Il tempo di migrare, ancora

Nel corso dello scorso anno, sono andate via dall’Italia 107.529 persone. Di queste, più di un terzo sono i giovani fra i 18 e i 34 anni (39.410, il 36,7 per cento), e in gran parte, 16.568, hanno scelto la Germania. Le regioni da cui si è partiti di più (ché la retorica demagogica è spesso urticante proprio perché falsa) sono state la Lombardia (20.888) e il Veneto (10.374).

Era di novem­bre, il 21, all’alba di quel Nove­cen­to che tan­to a fon­do dovet­te poi scon­vol­ge­re la sto­ria, quan­do il mio bisnon­no sep­pe l’odore dell’aria a Ellis Island. Scen­de­va dall’Aller, basti­men­to del Lloyd Ger­ma­ni­co sal­pa­to da Napo­li, lo stes­so che tan­to impres­sio­nò l’allora cor­ri­spon­den­te da New York del Gior­na­le d’Italia per i mal­trat­ta­men­ti subi­ti dai migran­ti, fino a sor­ti­re addi­rit­tu­ra – e all’epoca i signo­ri non era­no soli­ti muo­ver­si per i cafo­ni – un’interrogazione del depu­ta­to Lui­gi Moran­di al mini­stro del­la Mari­na, nel dicem­bre del 1901. E, curio­so para­dos­so, il mira­co­lo eco­no­mi­co ave­va appe­na fini­to di dispie­ga­re i suoi effet­ti quan­do, nel mar­zo del ’64, fu mio non­no a var­ca­re i con­fi­ni, ver­so la Sviz­ze­ra a far mat­to­ni per le case dei ric­chi, lui che per ripa­ro dal­le stel­le in quel­la ter­ra ave­va sola­men­te il tet­to d’una baracca.

Potrei con­ti­nua­re con la saga, e met­ten­do­ci pure le migra­zio­ni inter­ne, anche fino a diven­tar­ne io stes­so pro­ta­go­ni­sta. Non è quin­di un fat­to nuo­vo, soprat­tut­to per quel­li nati più o meno nei posti dove sono nato io, in cui l’emigrazione è una tap­pa natu­ra­le nel­la cre­sci­ta di ognu­no: si vie­ne al mon­do, si diven­ta gran­di, si va via a cer­car for­tu­na da un’altra par­te. Non­di­me­no, leg­ge­re que­sta mat­ti­na i dati del Rap­por­to Ita­lia­ni nel Mon­do 2016, rea­liz­za­to e pre­sen­ta­to a Roma dal­la Fon­da­zio­ne Migran­tes, mi ha impres­sio­na­to. Nel­lo scor­so anno, sono anda­te via dall’Italia 107.529 per­so­ne. Di que­ste, più di un ter­zo sono i gio­va­ni fra i 18 e i 34 anni (39.410, il 36,7 per cen­to), e in gran par­te, 16.568, han­no scel­to la Ger­ma­nia. Le regio­ni da cui si è par­ti­ti di più (ché la reto­ri­ca dema­go­gi­ca è spes­so urti­can­te pro­prio per­ché fal­sa) sono sta­te la Lom­bar­dia (20.888) e il Vene­to (10.374).

Non solo non è fini­ta la cri­si, non solo la caba­li­sti­ca nume­ro­lo­gia di pote­re non rac­con­ta la real­tà che ha spin­to un nume­ro di per­so­ne pari a quel­lo di un capo­luo­go medio del “bel Pae­se” a lasciar­lo, ma si è tor­na­ti a pren­de­re le vali­gie, che ora chia­mia­mo trol­ley e riem­pia­mo d’identica malin­co­nia di quan­do eran di car­to­ne. Rispet­to al 2014, nel 2015 gli iscrit­ti all’Aire, l’anagrafe degli ita­lia­ni resi­den­ti all’estero, sono sta­ti il 6,2 per cen­to in più, por­tan­do il tota­le degli ita­lia­ni al di là dei con­fi­ni a rag­giun­ge­re quo­ta 4.811.163 (più 3,7 per cento).

Men­tre tut­to que­sto acca­de­va, men­tre i ragaz­zi, anche quel­li più pre­pa­ra­ti, pure i miglio­ri, lascia­va­no l’Italia, quel­li che rima­ne­va­no, vomi­ta­va­no indi­ci­bi­li spro­po­si­ti con­tro quan­ti, con modi dif­fe­ren­ti e dispe­ra­zio­ne incom­pa­ra­bil­men­te mag­gio­re, pro­va­va­no a tro­va­re una via per il loro sta­re al mon­do, o tam­bu­rel­la­va­no giu­li­vi sull’efficacia impal­pa­bi­le come un tweet di misu­re arca­ne fin nel­la lin­gua che s’incaricava di spie­gar­le e che solo, dice­va­no, uno sguar­do acce­ca­to dall’odio pre­giu­di­zia­le pote­va non scorgere.

Chie­den­do­ti poi da dove nasces­se la sfi­du­cia e per­ché pares­se cede­re al ran­co­re.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.