” ai pro­pri azio­ni­sti, per­ché le cro­na­che bor­si­sti­che degli ulti­mi anni han­no evi­den­zia­to per­di­te pesan­ti ed altret­tan­ti ridi­men­sio­na­men­ti dei valo­ri azio­na­ri inve­sti­ti nei più dispa­ra­ti set­to­ri a par­ti­re pro­prio dal­le gran­di multinazionali.

In que­sta logi­ca, le deci­sio­ni impor­tan­ti in mate­ria di eco­no­mia, finan­za, lavo­ro di inte­ri con­ti­nen­ti (nean­che più di sin­go­li Pae­si) ven­go­no pre­se da poche per­so­ne, a capo di veri e pro­pri colos­si che spes­so ope­ra­no sui mer­ca­ti in con­di­zio­ni di mono­po­lio o se va bene di oli­go­po­lio, influen­zan­do od elu­den­do le deci­sio­ni dei sin­go­li Gover­ni o Par­la­men­ti elet­ti dai cit­ta­di­ni. Dove è fini­to il con­cet­to di demo­cra­zia, van­to del nostro mon­do occi­den­ta­le? Per non par­la­re del­la logi­ca del mer­ca­to e del­la con­cor­ren­za, baluar­di del siste­ma capitalistico.

Que­sti sono i veri pun­ti che la clas­se poli­ti­ca dovreb­be ave­re il corag­gio di affron­ta­re e risol­ve­re, comin­cian­do maga­ri anche ad eser­ci­ta­re i pote­ri attri­bui­ti agli orga­ni­smi isti­tu­zio­na­li anco­ra esi­sten­ti, a comin­cia­re dagli enti loca­li, che di fron­te a chiu­su­re di impian­ti pro­dut­ti­vi di que­sto tipo, oltre a gesti­re le pro­ce­du­re di mobi­li­tà del per­so­na­le, pos­so­no per esem­pio vin­co­la­re le aree dismes­se a desti­na­zio­ne pro­dut­ti­va evi­tan­do le soli­te varian­ti urba­ni­sti­che che abbia­mo visto in pas­sa­to anche nel nostro territorio.

Anto­nio Cec­can­ti­ni — Livor­no Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?