Sulle Pensioni solo rattoppi e nuove distorsioni

E' un classico della politica nostrana: l'anticipazione delle riforme autunnali, da leggersi sotto l'ombrellone (ovviamente per i più fortunati). Quest'anno le indiscrezioni dei giornali riguardano le pensioni.

E’ un clas­si­co del­la poli­ti­ca nostra­na: l’an­ti­ci­pa­zio­ne del­le rifor­me autun­na­li, da leg­ger­si sot­to l’om­brel­lo­ne (ovvia­men­te per i più for­tu­na­ti). Que­st’an­no le indi­scre­zio­ni dei gior­na­li riguar­da­no le pen­sio­ni — che nel­lo spe­ci­fi­co stan­no diven­tan­do una disci­pli­na olim­pi­ca, alla stre­gua del Deca­thlon — e rap­pre­sen­ta­no un qua­dro d’in­sie­me che par­reb­be sem­bra­re orga­ni­co ed inve­ce è pur­trop­po anco­ra un elen­co di rat­top­pi, nel­la mag­gior par­te dei casi pri­vo di spe­ci­fi­ca­zio­ne e quin­di dif­fi­ci­le da por­re sot­to la len­te del valutatore.
Ma ci pro­via­mo lo stes­so, pur in defi­cit di dettagli.

1 — APE
L’An­ti­ci­po Pen­sio­ni­sti­co è lo stru­men­to ipo­tiz­za­to per ren­de­re più fles­si­bi­li le usci­te dal lavo­ro per chi ha più di 63 anni (ovve­ro per i nati fra il 1951 e il 1953). E’ un modo mol­to ori­gi­na­le (eufe­mi­smo) per intro­dur­re fles­si­bi­li­tà sen­za pre­giu­di­ca­re gli introi­ti con­tri­bu­ti­vi, ma ser­ven­do in cam­bio un taglio del­l’as­se­gno men­si­le per il lavoratore/pensionato. Fino­ra si è valu­ta­to il taglio nel­l’or­di­ne dell’1–4% per gli asse­gni più bas­si, nel caso di usci­ta anti­ci­pa­ta di un anno. Va da sé che l’in­ter­ven­to sul­l’as­se­gno men­si­le varia al cre­sce­re del­l’im­por­to e del nume­ro di anni di anti­ci­pa­zio­ne: ciò che vie­ne fat­to pas­sa­re — fra le righe — come approc­cio pro­gres­si­vo, è in real­tà solo il frut­to del mero cal­co­lo arit­me­ti­co (tan­to è gran­de l’an­ti­ci­pa­zio­ne, tan­to è cospi­cuo il taglio).

Nono­stan­te non si abbia­no infor­ma­zio­ni rela­ti­ve al fun­zio­na­men­to del­la detra­zio­ne, con­si­de­ria­mo ugual­men­te l’i­po­te­si di un lavo­ra­to­re nato nel 1951, con alme­no 35 anni di anzia­ni­tà con­tri­bu­ti­va e con retri­bu­zio­ne lor­da annua nel­la media (22100 euro; dati MEF 2014). Il bilan­cio del­l’an­ti­ci­pa­zio­ne di un anno è nega­ti­vo, per due ordi­ni di ragioni.

a) Il costo del mutuo — pari a 10,6 mila euro, con tas­so di inte­res­se del­l’1,5% — supe­ra del 3,6% l’as­se­gno del­l’an­no in più di pen­sio­ne per­ce­pi­to dal lavo­ra­to­re. Ne con­se­gue che tut­ti i lavo­ra­to­ri con red­di­to infe­rio­re alla media non sono incen­ti­va­ti all’u­sci­ta anti­ci­pa­ta. Il rap­por­to fra anti­ci­pa­zio­ne e costo del mutuo ini­zia ad esse­re supe­rio­re a 1 per retri­bu­zio­ni annue lor­de supe­rio­ri a 24mila euro.

b) Il mutuo inci­de­reb­be per cir­ca il 5% sul­l’as­se­gno men­si­le (41 euro per 13 men­si­li­tà). E’ auspi­ca­bi­le che la detra­zio­ne agi­sca in modo da cor­reg­ge­re que­sta distorsione.

Pur­trop­po, nien­te di nuo­vo sul fron­te del­le rifor­me: come in altri casi (un esem­pio lam­pan­te, il bonus 80 euro et altri) le distor­sio­ni, mes­se in ope­ra più o meno scien­te­men­te, sono sem­pre a favo­re dei per­cet­to­ri di red­di­to medio-alti.

2 — ALTRE MISURE
Le altre misu­re in pista, in linea di prin­ci­pio, sono auspi­ca­bi­li ma la man­can­za di spe­ci­fi­ci­tà del­la pro­po­sta ren­de ogni valu­ta­zio­ne fine a sé stes­sa. Ad esem­pio, l’e­li­mi­na­zio­ne dei costi per ricon­giun­ge­re i con­tri­bu­ti ver­sa­ti è cer­ta­men­te prov­ve­di­men­to neces­sa­rio, di giu­sti­zia socia­le si direb­be, qua­lo­ra effet­ti­va­men­te inci­des­se sui tan­ti lavo­ra­to­ri auto­no­mi e dipen­den­ti che per ragio­ni diver­se han­no dovu­to acce­de­re alla gestio­ne separata.

L’am­plia­men­to del­la No Tax Area, tut­ta­via, andreb­be inse­ri­to in un qua­dro più ampio di eli­mi­na­zio­ne del­le sto­ri­che dispa­ri­tà di trat­ta­men­to rispet­to al lavo­ro auto­no­mo, in cui la soglia del­la ‘tas­sa­zio­ne zero’ è mol­to più bas­sa (4800 euro). Si potreb­be agi­re doma­ni, con un uni­co prov­ve­di­men­to che uni­for­mi le tre diver­se soglie (di lavo­ra­to­ri dipen­den­ti, lavo­ra­to­ri auto­no­mi e pen­sio­ni), agen­do in par­te anche sul­le detrazioni.

Det­to ciò, l’o­bie­zio­ne più con­si­sten­te è che man­che­reb­be la quan­ti­fi­ca­zio­ne dei costi, spe­cie per talu­ni prov­ve­di­men­ti pro­po­sti, come le sei men­si­li­tà di con­tri­bu­zio­ne gra­tui­ta per i lavo­ra­to­ri cosid­det­ti pre­co­ci. La sto­ria si ripe­te: sem­pre pri­ma gli annun­ci, con cui si pro­fi­la un cer­to tipo di azio­ne di gover­no. Dopo, sol­tan­to dopo, si pas­sa alla tra­du­zio­ne degli annun­ci nel­le pro­po­ste legi­sla­ti­ve, ma in que­sto pas­sag­gio — fat­to attra­ver­so una discus­sio­ne che non è mai pie­na­men­te pub­bli­ca e tra­spa­ren­te — resta­no le eti­chet­te men­tre il con­te­nu­to svanisce.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.