Il tempo di migrare, ancora

Nel corso dello scorso anno, sono andate via dall’Italia 107.529 persone. Di queste, più di un terzo sono i giovani fra i 18 e i 34 anni (39.410, il 36,7 per cento), e in gran parte, 16.568, hanno scelto la Germania. Le regioni da cui si è partiti di più (ché la retorica demagogica è spesso urticante proprio perché falsa) sono state la Lombardia (20.888) e il Veneto (10.374).
Schermata-2016-10-06-alle-16.26.38

Era di novem­bre, il 21, all’alba di quel Nove­cen­to che tan­to a fon­do dovet­te poi scon­vol­ge­re la sto­ria, quan­do il mio bisnon­no sep­pe l’odore dell’aria a Ellis Island. Scen­de­va dall’Aller, basti­men­to del Lloyd Ger­ma­ni­co sal­pa­to da Napo­li, lo stes­so che tan­to impres­sio­nò l’allora cor­ri­spon­den­te da New York del Gior­na­le d’Italia per i mal­trat­ta­men­ti subi­ti dai migran­ti, fino a sor­ti­re addi­rit­tu­ra – e all’epoca i signo­ri non era­no soli­ti muo­ver­si per i cafo­ni – un’interrogazione del depu­ta­to Lui­gi Moran­di al mini­stro del­la Mari­na, nel dicem­bre del 1901. E, curio­so para­dos­so, il mira­co­lo eco­no­mi­co ave­va appe­na fini­to di dispie­ga­re i suoi effet­ti quan­do, nel mar­zo del ’64, fu mio non­no a var­ca­re i con­fi­ni, ver­so la Sviz­ze­ra a far mat­to­ni per le case dei ric­chi, lui che per ripa­ro dal­le stel­le in quel­la ter­ra ave­va sola­men­te il tet­to d’una baracca.

Potrei con­ti­nua­re con la saga, e met­ten­do­ci pure le migra­zio­ni inter­ne, anche fino a diven­tar­ne io stes­so pro­ta­go­ni­sta. Non è quin­di un fat­to nuo­vo, soprat­tut­to per quel­li nati più o meno nei posti dove sono nato io, in cui l’emigrazione è una tap­pa natu­ra­le nel­la cre­sci­ta di ognu­no: si vie­ne al mon­do, si diven­ta gran­di, si va via a cer­car for­tu­na da un’altra par­te. Non­di­me­no, leg­ge­re que­sta mat­ti­na i dati del Rap­por­to Ita­lia­ni nel Mon­do 2016, rea­liz­za­to e pre­sen­ta­to a Roma dal­la Fon­da­zio­ne Migran­tes, mi ha impres­sio­na­to. Nel­lo scor­so anno, sono anda­te via dall’Italia 107.529 per­so­ne. Di que­ste, più di un ter­zo sono i gio­va­ni fra i 18 e i 34 anni (39.410, il 36,7 per cen­to), e in gran par­te, 16.568, han­no scel­to la Ger­ma­nia. Le regio­ni da cui si è par­ti­ti di più (ché la reto­ri­ca dema­go­gi­ca è spes­so urti­can­te pro­prio per­ché fal­sa) sono sta­te la Lom­bar­dia (20.888) e il Vene­to (10.374).

Non solo non è fini­ta la cri­si, non solo la caba­li­sti­ca nume­ro­lo­gia di pote­re non rac­con­ta la real­tà che ha spin­to un nume­ro di per­so­ne pari a quel­lo di un capo­luo­go medio del “bel Pae­se” a lasciar­lo, ma si è tor­na­ti a pren­de­re le vali­gie, che ora chia­mia­mo trol­ley e riem­pia­mo d’identica malin­co­nia di quan­do eran di car­to­ne. Rispet­to al 2014, nel 2015 gli iscrit­ti all’Aire, l’anagrafe degli ita­lia­ni resi­den­ti all’estero, sono sta­ti il 6,2 per cen­to in più, por­tan­do il tota­le degli ita­lia­ni al di là dei con­fi­ni a rag­giun­ge­re quo­ta 4.811.163 (più 3,7 per cento).

Men­tre tut­to que­sto acca­de­va, men­tre i ragaz­zi, anche quel­li più pre­pa­ra­ti, pure i miglio­ri, lascia­va­no l’Italia, quel­li che rima­ne­va­no, vomi­ta­va­no indi­ci­bi­li spro­po­si­ti con­tro quan­ti, con modi dif­fe­ren­ti e dispe­ra­zio­ne incom­pa­ra­bil­men­te mag­gio­re, pro­va­va­no a tro­va­re una via per il loro sta­re al mon­do, o tam­bu­rel­la­va­no giu­li­vi sull’efficacia impal­pa­bi­le come un tweet di misu­re arca­ne fin nel­la lin­gua che s’incaricava di spie­gar­le e che solo, dice­va­no, uno sguar­do acce­ca­to dall’odio pre­giu­di­zia­le pote­va non scorgere.

Chie­den­do­ti poi da dove nasces­se la sfi­du­cia e per­ché pares­se cede­re al ran­co­re.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.