Svolta Green o moda del momento?

Alcu­ni gior­ni fa il Gover­na­to­re del­la Regio­ne Lazio e Segre­ta­rio del PD, Nico­la Zin­ga­ret­ti, ha lan­cia­to sei gran­di azio­ni per la svol­ta ver­de. Azio­ni cer­ta­men­te inte­res­san­ti, uti­li ed impor­tan­ti ma la real­tà come al soli­to stri­de agli occhi.

Chi scri­ve vive nel Lazio ed abi­ta in un pic­co­lo pae­si­no in pro­vin­cia di Fro­si­no­ne, San Gio­van­ni Inca­ri­co, nel qua­le svol­ge il ruo­lo di Con­si­glie­re Comu­na­le. Vor­rei ricor­da­re al Pre­si­den­te del­la Regio­ne Lazio che dal­le nostre par­ti stan­no emer­gen­do ogni gior­no gra­vis­si­mi pro­ble­mi ambien­ta­li e le isti­tu­zio­ni bal­bet­ta­no, lati­ta­no e — in alcu­ni casi — sono corresponsabili.

Nell’ottica di una svol­ta green non sem­bra soste­ni­bi­le aver con­ces­so, pochi mesi fa e per l’ennesima vol­ta un ulte­rio­re amplia­men­to del­la Disca­ri­ca di Roc­ca­sec­ca. Una disca­ri­ca nata prov­vi­so­ria all’inizio del mil­len­nio e che ora si sta svi­lup­pan­do addi­rit­tu­ra in ver­ti­ca­le, nono­stan­te il pare­re con­tra­rio del Mibact, oltre alla fer­ma oppo­si­zio­ne dei Comu­ni e dei comi­ta­ti ambien­ta­li­sti. Le diret­ti­ve euro­pee e la svol­ta impres­sa con l’approvazione del­la stra­te­gia dell’Economia Cir­co­la­re da par­te del­le Com­mis­sio­ne euro­pea nel 2015, impon­go­no di por­ta­re meno quan­ti­tà pos­si­bi­le di rifiu­ti in disca­ri­ca ma in que­sto caso la rispo­sta è sem­pre sta­ta che non ci sono alter­na­ti­ve. Un nuo­vo pia­no regio­na­le dei rifiu­ti sareb­be neces­sa­rio e dove­ro­so. Fino a quan­do que­sti prov­ve­di­men­ti essen­zia­li non ver­ran­no pre­si, noi, gli abi­tan­ti del­la vol­ga­re Pro­vin­cia, sare­mo desti­na­ti a sop­pe­ri­re alle man­can­ze altrui. Non è evi­den­te­men­te green, oltre che esse­re poli­ti­ca­men­te negli­gen­te, il man­ca­to avvio di un siste­ma di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta, di cui la Capi­ta­le avreb­be biso­gno men­tre inve­ce con­ti­nua a soste­ne­re un ciclo dei rifiu­ti nove­cen­te­sco ed inquinante.

Tor­nan­do alla vicen­da del­la Disca­ri­ca, in segui­to, tro­va­re pote­te tro­va­re il testo dell’inter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re pre­sen­ta­ta dal nostro grup­po nel­la pas­sa­ta legi­sla­tu­ra: http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/11328&ramo=CAMERA&leg=17.

Che dire del­la sor­te del Fiu­me Mel­fa? È sta­to let­te­ral­men­te spo­sta­to dal­la sua sede natu­ra­le, sen­za gene­ra­re rea­zio­ni da par­te dall’Ente Regio­na­le pre­po­sto. Spo­sta­to un Fiu­me. Al momen­to, che io sap­pia, non ci sono sta­te rea­zio­ni da par­te dall’Ente Regio­na­le a tal pro­po­si­to. Ad un cen­ti­na­io di metri di distan­za, ricor­do, c’è anche un impian­to di TMB che anno dopo anno acco­glie sem­pre più rifiu­ti del­la Capitale.

La situa­zio­ne non è miglio­re nel­la zona nord. La Regio­ne Lazio ha con­ces­so alla Maran­go­ni Spa l’autorizzazione alla rimes­sa in eser­ci­zio dell’inceneritore, ad Ana­gni. La Regio­ne Lazio — dichia­ra Legam­bien­te — ha fat­to rife­ri­men­to ad una valu­ta­zio­ne d’impatto ambien­ta­le del 2000, non tenen­do con­to degli even­ti che si sono suc­ce­du­ti negli anni e che han­no pesan­te­men­te aggra­va­to le cri­ti­ci­tà ambientali.

Pur­trop­po nean­che il sud di que­sta pro­vin­cia è esen­te da seri pro­ble­mi e pur­trop­po le isti­tu­zio­ni sono assen­ti. In una zona tra Cas­si­no e Sant’Elia Fiu­me Rapi­do, Nocio­ne, dopo anni ed anni di denun­ce da par­te degli ambien­ta­li­sti loca­li, sono sta­ti rin­ve­nu­ti rifiu­ti inter­ra­ti che qual­cu­no – giu­sto ieri — ha pro­va­to ad incen­dia­re. Ma non è fini­ta qui, per­ché nel­la mede­si­ma zona è pre­sen­te un ingen­te quan­ti­ta­ti­vo di rifiu­ti abban­do­na­ti, in un’area già sot­to­po­sta a seque­stro, un capan­no­ne con la coper­tu­ra in Eter­nit. Una rela­zio­ne dei Vigi­li del Fuo­co sostie­ne che in caso di incen­dio si pos­sa crea­re un’emergenza sani­ta­ria ed ambien­ta­le che dure­rà per anni ed anni. Una vera bom­ba ecologica.

Nel­la mas­si­ma sin­ce­ri­tà sarei con­ten­to e feli­ce se ci fos­se una vera, con­cre­ta, sin­ce­ra svol­ta green su que­sti temi. La sal­va­guar­dia ambien­ta­le deve esse­re l’obiettivo di tut­ta la comu­ni­tà. Però se si vuol costrui­re un approc­cio poli­ti­co o una cul­tu­ra ambien­ta­li­sta, se si vuo­le dimo­stra­re dav­ve­ro un cam­bia­men­to, non pos­sia­mo che par­ti­re dal­le scel­te sui ter­ri­to­ri. È così che si misu­ra il rea­le cam­bia­men­to poli­ti­co. Altri­men­ti il ver­de diven­ta solo un toc­co di colo­re get­ta­to a caso in qua­dro a tin­te fosche, un mero acces­so­rio argo­men­ta­ti­vo e null’altro. Una moda del momen­to e non un inve­sti­men­to per il futuro.

 

Umber­to Zimarri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.