terremoto

#

29 Nov: Terremoto a Durazzo: l’Albania tra la tragedia e la solidarietà

L’Albania è il Paese balcanico con più legami storici con l’Italia, dove è maggiormente diffusa la lingua italiana, e dove i rapporti economici e commerciali con il nostro Paese si realizzano da tempo immemorabile. È un Paese in pieno boom economico con un livello di istruzione superiore alla media UE e ampi spazi per investimenti in vari settori, dove operano anche 2400 imprese italiane. 
#

01 Apr: Un viaggio lungo la faglia

Ho atteso la fine di una giornata pesante per assaporare nel silenzio serale il bellissimo reportage di Paolo Rumiz che oggi occupa otto pagine all’interno di Repubblica. Un viaggio lungo la faglia, dove ho ripercorso luoghi che conosco da una vita e che sono nella mia anima, e luoghi che ho conosciuto solo in seguito al sisma.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

23 Feb: Terremoto: una scuola solidale per Ancarano

Procede l’iniziativa “Scuola Solidale Possibile per Ancarano”: per aiutare in modo fattivo i luoghi del Centro Italia recentemente colpiti dal terremoto, il nostro comitato Scuola Possibile di Genova, con l’aiuto del comitato Possibile 5.0 – Genova, agli inizi di febbraio si è messo in diretto contatto con gli operatori di Ancarano (comune di Norcia) tramite Serena D’Andrea e, insieme con loro, ha deciso di raccogliere fondi per acquistare alcuni personal computer e una stampante multifunzione e creare un centro informatico con le necessarie cablature all’interno del nuovo plesso abitativo che ospiterà l’intera popolazione della piccola frazione.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

15 Feb: Terremoto nel centro Italia: «Nessuno rimarrà solo»?

Siamo andati a trovare Alice qualche settimana fa. Alice e la sua famiglia sono titolari dell’azienda Corradini di Amandola, nelle Marche. La loro bellissima azienda di agricoltura biologica è stata devastata dal terremoto prima e dalle nevicate poi. Sfinita dalla mancanza di risposte, ha inviato questa lettera al Presidente della Regione Marche e a noi per conoscenza per renderla pubblica e volentieri le diamo voce. Leggete le sue parole per capire come si vive oggi (e da mesi) nelle zone colpite dal sisma, quelle in cui “nessuno rimarrà solo”. Zone abitate da persone che sanno cosa significhi rimboccarci le maniche e lavorare duro, ma che da soli non possono farcela.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

14 Feb: Costituente delle idee: dalla solidarietà alla progettazione del futuro

Possibile l’uguale ce l’ha nel simbolo, lo abbiamo detto molte volte. E, impegnati a contrastare le disuguaglianze in ogni campo, sappiamo quanto l’aiuto immediato, che può fare la differenza nella vita delle singole persone, debba andare di pari passi con l’analisi, la progettazione di lungo periodo, sempre con lo sguardo rivolto al futuro e non alla conservazione di modelli e soluzioni che, se sono mai state una risposta adeguata, oggi di sicuro non lo sono più.

  •  
  •  
  •  
  •